L’Unesco ha detto sì anche alle Ville Medicee

Dopo l’Etna, anche le splendide Ville Medicee tra i beni patrimonio dell’Umanità

È stata adottata ieri, in Cambogia, dai 21 componenti il comitato di valutazione, la decisione di inserire le 12 ville e i due giardini Medicei nella lista del Patrimonio dell’umanità Unesco.
Le ville e i due giardini piacere sparsi nella campagna toscana compongono questo sito che testimonia l’influenza del mecenatismo della famiglia Medici nella moderna cultura europea. “Costruite tra i secoli 15 ° e 17 °, rappresentano un sistema innovativo di costruzione rurale in armonia con la natura e dedicate al tempo libero, alla cultura e alla conoscenza. – scrive la Commissione Unesco nella motivazione – Le ville rappresentano una forma funzionale innovativa, un nuovo tipo di residenza principesca che differiva da sia dalle aziende agricole di proprietà dei ricchi fiorentini del periodo sia dalla potenza militare dei castelli baronali. Le ville medicee costituiscono il primo esempio di connessione tra habitat, giardini, e ambiente e sono diventate un punto di riferimento permanente per le residenze principesche di tutta Italia ed Europa. I loro giardini e l’integrazione nell’ambiente naturale hanno sviluppato l’apprezzamento del paesaggio, caratteristico dell’Umanesimo e del Rinascimento”.

Villa Castello

Villa Castello

Con soddisfazione la notizia è stata accolta della Soprintendente del Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini, diversi siti, infatti, rientrano nella competenza della soprintendenza museale :
L’iscrizione nella lista dei siti patrimonio dell’umanità da parte della Commissione Unesco, su istruttoria dell’Icomos, rappresenta un riconoscimento che fa onore all’intero sistema delle Ville Medicee e al modo in cui sono gestite. In particolare sono lieta che abbia portato un decisivo contributo la presenza di Ville e giardini storici gestiti dal Polo Museale Fiorentino, consistente in quasi un terzo – e assai qualificato – dell’insieme dei siti: dal Giardino urbano di Boboli alle ville di Castello, Petraia, Cerreto Guidi, Poggio a Caiano. Autentici gioielli del territorio toscano. Mi auguro – conclude la Soprintendente – che questo favorisca nuove politiche di valorizzazione, integrate con le competenze degli enti locali, per diffondere un’adeguata comunicazione e agevolare i collegamenti attraverso un efficace sistema di trasporti”.

Villa Petraia

Villa Petraia

Oltre ai cinque siti naturali iscritti nei giorni scorsi, tra cui figurava, appunto l’Etna, la 37ma commissione Unesco ha aggiunto così quattordici nuovi siti nell’elenco dei beni patrimonio dell’Umanità. Oltre alle Ville Medicee, inserite ieri, troviamo: la Red Bay Station Baschi Whaling (Canada), il paesaggio culturale di Honghe Hani Rice Terraces, (Cina); i monumenti e i luoghi storici di Kaesong (repubblica democratica di Corea); Levuka, storica città portuale (Figi); il parco Bergpark Wilhelmshöhe (Germania), i forti del Rajashtan (India); il palazzo Golestan (Iran); Fujisan, luogo sacro e fonte d’ispirazione artistica (Giappone); il centro storico di Agadez (Niger); le Tserkvas di legno (chiese ortodosse) della Regione dei Carpazi in Polonia e Ucraina (Polonia / Ucraina); l’Università di CoimbraAlta e Sofia (Portogallo); il sito archeologico di Al Zubarah (Qatar); l’antica città di Chersoneso Taurico e la sua Chora (Ucraina).

Poggio a Caiano

Poggio a Caiano

I siti italiani inseriti nella World Heritage List passano così a 49 e il Bel Paese resta saldamente a capo dei Paesi con il maggior numero di siti patrimonio dell’Umanità. Purtroppo nella stessa sessione, la Commissione dell’Unesco ha ampliato la lista “nera” dei beni in pericolo, aggiungendo i sei siti presenti nella Siria devastata dalla guerra (qui per approfondire) e il paradiso naturale dell’isola East Rennell (Salomone), la città acamenide di Ban, Iran, è invece stata rimossa dall’elenco dei beni in pericolo.

(a.d)

cerretoguidi

(Immagini: Soprintendenza polo museale di Firenze)

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag