Cannes, luci rosse sul festival

Al via mercoledì 15 la giostra del festival di Cannes, nella cornice festivaliera: glitter, star, artisti veri, artisti presunti, mondanità, serate di beneficenza, “paperoni” e “passatempi cosotosi”…

L’affare più grande di Cannes dopo il cinema? Il sesso. Lo svela The Hollywood Reporter, ne è certo l’uomo d’affari libanese Elie Nahas una volta habitué del Festival di Cannes, poi condannato in primo grado dalla giustizia francese a 8 anni di reclusione per aver gestito un giro di prostituzione.  Nahas, che possiede un’agenzia di moda con sede a Beirut, lavorava come uomo di fiducia per Moatessem Gheddafi, il figlio playboy di Muammar Gheddafi, ucciso con suo padre in Libia nel 2011. Dopo lunghe indagini Nahas nel 2007 è stato arrestato con l’accusa di gestire un giro di prostituzione che ha fornito più di 50 donne “di varie nazionalità” al giovane Gheddafi e ad altri ricchi clienti del Medio Oriente durante il festival. Clienti sparsi negli yacht in rada e nelle lussuose ville in collina.

Nahas nega gli addebiti e rilancia nel corso di un colloquio telefonico con THR da Beirut. “La polizia sa che cosa succede durante il festival del cinema, e chiude un occhio. Ma sono contro di me perché ho lavorato per Gheddafi”.

Ogni anno, le squillo di lusso che si riversano a Cannes sarebbero un numero imprecisato, rivlea il magazine,  la tariffa media è di 4.000 dollari a notte per le prostitute locali, che in tempi normali viaggiano intorno ai 100 euro a notte e che hanno il vantaggio di tenere buoni rapporti con il personale degli alberghi, cui si aggiunge una mole cospicua di “straniere” . Si stima che durante il festival da 100 a 200 prostitute passeggino dentro e fuori i grandi alberghi ogni giorno. Secondo Nahas i clienti più ambiti sono gli arabi, per cui un’escort riesce a raccogliere ” fino a 40.000 dollari a notte – dice  -. Gli arabi sono le persone più generose del mondo. A Cannes, portano i soldi in giro in mazzette di 10.000 euro. Per loro, è proprio come la carta”.

 

E infine il libanese dipinge la cartolina dello squallore, quella della serie sesso e potere che neppure al cinema riesce così vivida: “Ogni anno durante il festival ci sono 30 o 40 yacht di lusso nella baia di Cannes, e ogni barca appartiene ad una persona molto ricca Su ogni barca ci sono circa 10 ragazze; di solito sono modelle, e sono di solito nude o semi nude. Le ragazze sono tutti in attesa delle loro buste al termine della notte. E’ così da 60 anni”. Sarà vero o sono solo le esagerazioni di un uomo alle strette? Magari c’è una via di mezzo, magari… (a.d)

 

 

 

 

 

Gossip

Uomini e Donne: Federico Gregucci regala una fedina a Clarissa Marchese

Da quando sono usciti dal programma di Maria De Filippi, subito dopo la scelta, sono inseparabili. Stiamo parlando dell’ex tronista Clarissa Marchese e di Federico […]

Gossip

Maddalena Corvaglia annuncia la separazione da Stef Burns

Maddalena Corvaglia e Stef Burns si sono lasciati. Ad annunciarlo, su Instagram è proprio lei, con un lungo e amaro post che mette la parola […]

TV

Amici 16: Alex Braga accusa Lo Strego di arroganza

Nel daytime di Amici, sotto accusa Nicolas Burioni, in arte Lo Strego, dal professore di canto Alex Braga. Mentre per Giada e Elisa si lancia […]

TV

la neomelodica Nancy Coppola tra i naufraghi de L’Isola dei Famosi 12

Annunciato il nuovo concorrente de L’Isola dei Famosi 12 che sostituirà le Marchi, si tratta della neomelodica Nancy Coppola.

TV

Uomini e Donne: Luca Onestini e Manuel Vallicella divisi per Carmen

Nelle prime puntate del trono classico, emerge già una corteggiatrice ambita da entrambi i tronisti: Carmen Rimauro, 20 anni, napoletana, iscritta al terzo anno della […]

TV

Anticipazioni Un passo dal Cielo 4: stasera 19 gennaio 2017

Secondo appuntamento con la fiction Un Passo dal Cielo, stasera su Rai1. Scopriamo le anticipazioni della puntata del giorno.

Un commento su “Cannes, luci rosse sul festival”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag