Jo Squillo e Francesca Carollo a pranzo col topo a Parigi

Le malcapitate sono rimaste allibite dallo scarso interessamento da parte del padrone del ristorante parigino

Jo Squillo, Gianni Muciaccia e Francesca Carollo, durante la pausa pranzo delle sfilate parigine, sono andati a mangiare in un ristorante del Marais e si sono trovati in una spiacevole situazione.

Mentre pranzavano i tre sfortunati prendendo l’ampolla dell’olio hanno trovato all’interno un ospite poco gradito. Nell’oliera c’era un topo, vivo e vegeto che cercava disperatamente di scappare. Il cameriere dopo le urla dei tre malcapitati è corso subito al tavolo portando via l’oliera e l’ospite ma purtroppo nessuno all’interno si è preoccupato della pessima figura o di porgere delle scuse a Jo Squillo, Gianni Muciaccia e Francesca Carllo.

Le due donne sono subito intervenute, sconvolte dall’accaduto infatti hanno dichiarato: “Ci hanno quasi ignorato, non ci hanno neppure chiesto scusa e ci hanno anche portato il conto, che abbiamo naturalmente pagato. Il padrone del locale si è limitato a dirci che Parigi è piena di topi e anche i ristoranti e che loro non possono farci niente, incredibile.”

L’incidente che è toccato ai tre malcapitati non è passato inosservato. A Bruxelles, da mesi gli eurodeputati stanno portando avanti la campagna denominata “guerra delle oliere“, una battaglia per imporre in Europa l’obbligo di bottigliette d’olio monouso etichettate.

Sergio Silvestris, eurodeputato del Pdl e componente della Commissione agricoltura del Parlamento Europeo, a Bruxelles ha dichiarato: “Ci voleva un topo vivo ritrovato da Jo Squillo nell’oliera di un ristorante di Parigi per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica su un tema importante come quello della sicurezza e della tracciabilità dell’olio d’oliva. Sono mesi che chiediamo invano al commissario Dacian Ciolos di introdurre in tutta Europa l’obbligo di bottiglie di olio etichettate, monouso e non riutilizzabili per mense e ristoranti, come già avviene in Italia. Le anonime oliere, infatti, a disprezzo dei più elementari diritti dei consumatori, contengono olio non tracciato, non sicuro e di dubbia qualità nelle migliori delle ipotesi. Le bottiglie con tappo antirabbocco possono invece garantire la certezza di un prodotto sicuro e genuino. In caso contrario ci si potrebbe imbattere, come ha constatato Jo Squillo, anche in bottiglie che contengono topi”. (s.s)

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag