Elezioni, qual è il posto della cultura?

Comincia così il monitoraggio di Daring sui temi della Cultura in tempi di campagna elttorale…

Con la presentazione delle ultime liste la campagna elettorale per le politiche del 24 e del 25 febbraio è ufficialmente partita. Superate – si spera – le schermaglie sulle alleanze future e passate, su nomi e candidature, volti nuovi e volti stagionati, su “discese ardite e risalite” è il momento di parlare di programmi. La priorità assoluta è una e solo una, concordano all’unisono i contendenti variamente battezzando l’urgenza economica come ripartenza, ripresa, sviluppo, crescita, rilancio… e se le idee sul come rimettere in azione un motore sgangherato restano ancora fumose, come sempre ci penseranno gli slogan a sciogliere i dubbi degli indecisi, considerando che uno slogan ben concepito, Pagnoncelli docet, vale anche due – tre punti percentuali.

 

Non è uno slogan ma una necessità che trova un ruolo proprio nel dibattito pubblico quella della tutela dei beni culturali e del paesaggio come fattore di sviluppo economico. Perché considerarla una priorità lo spiega bene, se ce ne fosse bisogno, la ricerca condotta da Giacomo Neri dell’università Cattolica di Milano affermando che la cultura in Italia genera il 2 per cento del Prodotto interno lordo (36 miliardi) e occupa 470mila persone. E non è abbastanza: nel Regno Unito, la cultura produce ricchezza per 78 miliardi (il 3,8% del Pil) e riesce a occupare 850mila persone grazie soprattutto a un’industria creativa fervidissima. In Francia, invece, proprio come da noi, è il patrimonio storico-artistico a trainare il settore che però produce, contro i nostri 36 miliardi, un Pil di 81 miliardi (il 3,4% di quello complessivo), mentre in Germania il Pil generato dalla cultura è al 2,5% (69,5 miliardi) e occupa oltre un milione di persone.

 

Sono dati sufficienti a ribadire anche ai più indecisi, come un patrimonio culturale come quello italiano debba assumere un ruolo centrale nelle strategie  economiche, ma il dibattito deve uscire dalle pagine dei giornali e diventare tema di confronto tra le parti, anche in questa campagna elettorale. Al momento i segnali che arrivano dalla politica sono scarsi o nulli, nelle varie tribune televisive il tema non è ancora emerso, chissà se emergerà mai perché, sia detto chiaramente, in una campagna tutta giocata in tv l’argomento non è di quelli che portano voti a valanga. Più facile lanciare appelli generici di ripresa e tagli alle tasse, ed è difficile dover ammettere, in piena crisi, che il turismo culturale non può più considerarsi marginale e che per rilanciarlo servono anche investimenti. Perché occorre accantonare la propaganda e dire che si daranno soldi anche ai musei mentre le fabbriche continuano a chiudere, la disoccupazione cresce, gli imprenditori piangono, la scuola boccheggia, la sanità languisce … Quale dei leader in campo avrà voglia, e coraggio, di parlare di più fondi alle soprintendenze, di terzo settore e di sgravi fiscali per chi investe in cultura?  In definitiva, quale dei leader in campo scommetterà sulla maturità degli italiani?

 

E intanto il Sole 24 ore rispolvera le 5 domande sulla cultura ai candidati premier  e il Fai ha appena lanciato le “primarie della Cultura” . Sarà un caso? A proposito di Fai, intervistata da Rai News,  Ilaria Borletti Buitoni, presidente autosospesasi del Fondo Ambiente Italiano e capolista nel collegio Lombardia1 per “Scelta Civica” alla Camera dei deputati, spiega le ragioni della “chiamata” di Monti: occuparsi di beni culturali e ambiente. E sottolinea la centralità che il tema riveste nei piani di un futuro governo guidato dal premier uscente.

Noi però da Monti, così come da tutti gli altri contendenti, aspettiamo proposte precise e circostanziate. Nostro compito monitorare (continua…) (a.d)

TV

L’Isola dei Famosi 2017: Vladimir Luxuria nel ruolo di opinionista

Vladimir Luxuria torna all’Isola dei Famosi dopo essere stata concorrente e vincitrice nel 2008, opinionista e inviata rispettivamente nel 2011 e 2012.

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e la strage dei Mella

Francisca si vendica dei Mella per avergli soffiato la proprietà di Jaral…

Gossip

Amici 16: Riccardo Marcuzzo si è fidanzato con Giulia Pelagatti

Nella scuola di Amici nascono nuovi, giovanissimi amori che fanno breccia nel cuore dei telespettatori: il cantante Riccardo Marcuzzo e la ballerina Giulia Pelagatti confermano […]

Gossip

Brad Pitt e Kate Hudson, un nuovo amore?

I media australiani lanciano una news che infiamma il gossip: Brad Pitt, fresco di divorzio da Angelina Jolie e Kate Hudson, figlia dell’attrice Goldie Hawn, […]

Arte e Cultura

Good Design Award 2017: vince il design Made in Italy

I designer italiani Alessandro Loschiavo e Marco Paiani per Aliantedizioni, vincono il Good Design Award con una serie di tavolini ispirati agli Armillaria Borealis, specie di funghi tipici dei climi freddi.

TV

Un passo dal Cielo 4 anticipazioni prima puntata: stasera 17 gennaio 2017

Parte stasera la quarta stagione della fortunata serie di Rai1, Un Passo dal Cielo. Scopriamo la trama del primo episodio…

Un commento su “Elezioni, qual è il posto della cultura?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag