IOMA 2013: Italian Online Movie Awards, ecco i film

Gli appassionati di cinema sono gli appassionati di cinema e se questa affermazione sembra suonare ridondante, fidatevi che non è così. Coloro che divorano film […]

Gli appassionati di cinema sono gli appassionati di cinema e se questa affermazione sembra suonare ridondante, fidatevi che non è così. Coloro che divorano film e pellicole, sono i primi a dare giudizi e a volere che i propri giudizi abbiano valore. Per dare voci a tutti i cinefili, ci sono gli IOMA. Giunti all’edizione numero 11, gli IOMA sono una delle forme più democratiche di premiazione cinematografica, soprattutto perché a determinare prima dei vincitori anche le nomination, sono tutti gli utenti della rete.

Votare è facilissimo: attraverso il sito ufficiale ci si potrà iscrivere semplicemente chiedendo l’adesione e dal 15 al 21 aprile si possono votare i film che si contenderanno le nomination, tra quelli entrati in queste long-list nomination determinate dai voti di una Giuria di Selezione composta dai giurati che hanno visionato un elevato numero di film tra quelli usciti in sala dal 1 aprile 2012 al 31 marzo 2013.

L’annuncio delle nomination verrà fatto il 28 aprile: dal giorno successivo fino al 5 maggio si voterà per determinare i vincitori, che verranno annunciati il 12 maggio.

Miglior film

 

“Amour” di Michael Haneke

“Argo” di Ben Affleck

“Django Unchained” di Quentin Tarantino

“Il sospetto” di Thomas Vintenberg

“Killer Joe” di William Friedkin

“La Fuga di Martha” di Sean Durkin

“Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore” di Wes Anderson

“Noi siamo infinito” di Stephen Chbosky

“Oltre le colline” di Cristian Mungiu

“Pietà” di Ki-duk Kim

“Re della terra selvaggia” di Benh Zeitlin

“Take Shelter” di Jeff Nichols

“The Master” di Paul Thomas Anderson

“Un sapore di ruggine e ossa” di Jacques Audiard

“Zero Dark Thirty” di Kathryn Bigelow

 

Miglior film italiano

 

“Alì ha gli occhi azzurri” di Claudio Giovannesi

“Bella addormentata” di Marco Bellocchio

“Come non detto” di Ivan Silvestrini

“Diaz: Don’t Clean Up This Blood” di Daniele Vicari

“E’ stato il figlio” di Daniele Ciprì

“Il primo uomo” di Gianni Amelio

“Io e te” di Bernardo Bertolucci

“L’estate di Giacomo” di Alessandro Comodin

“L’intervallo” di Leonardo di Costanzo

“La migliore offerta” di Giuseppe Tornatore

“Reality” di Matteo Garrone

“Tutti i santi giorni” di Paolo Virzì

“Una famiglia perfetta” di Paolo Genovese

“Un giorno devi andare” di Giorgio Diritti

 

Miglior film d’animazione

 

“Ernest & Celestine” di Stéphane Aubier, Vincent Patar, Benjamin Renner

“Frankenweenie” di Tim Burton

“Hotel Transylvania” di Genndy Tartakovsky

“I Croods” di Kirk De Micco, Chris Sanders

“La collina dei papaveri” di Goro Miyazaki

“La tela animata” di Jean-François Laguionie

“Le 5 leggende” di Peter Ramsey

“Madagascar 3 – Ricercati in Europa” di Eric Darnell, Tom McGrath, Conrad Vernon

“ParaNorman” di Chris Butler, Sam Fell

“Pirati! Briganti da strapazzo”di Peter Lord, Jeff Newitt

“Ralph Spaccatutto” di Rich Moore

“Ribelle – The Brave” di Brenda Chapman, Steve Purcell

 

Miglior regia

Ben Affleck – “Argo”

Paul Thomas Anderson – “The Master”

Wes Anderson – “Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore”

Jacques Audiard – “Un sapore di ruggine e ossa”

Kathryn Bigelow – “Zero Dark Thirty”

William Friedkin – “Killer Joe”

Matteo Garrone – “Reality”

Michael Haneke – “Amour”

Ki-duk Kim – “Pietà”

Cristian Mungiu – “Oltre le colline”

Jeff Nichols – “Take Shelter”

Quentin Tarantino – “Django Unchained”

Thomas Vintenberg – “Il sospetto”

Joe Wright – “Anna Karenina”

Benh Zeitlin – “Re della terra selvaggia”

 

Miglior attore protagonista

Aniello Arena – “Reality”

Bradley Cooper – “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”

Daniel Day Lewis – “Lincoln”

Ryan Gosling – “Blue Valentine”

John Hawkes – “The Sessions – Gli incontri”

Hugh Jackman – “Les Misérables”

Logan Lerman – “Noi siamo infinito”

Mads Mikkelsen – “Il sospetto”

Joaquin Phoenix – “The Master”

Geoffrey Rush – “La migliore offerta”

Matthias Schoenaerts – “Un sapore di ruggine e ossa”

Toni Servillo – “E’ stato il figlio”

Michael Shannon – “Take Shelter”

Jean-Louis Trintignant – “Amour”

Denzel Washington – “Flight”

 

Miglior attrice protagonista

Jessica Chastain – “Zero Dark Thirty”

Marion Cotillard – “Un sapore di ruggine e ossa”

Valérie Donzelli – “La guerra è dichiarata”

Kara Hayward – “Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore”

Min-soo Jo – “Pietà”

Keira Knightley – “Anna Karenina”

Jennifer Lawrence – “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”

Brit Marling – “Another Earth”

Elisabeth Olsen – “La fuga di Martha”

Emmanuelle Riva – “Amour”

Cosmina Stratan – “Oltre le colline”

Quvenzhané Wallis – “Re della terra selvaggia”

Naomi Watts – “The Impossible”

Michelle Williams – “Blue Valentine”

Michelle Williams – “Marylin”

 

Miglior attore non protagonista

Alan Arkin – “Argo”

Kennet Branagh – “Marylin”

Robert De Niro – “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”

Leonardo Di Caprio – “Django Unchained”

Thomas Haden Church – “Killer Joe”

Paul Giamatti – “Cosmopolis”

Philip Seymour Hoffman – “The Master”

Samuel L. Jackson – “Django Unchained”

Tommy Lee Jones – “Lincoln”

Matthew McConaughey – “Killer Joe”

Ezra Miller – “Noi siamo infinito”

Edward Norton – “Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore”

Eddie Redmayne – “Les Misérables”

Max Von Sidow – “Molto forte, incredibilmente vicino”

Christoph Waltz – “Django Unchained”

 

Miglior attrice non protagonista

Amy Adams – “The Master”

Samantha Barks – “Les Misérables”

Jessica Chastain – “Take Shelter”

Sally Field – “Lincoln”

Cristina Flutur – “Oltre le colline”

Gina Gershon – “Killer Joe”

Eva Green – “Dark Shadows”

Anne Hathaway – “Les Misérables”

Helen Hunt – “The Sessions – Gli incontri”

Zoe Kazan – “Ruby Sparks”

Aurora Quattrocchi – “E’ stato il figlio”

Kelly Reilly – “Flight”

Léa Seydoux – “Sister”

Emma Watson – “Noi siamo infinito”

Jacki Weaver – “Il lato positivo – Silver Linings Playbook”

 

Miglior sceneggiatura originale

“Amour” – Michael Haneke

“Django Unchained” – Quentin Tarantino

“Il sospetto” – Tobias Lindholm, Thomas Vinterberg

“La guerra è dichiarata” – Valérie Donzelli, Jérémie Elkaïm

“Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore” – Wes Anderson, Roman Coppola

“Pietà” – Ki-duk Kim

“Reality” – Ugo Chiti, Maurizio Bracci, Matteo Garrone, Massimo Gaudioso

“Take Shelter” – Jeff Nichols

“The Master” – Paul Thomas Anderson

“Zero Dark Thirty” – Mark Boal

 

Miglior sceneggiatura non originale

“Argo” – Chris Terrio

“E’ stato il figlio” – Daniele Ciprì, Massimo Gaudioso

“Il lato positivo – Silver Linings Playbook” – David O. Russell

“Killer Joe” – Tracy Letts

“Lincoln” – Tony Kushner

“Noi siamo infinito” – Stephen Chbosky

“Oltre le colline” – Cristian Mungiu

“Re della terra selvaggia” – Lucy Alibar, Benh Zeitlin

“The Sessions – Gli incontri” – Ben Lewin

“Un sapore di ruggine e ossa” – Jacques Audiard, Thomas Bidegain

 

Miglior fotografia

“Anna Karenina” – Seamus McGarvey

“C’era una volta in Anatolia” – Gökhan Tiryaki

“Django Unchained” – Robert Richardson

“Lincoln” – Janusz Kaminski

“Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore” – Robert D. Yeoman

“Re della terra selvaggia” – Ben Richardsons

“Skyfall” – Roger Deakins

“The Master” – Mihai Malaimare Jr.

“Vita di Pi” – Claudio Miranda

“Zero Dark Thirty” – Greig Fraser

 

Miglior montaggio

“Argo” – William Goldenberg

“Cloud Atlas” – Alexander Berner

“Django Unchained” – Fred Raskin

“Killer Joe” – Darrin Navarro

“Pietà” – Ki-duk Kim

“Spring breakers – Una vacanza da sballo” – Douglas Crise

“The Avengers” – Jeffrey Ford, Lisa Lassek

“The Master” – Leslie Jones, Peter McNulty

“Un sapore di ruggine e ossa” – Juliette Welfling

“Zero Dark Thirty” – William Goldenberg, Dylan Tichenor

 

Miglior colonna sonora

“Anna Karenina” – Dario Marianelli

“Argo” – Alexandre Desplat

“Cloud Atlas” Reinhold Heil, Johnny Klimek, Tom Tykwer

“Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore” – Alexandre Desplat

“Reality” – Alexandre Desplat

“Re della terra selvaggia” – Dan Romer, Benh Zeitlin

“Skyfall” – Thomas Newman

“The Master” – Jonny Greenwood

“Un sapore di ruggine e ossa” – Alexandre Desplat

“Zero Dark Thirty” – Alexandre Desplat

 

Migliori effetti speciali

“Cloud Atlas”

“Il cavaliere oscuro – Il ritorno”

“Il grande e potente Oz”

“Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato”

“Prometheus”

“Quella casa nel bosco”

“The Amazing Spider-Man”

“The Avengers”

“The Impossible”

“Vita di Pi”

 

(b.p.)

 

Gossip

Brad Pitt e Kate Hudson, un nuovo amore?

I media australiani lanciano una news che infiamma il gossip: Brad Pitt, fresco di divorzio da Angelina Jolie e Kate Hudson, figlia dell’attrice Goldie Hawn, […]

Arte e Cultura

Good Design Award 2017: vince il design Made in Italy

I designer italiani Alessandro Loschiavo e Marco Paiani per Aliantedizioni, vincono il Good Design Award con una serie di tavolini ispirati agli Armillaria Borealis, specie di funghi tipici dei climi freddi.

TV

Un passo dal Cielo 4 anticipazioni prima puntata: stasera 17 gennaio 2017

Parte stasera la quarta stagione della fortunata serie di Rai1, Un Passo dal Cielo. Scopriamo la trama del primo episodio…

Gossip

Uomini e Donne: Mario Serpa nuovo opinionista del programma

Ieri si è registrata una nuova puntata di Uomini e Donne con una clamorosa novità: in studio, in veste di opinionista accanto a Tina Cipollari, […]

TV

Uomini e Donne: l’ex gieffino Alessandro Calabrese corteggia Sonia Lorenzini

Alessandro Calabrese è la prima novità di Uomini e Donne tra i corteggiatori di quest’anno. L’ex gieffino noto per la sua storia d’amore con Lidia […]

Musica

U2 secondo concerto a Roma il 16 Luglio 2017

Live Nation ha il piacere di annunciare una seconda e ultima data degli U2 in Italia. L’attesissimo U2: The Joshua Tree Tour 2017, il tour […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag