Leonard Lauder, “l’arte va condivisa”

Leonard Lauder, il magnate che ha regalato opere per un miliardo di dollari al Met è convinto che l’arte vada offerta a tutti. Parole di saggezza

L’arte deve essere condivisa”. Fa effetto sentire certe parole pronunciate da chi ha trascorso buona parte della vita a collezionare capolavori, ma Leonard Lauder, il magnate dei rossetti che nelle settimane scorse ha donato al Met di New York una raccolta d’opere cubiste da un miliardo di dollari (839 milioni di euro) dice d’essere “pazzo per i musei” da quando aveva dieci anni e con sua madre, Estée, ne visitò uno. Ed ora che di decenni ne ha accumulati otto, e con essi una fortuna stimata in 6.000 milioni di dollari, si può togliere la soddisfazione non solo di essere generoso, ma d’invitare i grandi collezionisti a donare le loro opere proprio ai musei. Un incontro pubblico al CaixaForum di Madrid è stata l’occasione per Lauder di spiegare ad una folla d’eccezione (galleristi, intellettuali, mercanti, curatori, direttori di musei e fiere e uno stuolo di giornalisti) il suo pensiero e attraversare le tappe di una carriera che lo ha portato ad essere uno degli uomini più influenti nel mondo dell’arte e a coltivare, in fondo, un paradosso. Perché questo collezionista di opere straordinarie è presidente emerito del Whitney Museum di New York, nel cui consiglio è entrato nel 1977. Altri tempi – ha raccontato (le dichiarazioni sono riprese da El Pais)  “Allora era possibile acquistare un Warhol per 450mila dollari, opera che oggi è assicurata per 35 milioni di euro”.

E poi l’attacco alle follie del mercato, in un momento in cui i grandi collezionisti (suoi ex colleghi) fanno il bello e il cattivo tempo innescando una concorrenza che le istituzioni pubbliche sono in grado di reggere: “Il Qatar e i cittadini di Abu Dhabi [la famiglia reale del Qatar ha recentemente acquistato un Cézanne per la cifra strabiliante di 191 milioni] sono in grado di pagare qualsiasi somma per un lavoro in questi giorni. Perciò è molto importante convincere i cittadini che possiedono gioielli artistici che questi dovrebbero finire nei musei delle loro comunità e non in mani private – ha detto. – I musei non sono importanti per la loro architettura, o le loro mostre, ma per la forza delle loro collezioni. L’arte è diventata così ridicolmente costosa che le istituzioni non possono più permettersela. L’unico modo in cui al giorno d’oggi possono incrementare le collezioni è attraverso le donazioni di appassionati d’arte“. Donatori che secondo Lauder potrebbero essere variamente invogliati “Per fare questo, è possibile includere i benefici fiscali ai mecenati disposti a donare le loro collezioni- ha spiegato – ma non solo: è necessario mostrare la cosa come seducente per quelli che donano, che devono considerarla una piacevole esperienza. A volte basta solo un po’ di fantasia”.

Un sogno irrealizzabile? Diciamo che per contare sulla generosità dei collezionisti, tipologia umana complessa che per Freud é affetta da una vera e propria forma maniacale (in dotte parole soffre di una tendenza ritentiva risalente allo stadio anale dell’evoluzione psichica infantile) servirebbe ben più della fantasia.  Ma quando hanno chiesto a Luder perché non ha lasciato la sua collezione di Picasso, Légers, Gris e Braque ai figli ha risposto da uomo illuminato  : “In primo luogo, perché non possono permettersela, solo una tassa di trasferimento li avrebbe rovinati. E in secondo luogo, per l’amor di Dio, sono i miei figli. Quale persona sana di mente darebbe ai suoi figli un miliardo di dollari? Per rovinargli la vita“. (g.m)

 

TV

Uomini e Donne: l’ex gieffino Alessandro Calabrese corteggia Sonia Lorenzini

Alessandro Calabrese è la prima novità di Uomini e Donne tra i corteggiatori di quest’anno. L’ex gieffino noto per la sua storia d’amore con Lidia […]

Musica

U2 secondo concerto a Roma il 16 Luglio 2017

Live Nation ha il piacere di annunciare una seconda e ultima data degli U2 in Italia. L’attesissimo U2: The Joshua Tree Tour 2017, il tour […]

TV

Il Segreto Anticipazioni: da lunedì 16 a sabato 21 gennaio 2017

Tutte le anticipazioni della soap più amata di Canale 5, Il Segreto, per la terza settimana del mese di Gennaio.

Gossip

Marracash e Gué Pequeno contro Fedez: lite sui social

Botte e risposte al veleno tra due noti rapper nel panorama italiano. L’origine della disputa è stata l’intervista rilasciata al ‘Corriere della sera’ da Marracash […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 16 a venerdì 20 gennaio 2017

Tutte le trame della soap Una Vita per la terza settimana di Gennaio.

TV

Amici 2016: la coreografia di Lorenzo Tricks Sorice conquista tutti, video

Sulle note del brano degli Excision & Space Laces con Giuseppe Giofrè, Lorenzo Tricks Sorice si è esibito Sabato 14 gennaio conquistando tutti: giuria e pubblico […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag