Michelangelo negli occhi degli altri: una mostra imperdibile

Ri-Conoscere Michelangelo la scultura del Buonarroti nella fotografia e nella pittura dall’Ottocento ad oggi. Firenze, Galleria dell’Accademia 18 febbraio – 18 maggio 2014, una mostra a cura di Monica Maffioli e Silvestra Bietoletti

In attesa della grande mostra che confronterà l’opera di Michelangelo e quella di Pollock (QUI LE ANTICIPAZIONI), e mentre, godibilissime, ritroviamo alle Cappelle Medicee le immagini di Aurelio Amendola, capolavori di capolavori (QUI), le celebrazioni fiorentine per i 450 anni della morte di Michelangelo Buonarroti trovano tra i momenti di maggiore interesse la mostra che sarà al via domani, giorno esatto dell’anniversario.

Un percorso in un tema complesso. Se è vero, infatti che Michelangelo fu il primo dei contemporanei, dove il suo non-finito è solo l’esempio più eclatante della sua modernità, quello sguardo interiore che Michelangelo ha saputo evocare prima di altri trova dall’Ottocento ad oggi un rinnovato interesse e un’ammirazione chiara. Ruolo fondamentale in questa riscoperta l’ha giocato la fotografia, sin dalle sue origini, contribuendo attraverso nuove immagini a fare delle sue sculture monumenti della memoria collettiva.

2

Il percorso espositivo prende avvio dalle rappresentazioni in chiave storicistica della fisionomia e della personalità di Michelangelo, con opere di Eugène Delacroix e Auguste Rodin, e di autori che hanno operato con il nuovo medium fotografico alle origini, come Eugène Piot, Édouard- Denis Baldus, gli Alinari, John Brampton Philpot.

5

La mostra è un continuo rimando tra le diverse modalità di tradurre e riproporre la scultura del Buonarroti: dalla fotografia intesa come oggetto di documentazione, alla specificità interpretativa nel confronto con la scultura, per giungere alla totale autonomia autoriale novecentesca tale da creare nuovi punti di vista e di analisi dell’opera d’arte. Nasce quindi un nuovo legame tra storici dell’arte e fotografi, ai quali è affidato il compito di rintracciare le forme e la materia dell’opera a conforto della ricerca storico artistica. Ecco allora le fotografie di Giuseppe Pagano alla Pietà di Palestrina, il lavoro di David Finn e di Aurelio Amendola, interpreti chiamati a collaborare con autorevoli storici dell’arte che dalle loro interpretazioni hanno potuto trarre importanti conferme alle loro teorie e analisi stilistiche.

3

Via via che il mito si consolida nella percezione collettiva, la presenza di Michelangelo si riconosce anche nell’opera di artisti del Novecento come Medardo Rosso, Henri Matisse, Carlo Mollino, e nella ricerca fotografica di personalità quali Emmanuel Sougez, Herbert List, Horst P. Horst, fino ad avvicinarsi agli anni Settanta, con le ricerche di Tano Festa, Paolo Monti, Antonia Mulas, e raggiungere le espressioni della contemporaneità con Helmut Newton e Gabriele Basilico. Il percorso della mostra si conclude con i riferimenti al tema della copia e del multiplo nell’epoca della riproducibilità e della massificazione affrontati nell’opera di Karen Knorr, Lisa Sarfati, Tim Parchikov, mentre riconosciamo Michelangelo come modello formale di riferimento della staged photography di Frank Horvat, Youssef Nabil, Kim Ki duk, fino a diventare ‘assenza’ nelle immagini di Thomas Struth e Candida Höfer. (www.unannoadarte.it )

46

 

 

TV

L’Isola dei Famosi 2017: Vladimir Luxuria nel ruolo di opinionista

Vladimir Luxuria torna all’Isola dei Famosi dopo essere stata concorrente e vincitrice nel 2008, opinionista e inviata rispettivamente nel 2011 e 2012.

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e la strage dei Mella

Francisca si vendica dei Mella per avergli soffiato la proprietà di Jaral…

Gossip

Amici 16: Riccardo Marcuzzo si è fidanzato con Giulia Pelagatti

Nella scuola di Amici nascono nuovi, giovanissimi amori che fanno breccia nel cuore dei telespettatori: il cantante Riccardo Marcuzzo e la ballerina Giulia Pelagatti confermano […]

Gossip

Brad Pitt e Kate Hudson, un nuovo amore?

I media australiani lanciano una news che infiamma il gossip: Brad Pitt, fresco di divorzio da Angelina Jolie e Kate Hudson, figlia dell’attrice Goldie Hawn, […]

Arte e Cultura

Good Design Award 2017: vince il design Made in Italy

I designer italiani Alessandro Loschiavo e Marco Paiani per Aliantedizioni, vincono il Good Design Award con una serie di tavolini ispirati agli Armillaria Borealis, specie di funghi tipici dei climi freddi.

TV

Un passo dal Cielo 4 anticipazioni prima puntata: stasera 17 gennaio 2017

Parte stasera la quarta stagione della fortunata serie di Rai1, Un Passo dal Cielo. Scopriamo la trama del primo episodio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag