Stephen King: sono ricco, tassatemi

Stephen King è solo l’ultimo di una schiera di “paperoni” ad aver chiesto al proprio governo di pagare più tasse; il celebre scrittore horror vorrebbe almeno raddoppiare il proprio contributo a “zio Sam”.

In un articolo per il Daily Beast, con toni molto coloriti King ha sostenuto che la schiera dei super-ricchi (un gruppo all’interno del quale, con una fortuna di oltre 400 milioni di dollari, si comprende ) dovrebbe essere costretto a pagare più tributi. Attualmente versa il 28% dei suoi guadagni ma pensa che questa cifra debba essere quasi raddoppiata, portata cioè al 50 %,  una visione che- evidentemente – non è universalmente condivisa dai suoi compagni di fortune.
La maggioranza di essi –  osserva –  preferirebbe cospargersi il c..zo con liquido infiammabile, accendere un fiammifero, e danzare intorno cantando Disco Inferno piuttosto di pagare un centesimo in più di tasse a Uncle Sugar“. Certo, molti milionari sono dei filantropi, lo stesso King annualmente versa 4 milioni di dollari in beneficenza, ma la loro filantropia, ammette lo scrittore, non li porta lontano, quell’uno per cento versato non aiuta l’America a far fronte alle proprie responsabilità nazionali: sanità, povertà, educazione dei giovani, infrastrutture, il rimborso di debiti di guerra “sconcertanti”.

 
Il “re” non è solo. Altri “lodevolmente auto-flagellanti-gatti grassi” (strepitosa definizone del Guardian ndr) sono Warren Buffett, che ha fatto clamore criticando il sistema fiscale americano per avergli permesso di pagare troppo poco. Poi ci sono i finanzieri Michael Steinhardt e Morris Pearl,  tra le centinaia di “Milionari patriottici” che hanno firmato una recente lettera chiedendo un aumento delle imposte “per il bene del Paese“. Una cosa simile è accaduta in Francia, dove 16 dei più ricchi cittadini  (tra cui l’ereditiera L’Oréal Liliane Bettencourt) si sono offerti di pagare di più. Anche Bill Gates, una volta ha sostenuto la proposta di un più alto tasso di imposta sul reddito nello stato di Washington. E il capo di Facebook Mark Zuckerberg è, stando alle sue parole, “cool with” un aumento delle imposte.

Ma per i suoi amici avari, King ha un messaggio agghiacciante : “Scrooge (il protagonista del racconto di Dickens A Christmas Carol ndr) cambiò tono dopo che i fantasmi vennero a fargli visita – dice.  – E Maria Antoinetta, d’altra parte, perse la testa“. E questo non era un libro del terrore.

TV

Anticipazioni mensili Il Segreto: marzo 2017

Importanti colpi di scena riguarderanno i personaggi di Beatriz e Rafaela, mentre un grande ritorno lascerà tutti col fiato sospeso…

TV

Amici 16: Mike Bird contro Michele Perniola

In seguito alle polemiche relative agli schieramenti decisi da Mike Bird nello speciale di sabato scorso, il cantante cambia idea e decide di far esibire […]

TV

Uomini e Donne: oggi in onda il trono over, Gemma lascerà lo studio dopo le parole di Michele

Oggi andrà in onda la puntata di Uomini e Donne di cui è si molto discusso in settimana, nella quale, Gemma Galvani ascolterà attraverso Cristina, […]

TV

Anticipazioni Una Vita 1 marzo 2017: la sconvolgente verità sul passato di Cayetana

Cayetana scoprirà una sconvolgente verità sul suo passato: non è una Sotero Ruz ma la figlia di un’umile domestica.

TV

L’isola dei Famosi: Paola Barale e il suo amore Raz Degan, Moreno sotto accusa e Imma Battaglia approda sull’isola

Nella quinta puntata andata in onda ieri su Canale 5 dell’Isola dei Famosi 12, torna il sorriso al naufrago più controverso dell’Isola, Raz Degan dopo […]

TV

Anticipazioni Beautiful 1 marzo 2017: Eric chiede a Quinn di convivere

Dopo aver sbandierato ai quattro venti il suo amore e averla riassunta in azienda, Eric chiede a Quinn di andare a vivere insieme.

Un commento su “Stephen King: sono ricco, tassatemi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag