Marsiglia, ecco il Museo della civiltà mediterranea

Il presidente francese Francois Hollande inaugura oggi a Marsiglia il MuCEM, il Museo della Civiltà d’Europa e del Mediterraneo. Obiettivo minimo: 300mila visitatori l’anno, cambiare l’immagine della città e proiettarla nel ruolo di capitale del “mare nostrum”

Nell’anno che vede Marsiglia capitale europea della cultura, l’inaugurazione del bellissimo museo disegnato da Rudy Ricciotti è la ciliegina sulla torta. Un’inaugurazione che arriva con un certo ritardo e un po’ di polemiche ma finalmente, dopo 12 anni e una spesa di 167 milioni di euro, quello che si propone come uno “degli ultimi grandi siti culturali del decennio”, venerdì potrà aprire le porte al pubblico.
Situato a ridosso del mare, il MuCEM, fortemente caratterizzato da una specie di maglia in cemento che ne avvolge la semplice struttura a parallelepipedo, è collegato al Fort Saint-Jean – monumento simbolo di Marsiglia – attraverso una passerella. L’antica fortezza, sapientemente restaurata, si unisce così al museo a formare un polo unico dedicato alla cultura ospitando mostre, incontri, spettacoli, dibattiti. Il MuCEM ha anche riconfigurato l’area portuale, cambiando l’aspetto di una parte della città.

L’architetto l’ha definito “una casbah verticale”, per quella rete che tanto ricorda le decorazioni delle finestre magrebine, elementi che proteggono dal sole, filtrandone i raggi e rimandando, all’interno, un’idea di frescura, favorita anche dalla dominanza dei colori scuri, il grigio, il nero, a creare un contrasto “accecante” con la luce del cielo e del mare che penetra all’interno.

Al piano terra una galleria permanente, intitolata semplicemente il Mediterraneo,  spiega ai visitatori l’unicità e la diversità di questo mare. Una sezione su Gerusalemme, patria delle grandi religioni monoteiste, una sala dedicata alla cittadinanza e alla democrazia, evocate dalla presenza di oggetti greci e poi una serie di percorsi sul mare.
Al piano superiore, due grandi spazi sono dedicati alle mostre temporanee. Una dedicata a Goya e a Mirò, intotolata “Il nero e il blu” a sottolineare la presenza della luce mediterranea e ma anche dell’ombra (l’altra parte dello specchio) nell’opera di questi due maestri. E poi un originale percorso nelle “questioni di genere” che affronta un aspetto serio nella società di oggi, le relazioni tra uomini e donne, più in generale, i cambiamenti che interessano l’ordine di genere nelle società mediterranee . Il MuCEM propone un viaggio attraverso i tanti modi di essere l’uomo o la donna unendo oggetti di uso quotidiano ed opere d’arte contemporanea (Niki de Saint Phalle, Louise Bourgeois, Pierre et Gilles, Canan, Sandra Dukic …) e molti estratti di documentari e fiction. (www.mucem.org ) (a.d)

TV

Anticipazioni Amici 16: la quinta puntata stasera, sabato 22 aprile 2017

Nella nuova puntata del talent tornerà Emma come coach della squadra bianca, ci saranno tanti colpi di scena e grandi ospiti

TV

Anticipazioni Il Segreto: il piano di Camila e Beatriz fallisce a causa di un imprevisto

Il rientro inaspettato di Hernando bloccherà la partenza delle due donne

TV

Anticipazioni Uomini e Donne, trono over: la vacanza di Gemma e Marco

Le anticipazioni ci svelano tutti i dettagli del viaggio della dama e del suo cavaliere

TV

Anticipazioni Una Vita 21 aprile 2017: Fabiana racconta a Teresa del suo passato

La cameriera confida a Teresa particolari riguardanti il suo passato e la dolorosa perdita di sua figlia Anita.

TV

Anticipazioni Beautiful 21 aprile 2017: Ridge e Steffy nascondono un segreto

Eric ha dato a Quinn il controllo dei suoi beni, Ridge e Steffy chiedono a Carter di non riferirlo alla Fuller.

TV

Morgan ospite speciale a Ballando con le stelle

Il cantante, dopo aver abbandonato Amici, sabato sera sarà l’ospite speciale di Milly Carlucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag