Un van Gogh ritrovato per il fisco spagnolo

Il quotidiano El Mundo ha rivelato che l’agenzia delle Entrate spagnola ha scoperto durante l’apertura della cassaforte di un debitore del fisco un capolavoro di valore incalcolabile di Vincent van Gogh, visto l’ultima volta alla Kunsthistorisches Institut di Vienna 40 anni fa

Il presunto van Gogh ritrovato in cassaforte, a quanto afferma il quotidiano, è una tela di 35 centimetri per 32, un cipresso con cielo e campi datato 1889. Probabilmente fu dipinto da Vincent durante il soggiorno al manicomio di Saint Remy de Provence, qualche mese dopo essersi mutilato il lobo dell’orecchio sinistro a seguito dell’ennesimo scontro con Gauguin, qui van Gogh, nel momento più disperato della sua esistenza, eppure il più fervido, realizzò numerosi paesaggi con cipressi tra cui la famosa Notte stellata del MoMA.

Veniamo ai fatti. Tutto inizia quando il fisco spagnolo annuncia, lo scorso ottobre, il sequestro di 542 cassette di sicurezza presso 270 sportelli bancari, intestate a 551 contribuenti in debito con lo stato per 319milioni di euro. A dicembre l’operazione è al via. E’ durante una di queste aperture che ina cassaforte viene fatta l’eccezionale scoperta. L’intestatario, presente all’apertura, riconosce nella tela un autentico van Gogh, ma nega di esserne il proprietario, sostenendo (e in questo riportiamo ciò che dice El Mundo) d’esserne il custode per conto di un milionario straniero che avrebbe portato la cassaforte in Spagna solo nel 2010.

La pennellata, il soggetto scelto, i colori, sembrano proprio quelli del genio di Zundert, ma a dare ulteriore credibilità alla tela sono alcuni sigilli posti sul retro. Il più antico corrisponde al Rijksmuseum di Amsterdam ed è datato 8 aprile 1944 , durante l’occupazione della Germania nazista ; il secondo, non datato, è invece del Museum der Schöne Künste (museo delle belle arti) di Berlino, mentre il più recente è del Kunsthistorisches Institut der Universität Wien ( Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Vienna) è registrato al 10 aprile 1974.

Adesso occorrerà verificare l’autenticità del dipinto, compito che l’agenzia delle entrate passerà al Ministero della Cultura o alla Direzione Generale del Patrimonio dello Stato.
La scoperta è straordinaria, tuttavia in Spagna è relativamente comune che le opere d’arte divengano parte del patrimonio pubblico come pagamento volontario dei debiti fiscali. Per stabilire se si tratta di un vero e proprio Van Gogh o di una copia, cosa più importante sarebbe riuscire a tracciarne la storia. Ciò significa trovare il proprietario della cassaforte e capire quando ha recuperato la tela. Nel dibattito sollevato dal ritrovamento c’è chi suggerisce che la data della scomparsa (40 anni) lascia pensare che potrebbe trattarsi di un furto perpetrato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. E per coincidenza la rivelazione arriva pochi giorni dopo la morte di Cornelius Gurlitt , il collezionista tedesco in cui un “tesoro nazista ” di oltre 1.400 opere era stato scoperto nel 2012 .

 

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Un commento su “Un van Gogh ritrovato per il fisco spagnolo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag