Alberto Sordi. Roma lo ricorda così

E’ stato presentato il cartellone di eventi per celebrare
Alberto Sordi nel decennale della scomparsa

Per raccontare l’uomo, l’artista, l’icona dal 14 al 25 febbraio nella città che lo vide nascere sono state predisposte una serie di iniziative, promosse da Roma Capitale, Fondazione Alberto Sordi con la collaborazione, tra gli altri, di RadioRai. Una lunga serie di appuntamenti che si allargheranno dal centro alle periferie ripercorrendo le tappe della vita di Albertone e il suo cammino d’artista.

 

Sarà una mostra ospitata al Vittoriano ad inaugurare il 14 febbraio la festa. Alberto Sordi e la sua Roma” a cura di Gloria Satta, Vincenzo Mollica e Alessandro Nicosia, con l’organizzazione di Comunicare Organizzando presenterà fino al 31 marzo, immagini, filmati, pensieri, interviste, manifesti, sceneggiature, costumi di scena, documenti anche inediti, tutto messo a disposizione dalla sorella dell’attore, Aurelia. Un percorso espositivo che aprirà dei focus sui numerosi film di Sordi ambientati a Roma, da Un americano a Roma fino a Nestore l’ultima corsa, ricordando le celebri battute entrate ormai nel lessico comune

 

Il 16 febbraio alle 11, a Villa Borghese, accanto alla Casa del Cinema sarà inaugurato “Viale Alberto Sordi: Attore (1920 – 2003)”. Una via all’interno del parco dove passeggiare e consentire – a chi lo desideri – di soffermarsi e ricordare il grande artista.

 

Lo spazio della Pelanda a Macro Testaccio il 23 febbraio alle 16, nell’ambito della seconda edizione del Festival “C’era una volta. Gioco e giocattolo”, racconterà di un Alberto Sordi doppiatore. Ospiterà infatti, nella sala cinema, la proiezione del film “I diavoli volanti”, diretto nel 1939 da Edward Sutherland con Stanlio e Ollio e Alberto Sordi doppiatore di Oliver Hardy in Italia. Una filmografia, in questa insolita veste, piuttosto ricca: tra gli altri, ha dato voce a  Bruce Bennett, Anthony Quinn, John Ireland, Robert Mitchum, Pedro Armendariz e, tra gli italiani, Franco Fabrizi e Marcello Mastroianni.

 

 L’Auditorium del Parco della Musica ricorderà Alberto Sordi il 23 febbraio alle 21 nella Sala Sinopoli,  grazie alla Gerardo Di Lella Grand’Orchestra che eseguirà fedelmente le partiture originali dei film e quei brani di cui sono state perse le partiture che, il 24 febbraio del 2004 – primo anniversario della scomparsa di Alberto Sordi – furono trasmesse in prima serata su Raidue nel concerto diretto da Gerardo Di Lella, chiamato proprio dal maestro Piccioni, compositore delle colonne sonore dei film di Sordi.

 

 Il 23 febbraio al Teatro Tor Bella Monacaalle 17 e alle 21 – e il 24 febbraio al Teatro Biblioteca Quarticcioloalle 17 – due sedi del circuito Casa dei teatri e della Drammaturgia Italiana, sarà proiettato il famosissimo Amore mio aiutami” del 1969, dove troviamo Sordi in coppia con Monica Vitti, attore ma anche regista. Un film, recentemente restaurato da Compass Film.

 

La Casa del Cinema, il 24 febbraio alle 11 ospiterà la proiezione del film Bravissimo”, con un Alberto Sordi – diretto da Luigi Filippo D’Amico – nei panni del maestro elementare Ubaldo Impallato.

 

È bello credere, e non si crede facendo tanti ragionamenti: io sono cristiano, la vita mi ha sempre più convinto che il cristianesimo è vero. Che bisogno c’è di ragionarci su?” Una religiosità semplice immediata e nel contempo profonda quella raccontata da Alberto Sordi in un’intervista. E un momento doveroso di raccoglimento sarà quello della messa celebrata in sua memoria nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo alle 11.00 del 24 febbraio – con ingresso ore 10.45 –  e trasmessa in diretta Rai.

 

All’interno della Galleria Sordi, il 25 febbraio alle 20.30, ultimo giorno di questa festa, romana ma internazionale, si potrà assistere al cult Un americano a Roma”, con la regia di Steno.

 

Grazie alla collaborazione con Radio Rai, il 23, 24 e 25 febbraio, nelle stazioni Metro  e in Galleria Sordi sarà possibile riascoltare la voce di Alberto Sordi nel ruolo di speaker, in una carrellata sulle sue molteplici trasmissioni radiofoniche. Tanti i passaggi che ci riporteranno a “La partita di calcio” del 1949, a “L’americano del Kansas City” con il Quartetto cetra del 1955, fino al conosciutissimo “Mario Pio” con Gianni Agus del 1971.

(a cura di g.m)

 Adobe Photoshop PDF

 

Musica

Giò Sada al South by SouthWest di Austin in Texas

Grandi novità in vista per Giò Sada che, dopo un tour ricco di date in Italia e il coast to coast in USA con il […]

TV

Massimo Ceccherini lascia l’Isola dei Famosi, televoto annullato

Complice una settimana molto dura e l’ennesimo litigio con Raz Degan, il comico toscano Massimo Ceccherini ha deciso di lasciare l’Isola dei Famosi, annunciando oggi […]

Moda

Anna Calvi Live For Burberry

Lunedì sera Burberry ha presentato al Makers House di Londra la nuova collezione maschile e femminile ‘February 2017’. Anna Calvi ha accompagnato la sfilata esibendosi […]

Gossip

Uomini e Donne: le accuse di Luca Onestini sul discusso video di Soleil Sorge

Soleil Sorge non ha mai nascosto di aver avuto numerose esperienze televisive e artistiche sia in Italia che all’estero. Ieri oltre alle foto hot diffuse […]

Cucina

Anticipazioni Spagnole Il Segreto: il mistero dietro gli incubi di Beatriz

Un misterioso dramma del passato alimenta gli incubi della giovane Beatriz.

TV

Anticipazioni Americane Beautiful: Quinn racconta “Bill non voleva Wyatt”

La Fuller confessa a Ridge di quando Bill le ordinò di abortire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag