USA: cultura, scienza e turismo in impasse

I diciannove musei Smithsonian hanno chiuso i battenti martedì, e così la National Gallery di Washinghton, la Statua della Libertà, e ancora la Independence Hall di Filadelfia e i 401 parchi nazionali, come il Yosemite National park che ha appena fatto in tempo a festeggiare il 123 ° compleanno prima di ritrovarsi chiuso. E così lo zoo di Washington, e una lunga serie di istituti di ricerca, e musei per non parlare della Nasa

Dall’ente spaziale un secco tweet “Siamo spiacenti, ma non risponderemo durante lo shutdown  del governo. Torneremo il più presto possibile”. Effetti non trascurabili, della situazione di stallo nel quale è finito il governo USA. E così la paralisi della pubblica amministrazione, la prima da 17 anni, oltre a mettere a rischio il posto di lavoro di 800 mila lavoratori statali, crea problemi anche ai turisti e dà lezioni su ciò che gli americani si potrebbero aspettare, sia in termini di costi che di servizi ridotti, se la situazione di stallo tra i repubblicani al Congresso e il presidente democratico Barack Obama dovesse perdurare. Per la cronaca, il Senato ha respinto l’ultima proposta di bilancio della Camera dei Rappresentanti dando vita al braccio di ferro fiscale che deriva in gran parte dai tentativi repubblicani di bloccare l’iniziativa sanitaria del presidente. Quando tra il dicembre del ‘95 e il gennaio del ’96, gli USA si ritrovarono in una situazione analoga (lo stallo durò una ventina di giorni) i danni furono milionari.ngaclosed

 

E su questi che ovviamente si concentrano i media americani, sulle difficoltà dei dipendenti pubblici e tutti i complessi risvolti politici e sociali che la situazione porta con sé. Ma noi vogliamo soffermarci per un momento sul valore simbolico di quello che sta accadendo negli States. Il Paese che non è più la superpotenza economica del mondo ma che continua ad essere quella culturalmente più influente, il Paese che ha determinato – ci piaccia o meno – il nostro stile di vita, costretto a chiudere i suoi gioielli per puri disaccordi politici. C’è chi le chiama ritorsioni, chi ritiene che è nell’ordine della battaglia economico-politica. A noi pare che sia solo l’evidenza di un sistema d’enorme imperfezione, un faro ormai incapace di tracciare nuove direzioni. “E’ tutto sbagliato, tutto da rifare”, diceva Bartali e sia detto senza compiacimento alcuno, tanto più, che a Est, il faro che lampeggia non promette nulla di meglio. In fondo, alla Statua della Libertà dobbiamo tutti qualcosa, che riapra presto.

(a.d)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

TV

Anticipazioni Amici 16: la quinta puntata stasera, sabato 22 aprile 2017

Nella nuova puntata del talent tornerà Emma come coach della squadra bianca, ci saranno tanti colpi di scena e grandi ospiti

TV

Anticipazioni Il Segreto: il piano di Camila e Beatriz fallisce a causa di un imprevisto

Il rientro inaspettato di Hernando bloccherà la partenza delle due donne

TV

Anticipazioni Uomini e Donne, trono over: la vacanza di Gemma e Marco

Le anticipazioni ci svelano tutti i dettagli del viaggio della dama e del suo cavaliere

TV

Anticipazioni Una Vita 21 aprile 2017: Fabiana racconta a Teresa del suo passato

La cameriera confida a Teresa particolari riguardanti il suo passato e la dolorosa perdita di sua figlia Anita.

TV

Anticipazioni Beautiful 21 aprile 2017: Ridge e Steffy nascondono un segreto

Eric ha dato a Quinn il controllo dei suoi beni, Ridge e Steffy chiedono a Carter di non riferirlo alla Fuller.

TV

Morgan ospite speciale a Ballando con le stelle

Il cantante, dopo aver abbandonato Amici, sabato sera sarà l’ospite speciale di Milly Carlucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag