12 anni schiavo, perchè è un film imperdibile

12 anni schiavo (12 Years a Slave), fresco di tre Oscar è ancora in sala. Ecco la recensione del film che negli States diventa materia d’insegnamento nei licei

12 anni schiavo  (12 Years a Slave)  diretto da Steve McQueen e’  tratto dall’omonima autobiografia di Solomon Northup,  pubblicata nel 1853.

Il film si è aggiudicato l’Oscar 2014 come miglior film e migliore sceneggiatura non originale, una statuina è andata anche alla miglior attrice non protagonista.

Si tratta di una storia semplice che incarna un archetipo narrativo intramontabile: l’Ulisse e il viaggio dell’eroe che dopo aver affrontato mille peripezie ritorna nella sua Itaca .

Ambientato nel 1841, prima della guerra di secessione americana, un giovane violinista di colore, sposato e con due figlie, in un’ America ancora razzista e spietata, viene imprigionato e schiavizzato da un feroce padrone, costretto a sopportare umiliazioni inimmaginabili per dodici anni, liberato, ritorna a casa dalla sua famiglia.

Il film procede lento, la regia classica come la storia, ha una sua eleganza, sembra un film d’altri tempi in particolare nell’uso delle dissolvenze e nei dialoghi costruiti cercando di rimarcare il più possibile la sintassi dell’epoca.

Se si pensa a Shame, il precedente film di Steve McQuenn, si riscontra  una delle caratteristiche fondamentali per la riuscita di un film: la delineazione quasi maniacale del personaggio principale, per intenderci, quel riuscire a farci entrare letteralmente nella pelle del protagonista .

Il film, per un occhio un po’ smaliziato, reduce dalle ossessioni sessuali di Shame, può apparire lievemente retorico, non nascondo momenti di noia, ma è proprio nella retorica della denuncia dei soprusi e dell’aberrazione del razzismo che si regge tutta la narrazione .

Il film con la complicità di un elegante e patinata fotografia e grazie ad una regia estremamente classicheggiante  acquista  il vero sapore del C’era una volta

Il protagonista Solomon, interpretato da un eccellente Chiwetel Ejiofor, è un Ulisse di colore che dopo aver attraversato tutta la sua odissea,  ritorna  finalmente a casa dove ritrova ciò che  ha lasciato contro la sua volontà, plot semplicissimo ed efficacissimo con tanto di  climax narrativo, svolgimento e lieto fine.

12 anni schiavo fa riflettere su un aspetto essenziale della narrazione cinematografica: gli archetipi vincono sempre e questa volta all’Odissea di Salomom è toccato l’Oscar. (Virginia Zullo)

 

 

TV

L’Isola dei Famosi 2017: Vladimir Luxuria nel ruolo di opinionista

Vladimir Luxuria torna all’Isola dei Famosi dopo essere stata concorrente e vincitrice nel 2008, opinionista e inviata rispettivamente nel 2011 e 2012.

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e la strage dei Mella

Francisca si vendica dei Mella per avergli soffiato la proprietà di Jaral…

Gossip

Amici 16: Riccardo Marcuzzo si è fidanzato con Giulia Pelagatti

Nella scuola di Amici nascono nuovi, giovanissimi amori che fanno breccia nel cuore dei telespettatori: il cantante Riccardo Marcuzzo e la ballerina Giulia Pelagatti confermano […]

Gossip

Brad Pitt e Kate Hudson, un nuovo amore?

I media australiani lanciano una news che infiamma il gossip: Brad Pitt, fresco di divorzio da Angelina Jolie e Kate Hudson, figlia dell’attrice Goldie Hawn, […]

Arte e Cultura

Good Design Award 2017: vince il design Made in Italy

I designer italiani Alessandro Loschiavo e Marco Paiani per Aliantedizioni, vincono il Good Design Award con una serie di tavolini ispirati agli Armillaria Borealis, specie di funghi tipici dei climi freddi.

TV

Un passo dal Cielo 4 anticipazioni prima puntata: stasera 17 gennaio 2017

Parte stasera la quarta stagione della fortunata serie di Rai1, Un Passo dal Cielo. Scopriamo la trama del primo episodio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag