La recensione: Lei, un film sull’assurdo che illumina l’amore vero

Lei, premio Oscar 2014 per la miglior sceneggiatura. E’ un film per il quale affrettarsi… la recensione di Virginia Zullo

Lei scritto e diretto da Spike Jonze è un film intelligente e sofisticato dedicato all’eterno tema dell’incomunicabilità e della solitudine. La scrittura è fitta, pertanto la sceneggiatura tende ad impadronirsi anche delle immagini al punto da risultare talvolta eccessivamente verboso. Lei è un film sull’importanza e il valore del dialogo e delle confessioni di ogni minimo impulso e paura affinché una relazione possa esistere e durare.

Ambientato in un futuro ipertecnologico, racconta di Theodore Twombly, interpretato da un dolcissimo Joaquin Phoenix, un uomo solo e introverso che di professione scrive accorate lettere per conto di altri dettandole al computer. Vive in un fantastico attico con vista strepitosa su una New York scintillante e futurista, anche se per Theodore non vale il detto “la vue c’est la vie” (la vista è la vita) perché quell’attico meraviglioso sospeso sulle mille luci di New York pare solo una prigione dorata fatta di silenzio e solitudine. Una solitudine ed un silenzio interrotti solo dalla voce virtuale proveniente da un computer avveniristico.

Theodore cerca una relazione ma non vi riesce, i suoi incontri non vanno mai oltre il sesso. E’ tormentato dal fallimento del matrimonio con Chaterine e l’unica relazione che riesce ad instaurare è quella con una donna virtuale , una sorta di intelligenza artificiale dal nome OS1, dal fittizio nome di Samantha, una voce che lo segue, lo consola, lo aiuta e soprattutto lo comprende. Theodore ha un’amica, Amy, interpretata dalla sempre bravissima Amy Adams e anche lei ha una relazione con un OS1. La voce virtuale è presente ogni qualvolta Theodore lo desidera, sa comprenderlo profondamente, non lo giudica, lo ama e con questa voce riesce persino a fare l’amore.

Se ad un primo impatto  può risultare leggermente parossistico, il film ha però il pregio di far riflettere sulla necessità, in una coppia, del dialogo e dell’apertura. Cercare di dirsi tutto, di parlare, di confessare anche i tradimenti, le delusioni, le paure più profonde, i sogni, i desideri, i fallimenti, è l’unico modo perché una relazione possa funzionare . Il protagonista è tormentato dai ricordi che lo videro felice con la sua ex moglie, il fallimento di quel rapporto  lo tormenta ma la voce di Samantha riesce a ridargli una ragione di vita , il dialogo con questa voce virtuale da cui si sente amato, lo fa rinascere alla vita. Un giorno però la voce svanisce, Theodore è sconvolto ma grazie a quella assurda relazione virtuale comprende quanto è stato importante relazionarsi all’altro attraverso le  sue sole parole e cosi trova il coraggio per scrivere una lettera a Chaterine, la sua ex moglie . Le scrive una lettera meravigliosa, dove per la prima volta riesce a dire tutto ciò che non è riuscito ad esprimere. Sembra assurdo che un uomo che di professione scrive lettere d’amore per conto di altri non sia mai riuscito ad esprimere i suoi sentimenti alla donna che più amava, c’è voluta una presenza virtuale calda e comprensiva , un essere incorporeo dal quale non si sentiva guardato osservato o giudicato, perché potesse riscoprire il suo amore vero. Quella voce lo riporta al ricordo vero, alla vita vera, all’amore vero che non può esistere fuori dalle parole.

Lei: un film sulla virtualità di un amore che però insegna ad amare nella realtà, la scommessa più difficile della nostra vita. (Virginia Zullo)

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag