Mostri in mostra, così l’antichità ci tramanda i suoi spettri

“Mostri. Creature fantastiche della paura e del mito”, al Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo, fino al primo giugno oltre cento reperti archeologici per indagare i miti della tradizione classica che hanno influenzato la contemporaneità. Una mostra curata da Rita Paris, direttore del Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo ed Elisabetta Setari

MostriDopo la conferenza delle star degli effetti speciali e dei trucchi: Scott Ross e Shane Mahan (ne abbiamo scritto qui), largo ai mostri che arrivano da lontano, dai recessi del mito antico e dagli angoli oscuri dell’uomo, a evocare quei demoni interiori di cui – ben prima dell’arrivo della psicoanalisi –si fanno simbolo. Mostri, che alla pari e in maniera opposta agli dei e agli eroi, segnano per l’uomo un termine di confronto sulla base del quale dare forma alla propria identità.

E così, offrendo all’allestimento l’ambientazione più consona, il dispiegamento di Grifi, Chimere, Gorgoni, Centauri, Sirene, Satiri, Arpie, Sfingi, Minotauri, Tritoni si sviluppa nelle sale di Palazzo Massimo lungo un labirinto, simbolo antico di quel viaggio iniziatico che ogni eroe deve affrontare per accedere a una consapevolezza superiore.
In arrivo dai musei di mezzo mondo – Atene, Berlino, Basilea, Vienna, Los Angeles e New York – e da istituzioni italiane, i “mostri” si palesano attraverso sculture, terrecotte architettoniche, vasellame, armi, affreschi e mosaici di diversi ambiti culturali e cronologici, dall’Oriente alla Grecia al mondo etrusco, italico e romano.
E a riprova dell’inesauribile fonte d’ispirazione rappresentata nel tempo da queste creature, insieme ai reperti archeologici sono esposte tre tele: di Alberto Savinio Creta, dalla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, il cui soggetto è un minotauro con testa di giraffa; lo splendido olio Medusa, di anonimo fiammingo della prima metà del XVII secolo proveniente dalla Galleria degli Uffizi, un tempo attribuito a Leonardo da Vinci (foto di testa)e, dalla Pinacoteca Nazionale di Bologna, la tela del Cavalier d’Arpino Perseo libera Andromeda (foto in basso), con una pregiata rappresentazione di Pegaso. (g.m)

http://archeoroma.beniculturali.it

D'arpino-Andromède

TV

Un passo dal Cielo 4 anticipazioni prima puntata: stasera 17 gennaio 2017

Parte stasera la quarta stagione della fortunata serie di Rai1, Un Passo dal Cielo. Scopriamo la trama del primo episodio…

Gossip

Uomini e Donne: Mario Serpa nuovo opinionista del programma

Ieri si è registrata una nuova puntata di Uomini e Donne con una clamorosa novità: in studio, in veste di opinionista accanto a Tina Cipollari, […]

TV

Uomini e Donne: l’ex gieffino Alessandro Calabrese corteggia Sonia Lorenzini

Alessandro Calabrese è la prima novità di Uomini e Donne tra i corteggiatori di quest’anno. L’ex gieffino noto per la sua storia d’amore con Lidia […]

Musica

U2 secondo concerto a Roma il 16 Luglio 2017

Live Nation ha il piacere di annunciare una seconda e ultima data degli U2 in Italia. L’attesissimo U2: The Joshua Tree Tour 2017, il tour […]

TV

Il Segreto Anticipazioni: da lunedì 16 a sabato 21 gennaio 2017

Tutte le anticipazioni della soap più amata di Canale 5, Il Segreto, per la terza settimana del mese di Gennaio.

Gossip

Marracash e Gué Pequeno contro Fedez: lite sui social

Botte e risposte al veleno tra due noti rapper nel panorama italiano. L’origine della disputa è stata l’intervista rilasciata al ‘Corriere della sera’ da Marracash […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag