Lo speciale elezioni di Mentana sugli allori. Consacrazione dai dati d’ascolto

Lunedì le elezioni amministrative, soprattutto con i risultati dei ballottaggi di Milano e Napoli che hanno consegnato le chiavi delle città a Giuliano Pisapia e […]

Lunedì le elezioni amministrative, soprattutto con i risultati dei ballottaggi di Milano e Napoli che hanno consegnato le chiavi delle città a Giuliano Pisapia e a Luigi De Magistris, hanno generato un clima di euforia, di cambiamento nel Paese e nel sentire comune, tanto che una delle frasi più scritte, più dette in tv, ma anche tra la gente è stata “il vento è cambiato”. Questo è da verificarsi, ma nel frattempo un dato certo, e di mia competenza esiste: guardando i dati di ascolto del “day after”, il vento è sicuramente cambiato per quanto riguarda l’informazione televisiva, queste elezioni hanno consacrato Enrico Mentana e il suo TgLa7 a faro dell’informazione.

I dati sono questi: partito alle 15 con una maratona chiusasi con il Tg delle 20 Mentana ha raccontato il pomeriggio di scrutinio innanzitutto giocando d’anticipo su Raiuno, che ha aperto il suo “Tg1 Speciale amministrative” condotto da Francesco Giorgino alle 15.30.
Un milione 363 mila sono stati gli italiani che hanno seguito l’esito elettorale su La7 per una share dell’11,68%; lo “Speciale Tg1”, chiusosi alle 18.45 per dare spazio al game show L’Eredità, ha totalizzato nella prima parte – tra le 15.30 e le 17 – un milione 296 mila telespettatori con una share del 12,07% e nella seconda parte – tra le 17.05 e le 18.45 un milione 219 mila telespettatori con una share del 11,91%.

Se andiamo ad analizzare i dati relativi ai target vediamo che lo “Speciale TgLa7” è stato seguito da un pubblico più giovane: raggiunge il 10,21% nella fascia 25-34 anni, mentre lo “Speciale Tg1” fa registrare il 7,26%, nella fascia 45-54 anni Mentana arriva al 12,52%, mentre lo “Speciale Tg1” si assesta all’8%; sugli over 65 lo “Speciale Tg1” la fa da padrone con il 19,99% di share.
Questi sono dati che ci dicono alcune cose assolutamente inedite rispetto soltanto all’anno precedente: il “TgLa7” di Enrico Mentana gode di una credibilità e di una autorevolezza cresciute e consolidate nell’arco della stagione; non solo, i numeri ci fanno dire che è visto dal telespettatore come il luogo in cui si apprendono le notizie: il fatto che sia stato sostanzialmente preferito – o scelto in quasi ugual misura – allo “Speciale del Tg1”, la rete ammiraglia del servizio pubblico, fa pensare ad un vero e proprio cambiamento nelle abitudini di consumo e fruizione dell’informazione. La sensazione è che il telespettatore viva il “TgLa7” come il telegiornale “di servizio”, quello davvero bypartisan tra le reti generaliste. Non dimentichiamo che il “TgLa7” è stato l’unico – insieme al Tg3 – a non dare l’intervista al premier Silvio Berlusconi per cui l’Agcom ha sanzionato i tg che l’hanno trasmessa in violazione della par condicio.

C’è anche un altro dato rilevante, relativo al prodotto televisivo stesso messo in scena lunedì: Mentana è riuscito a creare una tensione narrativa anche attraverso espedienti puramente televisivi, a partire dagli ospiti. Aveva i più forti sulla piazza: due nomi su tutti, Maurizio Belpietro e Marco Travaglio – astutamente seduti l’uno al fianco dell’altro -. Il pomeriggio è stato scritto giocando poi anche sull’alleggerimento – necessario per una maratona di cinque ore, ma non certo di facile realizzazione, il rischio banalizzazione sta dietro l’angolo -. Rischio ampiamente superato: le incursioni di Geppy Cucciari con il suo G-Election Day sono state puntuali e molto divertenti; il frammento di Roberto Benigni “rubato” al Festival della Felicità di Perugia un grande colpo di maestro, e, dulcis in fundo, il duetto Crozza-Bersani – peraltro tratto da un programma della stessa rete- giocato con furba disinvoltura.
Insomma Mentana con queste elezioni ha ricevuto la sua consacrazione – dopo un’annata già storica per il telegiornale di cui è diventato direttore meno di un anno fa -. La7 intanto gongola. A ragione. In attesa anche, forse, di Michele Santoro e Fabio Fazio? (Erika Brenna)

 

Gossip

Amici 16: Asia Nuccetelli amore con il cantante Alessio Mininni

Novella 2000 svela una liaison inaspettata: Asia Nuccetelli, l’ex concorrente del Grande Fratello Vip, figlia di Antonella Mosetti e il cantante Alessio Mininni concorrente della […]

TV

Uomini e Donne: Sonia Lorenzini elimina Luca Rufini

Nemmeno il tempo di iniziare un percorso con Sonia e termina dopo due puntate la presenza di Luca Rufini come corteggiatore del trono classico. Sonia […]

TV

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 23 a sabato 28 gennaio 2017

Scopriamo le anticipazioni della soap Il Segreto per la quarta settimana del mese di Gennaio.

Musica

Laura Pausini firma i messaggi d’amore dei Baci Perugina per San Valentino

I fan di Laura Pausini e i golosi dei dolci più romantici della Nestlè, potranno festeggiare il connubio prossimo per la festa di San Valentino. […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 23 a venerdì 27 gennaio 2017

Scopri le trame della soap Una Vita per l’ultima settimana del mese di Gennaio.

TV

Amici 16, Anticipazioni sull’ottava puntata: polemiche tra Lo Strego, Riccardo, Alessio e Andreas

Come svelato dal Ilvicolodellenews, è stata registrata l’ottava puntata di Amici che andrà in onda il prossimo 4 Febbraio. La puntata si è concentrata sulle […]

Un commento su “Lo speciale elezioni di Mentana sugli allori. Consacrazione dai dati d’ascolto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag