Mostre. “Il doppio gioco” di Andrea Zucchi, a Milano

“Andrea Zucchi. Doppio gioco – Appropriazioni & Astrazioni”, Milano, fino al 12 maggio alla Fondazione Stelline. A cura di Sergio Risaliti

Riscrivere immagini ormai cristallizzate, restituire loro una nuova esistenza alla luce di quanto la contemporaneità suggerisce, di quello che la storia ha aggiunto ad ogni storia, ri-creare come immaginifico sinonimo di “doppio gioco”, è quello che Andrea Zucchi, milanese, classe 1964 fa nelle sue opere. E il risultato, tra contrasti e assonanze, ironia e psichedelia, entra appieno nel dibattito tutto contemporaneo della rielaborazione dei materiali preesistenti nelle arti, di tutte le arti: dal cinema alla musica, dalla letteratura alle arti visive. E se nulla è nuovo sotto il sole visto che il contagio (o la contaminazione) o il richiamo al passato è storia vecchia; nel mondo digitale questi procedimenti sono diventati consuetudine, il “copia e incolla” una cifra di questi anni.

La mostra alla Fondazione Stelline si divide in tre parti presentando complessivamente cinquanta opere. In una, attraverso lavori di medie e grandi dimensioni, Zucchi usa fotografie dell’Ottocento, traducendole in pittura e virando l’originale bianco e nero in un cromatismo esasperato ed eccentrico che le rende sì artificiali ma che proprio per questo le rende un’altra cosa dalla citazione pura e semplice.  “Attraverso una sorta di plagio psichedelico, personaggi storici, figure allegoriche, nudi accademici, scene di genere, paesaggi romantici e nature morte, insomma tutto il repertorio di un’epoca a noi così stranamente familiare e lontana allo stesso tempo, riemerge nei dipinti di Zucchi acquistando un aspetto vivace, ironico che le rende insolitamente Pop”.

In un altro nucleo di opere invece, tutte di piccolo formato, i cartoni da imballaggio degli oggetti elettronici sono riutilizzati come supporti tridimensionali per composizioni astratte, che si riallacciano, da una parte, alle morbide geometrie di Kandinskij, Klee e Arp, e dall’altra alle ricerche sulla superficie oggettuale degli anni sessanta. “Sfruttando i pieni e i vuoti di queste strane e variegate sagome, che spesso richiamano elementi architettonici, Zucchi elabora una sorta di sgargiante decorazione tribale che trasfigura in pura forma plastica i fragili gusci di protezione delle nostre merci”.
A fare da trait d’union alle due opposte linee di ricerca, una serie di sculture di panneggi che sembrano fuoriuscite dai dipinti per trasformarsi, una volta abbandonati al suolo, in forme quasi astratte. www.stelline.it (a.d)

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag