Parte da Firenze la campagna per la riforma dell’Auditel

Riformare l’Auditel per migliorare la qualità della programamzione televisiva. Parte da Firenze, dal festival cinematografico “Italiani brava gente” – oggi al via -, la campagna […]

Riformare l’Auditel per migliorare la qualità della programamzione televisiva. Parte da Firenze, dal festival cinematografico “Italiani brava gente” – oggi al via -, la campagna nazionale che si propone di portare all’evidenza la necessità d’invertire la rotta in materia di rilevamenti televisivi. Promossa dalla gionalista Roberta Grisotti, da Cesare Cantù e Lorella Zanardo, autori del documentario “Il corpo delle donne” (che prende in analisi proprio il decadimento dell’immagine femminile in televisione), nonchè dal direttore del festival, Daniele Baroncelli, la campagna prenderà il via ufficialmente domenica sera (ore 19.30), nell’ambito della rassegna cinematografica che si svolge presso l’Auditorium Stensen (Viale Don Minzoni 25/C).

I motivi di contestazione del sistema Auditel non sono nuovi. Dall’incertezza sulla veridicità degli ascolti (registra solo i televisori accesi non il gradimento dei programmi); al fatto che la società omonima, formata da Rai, Mediaset e pubblicitari  opera da 24 anni in regime di monopolio e dunque non ha concorrenti ed essendo proprietà degli stessi “controllati” agisce in una sorta di conflitto d’interessi.

Il risultato di un sistema televisivo domenato dall’Auditel, sostengono i promotori della campagna “è che ogni prodotto tv è ideato e realizzato per vendere fette di pubblico al mercato della pubblicità. In base ai dati Auditel vengono spartiti fra canali pubblici e privati 4.800 miliardi di lire l’anno di entrate pubblicitarie. Chi vince la partita dell’Auditel è premiato nella programmazione e nei compensi di autori, registi, conduttori, dirigenti. Contenuti e forme delle trasmissioni ritenute più seguite vengono moltiplicati nei palinsesti, a discapito di varietà, creatività e pluralismo. I programmi penalizzati dall’Auditel, anche se utili, ben fatti e soprattutto graditi dal pubblico, vengono invece cancellati o spariscono rapidamente. La ricerca esasperata dell’audience ha prodotto guasti in ogni fascia oraria sacrificando la dignità delle persone, appiattendo le proposte su pochi generi e contenuti, rimuovendo la cultura”.

Con l’espansione delle piattaforme digitali, che consentono un rilevamento diretto e non a campione (l’Auditel si serve di un campione di 5mila famiglie), non solo si potrebbero “contare” gli spettatori in maniera adeguata, ma volendo, si potrebbe individuare anche il vecchio indice di gradimento.

Parola dell’Auditel: “Coerente con la propria “mission” di servizio finalizzato alla pianificazione pubblicitaria delle Imprese, Auditel non distingue – a parità di programma televisivo simultaneamente offerto – se esso è stato trasmesso da una fonte analogica, satellitare, digitale terrestre, ma totalizza le audience conseguite da ogni singola rete/canale che opera in condizioni di “simulcasting multipiattaforma”, cioè con diverse modalità di trasmissione contemporanee. Auditel nei propri “layout standard” inserisce dei “subtotali” che raggruppano le audience conseguite, per Editore, dalle singole reti di sua proprietà. Ad esempio: RAI 1, RAI 2, RAI 3, RAI NEWS24, RAI EDU, RAI UTILE, RAI SAT GAMBERO ROSSO ecc. = ToTALE RAI … e così via“.

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Un commento su “Parte da Firenze la campagna per la riforma dell’Auditel”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag