Napster: arriva il documentario firmato da Shawn Fanning e Parker

Un documentario che ripercorre la storia di Napster: nascita, splendore e declino. Ecco il video.

Prima di annunciarvi la notizia, se non sapete cosa sia Napster, perché troppo giovani o non giovani abbastanza, perché amanti della rete, ma non nerd al punto giusto, ecco un breve riassunto su tutto quello che c’è da sapere su Napster, la creatura dalla vita breve nata dall’ingegno di Shawn Fanning e Parker.

Napster fu il primo sistema di peer-to-peer di massa e divenne disponibile nell’estate del 1999. Tuttavia non era un peer-to-peer puro in quanto utilizzava un sistema di server centrali che mantenevano la lista dei sistemi connessi e dei file condivisi, mentre le transazioni vere e proprie avvenivano direttamente tra i vari utenti. Infatti questo è un sistema molto simile al funzionamento dell’instant messaging. Tuttavia già esistevano dei mezzi relativamente popolari che facilitavano la condivisione dei file, per esempio IRC, Hotline e Usenet.
I sostenitori di Napster furono sconcertati quando fu messo sotto processo. Per loro, sembrava che il file sharing fosse la caratteristica principe di Internet e consideravano Napster essenzialmente un motore di ricerca. Molti notarono che qualsiasi tentativo di chiudere Napster avrebbe spinto gli utenti ad utilizzare altri mezzi per lo scambio di file su internet (cosa che puntualmente è avvenuta mediante software peer-to-peer come Kazaa, Winmx e eMule Torrent). Analogamente i media descrivevano il servizio, come se fosse un sito web invece che un programma, e questo faceva credere che Napster fosse esso stesso un distributore di file musicali protetti da copyright, piuttosto che un programma che facilitava la condivisione degli stessi.
Nel luglio 2001, un giudice ordinò ai server Napster di chiudere l’attività a causa della ripetuta violazione di copyright. Il 24 settembre 2001 la sentenza fu parzialmente eseguita. L’accordo prevedeva che Napster pagasse come indennizzo 26 milioni di dollari come risarcimento per i danni del passato, per utilizzo non autorizzato di brani musicali e 10 milioni di dollari per royalties future. Per poter pagare queste parcelle, Napster tentò di convertire il servizio da gratuito a pagamento. Un prototipo fu testato nella primavera del 2002, ma non fu mai reso pubblicamente disponibile.
Il 17 maggio 2002, Napster venne acquistato da Bertelsmann AG per 8 milioni di dollari.
Secondo i termini dell’accordo il 3 giugno 2002 Napster chiese l’applicazione del Capitolo 11 al fine di mettersi sotto protezione delle leggi degli USA. Il 2 settembre 2002, un giudice fallimentare bloccò la vendita a Bertelsmann imponendo a Napster di liquidare i suoi asset secondo le disposizioni contenute nel capitolo 7 che regolavano i casi di bancarotta negli U.S.A. La maggior parte dei dipendenti di Napster venne licenziata e il sito web chiuse affiggendo la scritta: “Napster era qui”.
Dopo la chiusura di Napster vennero rilasciati diversi programmi peer-to-peer di condivisione file, tra i quali possiamo annoverare Morpheus e Kazaa. Ormai questi programmi hanno superato come utenze quelle di Napster come sorgente primaria di condivisione file MP3.
Il server centrale utilizzato da Napster divenne un obiettivo perseguibile legalmente (tuttavia un programma Napigator permetteva al software di Napster di collegarsi con dei server non ufficiali), in quanto su di esso operava un’attività illegale, rendendo Napster colpevole di negligenza per non aver effettuato i relativi controlli per evitarla. Altri sistemi ibridi come KaZaA e Audiogalaxy sono stati colpiti dall’industria discografica, invece sistemi peer-to-peer puri come Morpheus e LimeWire basati sul protocollo Gnutella hanno dimostrato la difficoltà da parte delle major di chiuderli, a causa della loro distribuzione su server decentralizzati.

La storia di Napster rivive in un documentario rivive grazie ai suoi creatori  Shawn Fanning e Parker, insieme a un attore Alex, hanno realizzato un documentario. Downloaded – questo il titolo – sarà presentato al prossimo South by Southwest (SXSW),  un festival musicale e cinematografico, composto anche di un insieme di conferenze e mostre interattive, che ha luogo ogni primavera ad Austin, la capitale del Texas, dal 1987.

Downloaded – SXSW 2013 Accepted Film from SXSW on Vimeo.

 

(b.p.)

TV

La dichiarazione di Emanuele Mauti a Sonia Lorenzini: “Auguri Amore Mio”

In occasione del compleanno di Sonia, Emanuele pubblica un lungo appassionato post in cui rivela tutto il suo amore per la tronista.

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: il suicidio di Mauro San Emeterio

Uno spoiler proveniente dalla penisola iberica annucia la morte del detective Mauro San Emeterio.

TV

Bufera su L’Isola dei Famosi: Moreno accusato di molestie

Un’aspirante cantante accusa il rapper di aver preteso favori sessuali in cambio di lavoro.

Arte e Cultura

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 27 febbraio a sabato 4 marzo 2017

Hernando e Camila si scambiano finalmente il loro primo bacio come marito e moglie. Scopriamo di più attraverso le anticipazioni di questa settimana.

TV

Amici 16: Vittoria Markov risponde ad Alessandra Celentano

Lo speciale di Amici andato in onda sabato scorso, è stato caratterizzato da accese polemiche per alcune parole pronunciate dall’insegnante di danza Alessandra Celentano, nei […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 27 febbraio a venerdì 3 marzo 2017

La confessione di Fabiana sconvolgerà le trame della soap per questa prima settimana di marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag