Terremoto, i beni artistici, e quello che possiamo fare

Cosa si può fare per evitare che il patrimonio culturale danneggiato e-o devastato dal sisma scompaia per sempre? Intanto la società civile si mobilita

La prima notizia buona (diciamo così) è che dopo la grande scossa di martedì 29 maggio, sono ripresi i sopralluoghi ai beni storico-artistici colpiti. A compierli sono un corpo speciale dei vigili del fuoco insieme alla direzione regionale del ministero dei Beni culturali, con una decina di squadre miste. I sopralluoghi, ha spiegato l’architetto Carla Di Francesco, che guida la direzione regionale “continueranno presumibilmente per un mese: solo dopo questa fase potranno riprendere le verifiche per la quantificazione dei danni e la valutazione dei costi d’intervento nei singoli casi.
Le quantificazioni erano state avviate dopo il primo terremoto del 20 maggio, ma sono state sospese dopo il secondo del 29 maggio, che ha provocato nuovi danni: ”eravamo già pronti a intervenire
– sottolinea – in alcuni casi come il torrino alto del Comune di Finale Emilia e una torretta a San Felice, quando è crollato tutto per il nuovo terremoto”.

Da molte parti d’Italia architetti e tecnici hanno offerto la loro collaborazione, ma

Di Francesco rinvia tutti alla seconda fase: ”è per la quantificazione che ci servirà questo aiuto, ora dobbiamo fare i sopralluoghi urgenti”, ha detto.

 

Dunque al momento non si conosce ancora l’entità complessiva dei danni al patrimonio artistico, non si sa cosa potrà essere recuperato in tempi brevi e cosa richiederà azioni più radicali (c’è chi parla anche di demolire e ricostruire), sta di fatto che “Il quadro è davvero drammatico“, ha riferito l’architetto Antonella Recchia, segretario generale del ministero dei Beni culturali intervenendo a Sky Tg 24.

Mirandola, dove s’è sbricolato il duomo e dove è implosa la chiesa di San Francesco è il luogo simbolo di questo secondo terremoto, tuttavia ci sono stati danni gravissimi anche nelle province vicine. “Nel  mantovano delle trecento chiese cento presentano danni e lesioni. Danni gravi anche in due comuni della provincia di Bologna, Crevalcore e Pieve di Cento, dove si sono verificati dei crolli nelle chiese. Il patrimonio ecclesiastico risulta piu’ danneggiato con crolli diffusi e molti campanili, che si erano salvati dalle scosse di nove giorni fa adesso rischiano il crollo. Danni notevoli si sono verificati anche nella provincia di Rovigo – aggiunge – persino nella chiesa di Sant’Antonio di Padova, con distacchi di intonaci. Nel palazzo ducale di Mantova è crollato il cupolino della cappella di Santa Barbara”.

 

A Padova, il sisma ha almeno risparmiato la Cappella degli Scrovegni, che custodisce gli affreschi di Giotto.

 

Il ministero per i Beni e le Attività culturali ha comunque attivato un servizio di email dove poter segnalare danni al patrimonio culturale o offerte di volontariato, collaborazioni e prestazioni : sisma2012@beniculturali.it . All’atto della dichiarazione dei redditi è possibile anche donare il 5 per mille ai Beni culturali (www.mibac.it ), non sappiamo nel dettaglio dove andranno i fondi, comunque destinati al restauro di beni storico artistici italiani.

 

Avremmo cura, man mano che ne abbiamo notizia, di segnalare le iniziative solidali alle quali è possibile aderire.  Art Night, la Notte dell’Arte in laguna, in programma a Venezia il 23 giugno su iniziativa dell’Università Ca’ Foscari, mira a coinvolgere i principali enti ed istituzioni culturali che aderiscono alla manifestazione.

Le sedi dell’Università, in collaborazione con il Comune di Venezia, apriranno la raccolta fondi – sabato 23 giugno – per raccogliere contributi da destinare al restauro degli edifici storico-artistici gravemente danneggiati dalle scosse sismiche.

La sede centrale dell’ateneo, Palazzo Foscari, e la sede alle Zattere della Biblioteca di Servizio Didattico, metteranno a disposizione un contenitore nel quale sarà possibile versare il proprio contributo.
L’iniziativa è aperta alle principali istituzioni culturali della città che sabato 23 giugno prenderanno parte alla Notte dell’Arte in laguna.

 

È sempre possibile supportare le popolazioni colpite anche semplicemente donando 2 euro con un sms al 45500.

I privati possono anche effettuare:

versamento sul c/c postale n. 367409 intestato a: Regione Emilia-Romagna – Presidente della Giunta Regionale – Viale Aldo Moro, 52 – 40127 Bologna;

bonifico bancario alla Unicredit Banca Spa Agenzia Bologna Indipendenza – Bologna, intestato a Regione Emilia-Romagna, IBAN coordinate bancarie internazionali: IT – 42 – I – 02008 – 02450 – 000003010203;

versamento diretto presso tutte le Agenzie Unicredit Banca Spa sul conto di Tesoreria 1 abbinato al codice filiale 3182.

 

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag