Il Papa, l’apocalisse … e il cinema

Da un lato la ragion di stato, dall’altro l’immaginario, e quando la ragion di stato è quella vaticana, la fantasia è pronta a sbizzarrirsi, anche al cinema

Se dopo il 21 dicembre 2012 ci fossimo aspettati nuovi segnali pre – apocalittici oggi non potremmo dire d’essere rimasti delusi, lo stesso Roberto Giacobbo non sarebbe mai arrivato a concepire nello stesso momento il verificarsi di un’abdicazione papale, il passaggio di un asteroide a un pelo dalla terra, un’eccezionale pioggia di meteoriti in Russia, la presenza di quel diavolo di Maurizio Crozza a Sanremo e la probabile ascesa di un ex comico plurimilionario alla politica che conta. Segnali inquietanti se presi singolarmente, cose da fine del mondo se si verificano tutte assieme (o quasi).

Senza voler scomodare profeti minori e dalla dubbia reputazione (Malachia) è tuttavia fuor dubbio che l’evento che ha colpito maggiormente la fantasia di complottisti e finemondisti sia stata l’abdicazione di Benedetto XVI dal trono di Pietro. Ma sia i complotti sia l’idea di una prossima fine del mondo richiedono una professione di fede. E allora, in mancanza di prove ragionevoli, meglio credere al futuro e alla benevolenza divina. Ad esempio è possibile immaginare un nuovo papa come Kiril I, l’Anthony Queen del film L’uomo venuto dal Kremlino (1968) che il giorno dell’incoronazione, annuncia a sorpresa la sua intenzione di mettere tutti i beni della Chiesa a disposizione dei poveri.

 

 

Se Celestino V è stato il papa più evocato dal momento in cui il mondo ha saputo delle dimissioni di Benedetto XVI l’analogia successiva è stata cinematografica e non storica; ovvero quella con il protagonista di Habemus Papam di Nanni Moretti, film in cui il fragile cardinale Melville, ritrovatosi a sorpresa eletto papa reagisce con la fuga. A interpretarlo uno straordinario Michel Piccoli che ha letto in maniera commovente la tempesta sotterranea dell’uomo: il disorientamento, la voglia di scomparire, la perplessità, lo spavento. Forse è stato la migliore papalina d’ogni tempo, anche se il ruolo del Papa lo hanno provato in tanti, al cinema e in tv. Meglio l’elegante Rex Harrison de il Tormento e l’estasi o il bonario Nerì Marcorè de Il sorriso di Dio?. E vi piacerebbe un papa collerico come Paolo Stoppa? E un papa donna avrà mai posto nella storia? Al cinema lo ha avuto, con Johanna Wokalek… 

 

MICHEL PICCOLI – Habemus Papam (2010)

 

JAMES CROMWELL –  Sotto il cielo di Roma (2010 film tv).

 

 

REX HARRISONIl tormento e l’estasi (1965)

 

 

PAOLO STOPPA –  Il Marchese del Grillo (1981)

 

 

NERI MARCORÈ – Papa Luciani, Il Sorriso Di Dio (2006 film tv)

 

 

JOHANNA WOKALEK – La Papessa (2009)

(a.d)

TV

Tutto su Soleil Sorge, la corteggiatrice di Uomini e Donne contesa tra Luca e Marco

Scopriamo di più sulla bella Soleil, la corteggiatrice che sta facendo girare la testa di Luca Onestini e Marco Cartasegna.

TV

La dichiarazione di Emanuele Mauti a Sonia Lorenzini: “Auguri Amore Mio”

In occasione del compleanno di Sonia, Emanuele pubblica un lungo appassionato post in cui rivela tutto il suo amore per la tronista.

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: il suicidio di Mauro San Emeterio

Uno spoiler proveniente dalla penisola iberica annucia la morte del detective Mauro San Emeterio.

TV

Bufera su L’Isola dei Famosi: Moreno accusato di molestie

Un’aspirante cantante accusa il rapper di aver preteso favori sessuali in cambio di lavoro.

Arte e Cultura

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 27 febbraio a sabato 4 marzo 2017

Hernando e Camila si scambiano finalmente il loro primo bacio come marito e moglie. Scopriamo di più attraverso le anticipazioni di questa settimana.

TV

Amici 16: Vittoria Markov risponde ad Alessandra Celentano

Lo speciale di Amici andato in onda sabato scorso, è stato caratterizzato da accese polemiche per alcune parole pronunciate dall’insegnante di danza Alessandra Celentano, nei […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag