Costa Concordia riemerge, le operazioni continuano

Costa Concordia l’operazione di recupero passo dopo passo

La Costa Concordia ha incominciato a spostarsi alle 11 di stamattina con tre ore di ritardo. I primi segnali di rotazione sono già visibili infatti dall’acqua è riemersa una striscia di ruggine alta 40 cm.

Il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, nella conferenza stampa ha dichiarato che non c’è stata nessuna modifica dell’iter e che il ritardo è stato causato dal mal tempo, che sulle isole è il più imprevedibile.

La rotazione della nave è stata calcolata tra 1 e 3 gradi con un’emersione della nave di circa un metro. Sull’isola del Giglio si sta tenendo la conferenza stampa per capire anche tutte le operazioni che verranno effettuate. Con l’emersione della nave si è potuta notare una grossa striscia di ruggine sulla parte che si trovava sott’acqua e si è rilevata anche una “deformazione importante” della fiancata. Il responsabile del progetto per la Micoperi, Sergio Girotto ha dichiarato:”Crediamo di poter concludere il parbuckling entro 10-12 ore, condizioni del relitto permettendo”. Lo stato della nave, è l’aspetto che preoccupa più i tecnici, visto le enormi pressioni a cui il tiraggio sottopone le strutture della Concordia. Si è constatato che la rotazione doveva essere effettuata il prima possibile e Franco Gabrieli ha dichiarato: “Al momento non è finito in mare nulla di inquinante e di impattante, ma siamo solo all’inizio. Gli sversamenti in mare ce li aspettiamo per le prossime ore. L’importante è essere pronti, come lo siamo, a bonificare le aree”.

L’isola del Giglio è stata invasa invasa da giornalisti di tutto il mondo. L’operazione
di recupero è la più grande nell’ambito dei relitti che sia stata mai tentata al Mondo.
Le operazioni sono iniziate alle 9 di stamattina, con 3 ore di ritardo rispetto a quanto era stato programmato, l’isola è stata completamente invasa da turisti e giornalisti che sono stati prontamente muniti di badge di riconoscimento imposto dalla Protezione Civile.
L’attività dell’isola si è fermata per un giorno il traffico navale, la distribuzione di benzina e i negozi dei commercianti, eccetto gli alimentari vicino alla zona del relitto sono stati chiusi.
Don Lorenzo Pasquotti il parroco che ha aperto la sua chiesa ai naufragi della concordia la notte del disastro ha rilasciato una dichiarazione:”Siamo fiduciosi, ci sono tutte le premesse perché l’operazione vada bene, ho detto una preghiera questa mattina e anche nei giorni scorsi e ho invitato la gente a pregare per le vittime, chiedendo che veglino sulle operazioni di rimozione.”

Il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando ha affermato che ci sono tutte le condizioni per per un’eventuale richiesta di risarcimento da parte del governo causa danni ambientali. Ha dichiarato che l’impatto ambientale si potrà vedere solo una volta che il relitto sarà rimosso e quali conseguenze porterà con se. Andera Orlando ha dichiarato inoltre: “Avremo il modo, il ministero farà tutti i passi necessari, perché questa quantificazione sia completa e integri anche un’analisi di ciò che è avvenuto nei fondali nel momento in cui, speriamo al più presto possibile, il relitto sarà rimosso”.

La rotazione della nave raggiungerà il termine della prima fase solo quando sarà ruotata di 65 gradi.
La seconda fase del recupero del relitto è stata strutturata in modo tale che, una volta ruotata la nave di 65 gradi il proseguimento delle operazioni sarà dato grazie solo all’inerzia. Il sistema di cavi e contrappesi dovrà solo accompagnare la Concordia sul fondale creato apposta per la nave.
La terza fase sarà improntata sullo smaltimento del relitto.

La prima operazione effettuata oggi se non avrà nessun intoppo sarà terminata entro le 10-12 ore dall’inizio. Il capo della protezione Civile, Franco Gabrielli, ha dichiarato che non c’è fretta e che il termine della prima fase sarà ufficializzato solo dopo il segnale dei tecnici.
Il relitto della Concordia è lungo 298 metri e pesa 144 mila tonnellate ad oggi poggia su due speroni di roccia, per raggiungere l’inclinazione di 65 gradi il movimento dovrà essere molto lento e soggetto a costante controllo. (s.s)

Operazioni di recupero: il parbuckling

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag