Sporca guerra e mele marce: arriva in Italia “Taxi to the dark side”

[John Grierson][1] definiva il documentario “un’interpretazione creativa della realtà”. Il caposcuola del movimento documentaristico britannico degli anni trenta, ci ricorda che, anche in ogni documentario […]

[John Grierson][1] definiva il documentario “un’interpretazione creativa della realtà”. Il caposcuola del movimento documentaristico britannico degli anni trenta, ci ricorda che, anche in ogni documentario chi guarda la realtà è sempre il regista, desideroso di veicolare un proprio messaggio attraverso le immagini. Il documentario non è quindi una piatta trascrizione di fatti, ma una concatenazione creativa di frammenti di realtà. Sta di fatto che per alcuni di essi le immagini sembrano dotate di voce propria. È il caso di [Taxi to the dark side][2] di [Alex Gibney][3], premio [Oscar][4] come miglior documentario nel 2008, che arriverà nelle sale italiane il 22 maggio distribuito dalla [Ripley’s film][5]. Alex Gibney cerca di mettere in luce la politica attuata dall’amministrazione di [George W. Bush][6] dopo [l’11 settembre 2001][7]. Negli ultimi anni, [104 prigionieri][8] sotto la custodia americana sono morti in circostanze sospette. Uno di questi è [Dilawar][9], un tassista afgano, ucciso nella base militare americana di [Bagram][10] in seguito alle percosse subite durante gli interrogatori. L’ultima corsa di Dilawar, il viaggio verso il “lato oscuro”, risale al primo dicembre 2002: il giovane tassista carica tre passeggeri e non fa più ritorno a casa. Da qui, prende le mosse il documentario di Gibney, che ha dichiarato di essere stato “letteralmente catturato da un articolo di [Tim Golden][11] sul New York Times, che ricostruiva l’incredibile vicenda del tassista Dilawar”. Gibney, attraverso ricostruzioni giornalistiche e interviste ai pochi militari semplici, puniti, cerca di capire se, come sosteneva Washington, quei soldati-torturatori fossero “poche mele marce” o se gli ordini venissero dall’alto ignorando la [Convenzione di Ginevra][12]. Verrà fuori chiaramente che i comandi venivano dall’alto. Vi ricordate, ad esempio, [Janis Karpinski][13], il generale che nelle foto di [Abu Ghraib][14] faceva il gesto della pistola sui genitali di una pila di prigionieri nudi? Dal documentario si apprende che l’hanno rimandata in America. Ad insegnare come si interrogano i prigionieri. Il documentario di Gibney si spinge, inoltre, a raccontare i numerosi e gravi episodi di violazione dei diritti umani, precedenti al [Patrioct Act][15] di Bush, ripercorrendo i metodi d’interrogatorio della [Cia][16] a partire dagli anni Cinquanta.
Taxi non è un film sulla guerra in Iraq sebbene vi si possano trovare molti riferimenti – spiega ancora Gibney – piuttosto è imperniato sulla [“guerra globale al terrorismo”][17] dichiarata da [Bush][18]. Ma ancora più a fondo è su quanto questa decisione politica abbia determinato un cambiamento sostanziale del [carattere degli americani][19]. Spero sia recepito come il racconto istruttivo su come alcune società vengano corrotte dalla [paura e dalla rabbia][20]”. (Valeria Tarallo)

[1]: http://videopillole.wordpress.com/2008/10/15/il-documentario/

[2]: http://www.newbrigand.it/2009/01/21/diritti-umani/

[3]: http://en.wikipedia.org/wiki/Alex_Gibney

[4]: http://kulturadimazza.ilcannocchiale.it/post/1804242.html

[5]: http://www.cinemadelsilenzio.it/index.php?mod=distribution&idd=155

[6]: http://unitaliano.myblog.it/archive/2009/04/19/obama-nuova-era-con-cuba-e-ch%C3%A1vez-voglio-esserle-amico.html

[7]: http://blog-pigreco.blogspot.com/2009/04/11-settembre-solo-una-data.html

[8]: http://cadalanu.blogautore.repubblica.it/2009/01/16/il-bilancio-della-tortura/

[9]: http://blog.donnamoderna.com/worldwidewomen/2008/08/26/il-presidente-di-alcuni/

[10]: http://www.camilloblog.it/archivio/2009/04/15/bagram-e-la-nuova-guantanano-liberal-contro-obama/

[11]: http://topics.nytimes.com/top/reference/timestopics/people/g/tim_golden/index.html

[12]: http://achtungbanditen.splinder.com/post/20344122/Insetti+orwelliani

[13]: http://www.repubblica.it/2004/e/sezioni/esteri/iraqtorture1/karpinski/karpinski.html

[14]: http://www.reset-italia.net/2009/04/21/torturati-centinaia-di-volte-parola-di-cia/

[15]: http://www.finanzainchiaro.it/dblog/articolo.asp?articolo=414

[16]: http://blog.panorama.it/mondo/2009/04/21/cia-in-rivolta-obama-rassicura-gli-007/

[17]: http://andreasacchini.blogspot.com/2009/04/perche-obama-assolve-i-responsabili.html

[18]: http://zucconi.blogautore.repubblica.it/2009/04/21/noi-non-torturiamo-quasi-mai/

[19]: http://www.kabbalah.info/it/blog/2009/04/20/quello-che-pensano-veramente-gli-americani-riguardo-a-dio/

[20]: http://ilgiornalieri.blogspot.com/2009/04/zeitgest-movie.html

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag