Recensione The Amazing Spider-man 2 di Marc Webb

Recensione del nuovo film di Marc Webb The Amazing Spider-man 2 Il potere di Electro in sala dal 23 aprile in 3D, un buon film romantico ma non all’altezza nella parte dedicata al supereroe

Il secondo capitolo della saga di The Amazing Spider-man 2, Il Potere di Electro (trailer), è finalmente giunto nella sale. Alla regia ancora una volta Marc Webb mentre nel cast si conferma la coppia (anche nella vita reale) Andrew Garfield e Emma Stone. Il cattivo di turno è interpretato da Jamie Foxx. In questo nuovo episodio esce fuori tutta la cifra stilistica del regista ex videoclipparo divenuto celebre per la commedia romantica 500 giorni insieme, ovvero ritroviamo uno Spiderman romantico invischiato in una relazione, paradossalmente, molto realistica e che convince e fa breccia nel cuore del pubblico. Tuttavia dal lato più prettamente supereroistico è un film impreciso e confusionario che non riesce a stare dentro i suoi, ben ampi, 140 minuti. La recensione.

Spider-man / Peter Parker (Andrew Garfield) è alle prese con un dubbio amletico: lasciare la sua fidanzata Gwen Stacy (Emma Stone) per sempre e non metterla così più nei guai, come promesso a suo padre in punto di morte, e rimanere il super eroe che sconfigge il crimine a New York oppure attaccare la calzamaglia al chiodo e dedicarsi alla propria fidanzata in tutta tranquillità. Dopo tutto la città la odia, non rispetta le sue gesta e ne ha paura, ma Gwen d’altro canto potrebbe andarsene a Londra a vivere e lavorare. Che fare? Nel frattempo la città è minacciata da ben 3 nemici, Electro (Jamie Foxx), Green Goblin e Rhino (Paul Giamatti).

Quindi una doppia anima per questo nuovo film di Spiderman, secondo capitolo della trilogia-reboot. La prima è quella romantica dove Webb se la cava meglio. La relazione travagliata tra Peter e Gwen e i loro tanti tira e molla sono ben scritti e ben girati, appassionano, e addirittura l’unico colpo di scena della pellicola è legato proprio a Gwen. Complici anche i due protagonisti, bellini e innamorati, e un bacio spettacolare sopra il ponte di Brooklyn, questa “anima” del film è la migliore. Purtroppo però è soprattutto un film con un super eroe e di quello bisogna parlare. E quando Peter diventa Spiderman, il film perde molto.

Tralasciamo la computer grafica eccelsa, il 3D immersivo e le scene d’azione ben dirette e spettacolari, ormai siamo abituati a questo livello, parliamo della ciccia, del contenuto oltre alla forma. Tre nemici sono troppi (c’era già cascato Raimi nel suo terzo capitolo) e ancora peggio se mal gestiti o buttati fuori nei minuti finali, così tanto per fare. Electro poi, il cattivo principale, è un pessimo personaggio. I suoi dialoghi fanno sempre sorridere per quanto sono ridicoli e il suo lato umano, Max, prima della trasformazione, è un incrocio patetico tra una caricatura da fumetto e un super nerd senza amici e senza rispetto per se. Sinceramente fa cascare le braccia. Webb e i suoi sceneggiatori mettono troppa carne al fuoco e si rendono conto troppo tardi di non riuscire a stare nei tempi (anche se molte cose torneranno nel prossimo capitolo).

Insomma, un buon episodio ma solo a metà. Buona la forma, buona la parte romantica, ma mal gestita quella concernente Spiderman, quella da supereroe ovvero il motivo per cui molti andranno al cinema. Ma sono sicuro che ai veri fans piacerà comunque, con buona pace di chi cerca qualcosa di più che un semplice divertimento adatto a teen ager e coppiette minorenni.

Cos’altro c’è al cinema? Clicca qui.

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag