Inquisizione 2.0. Facebook censura il museo Jeu de Paume

Insopportabile censura di Facebook al Musée du Jeu de Paume di Parigi, reo d’aver pubblicato la fotografia di un nudo femminile

Censurare, censurare, censurare, per Facebook il lavoro d’appiattimento del pensiero passa per la moralizzazione della Rete, dove l’impero del bene di Mark Zuckerberg (sia detto con ironia), si appropria della vita privata del suo popolo, ma non può tollerare la visione di tette e culi. Secondo l’Inquisizione 2.0 il Jeu de Paume s’è reso colpevole d’aver pubblicato “Lo studio di nudo” del 1940 della fotografa francese Laure Albin Guillot, messa in rete in occasione della retrospettiva in corso al museo fino al 12 maggio 2013. L’account FB del museo è rimasto bloccato 24 ore poi, mercoledì, la scritta inquietante: “Al prossimo avviso di Facebook, il nostro account potrebbe essere disattivato in modo permanente. Quindi non pubblicheremo nudo, anche se crediamo che al loro alto valore artistico”.  La reazione del pubblico non si è fatta attendere, i messaggi di solidarietà sono piovuti a decine, e la polemica, sacrosanta, è montata. Gli amministratori della pagina FB scrivono:
<<La polemica dovrebbe incoraggiare gli amministratori di Facebook a riconsiderare la loro posizione. Non distinguere tra un’opera d’arte e un’immagine pornografica è un amalgama discutibile, ma anche pericolosa.
Ci affidiamo a questo dibattito affinchè “le norme comunitarie Facebook” possano essere riviste in futuro, e rifiutino qualsiasi forma di censura>>.

 

Ma non è la prima volta che FB censura l’arte, lo stesso museo s’era macchiato di “crimini”  pubblicando immagini di Willy Ronis e Manuel Alvarez Bravo. E c’è di più nel novembre 2011, la rete aveva già rimosso dalla pagina de L’Express un’istantanea dell’artista cinese Ai Weiwei per gli stessi motivi di “indecenza”. Pochi mesi prima, un artista danese Frode Steinicke era stato escluso dal social network per aver messo sul suo profilo l’opera di Courbet L’Origine du monde. Una censura che s’è abbattuta anche sui Nirvana, per la copertina dell’album Nevermind. L’anno scorso ha fatto clamore il blocco per 24 ore dell’account di un utente  che aveva  inserito all’interno di una pagina antirazzista una foto ritraeva una donna nera che allattava un bimbo bianco. La foto era stata rimossa perché è vietata la pubblicazione di immagini che ritraggono il seno nudo, anche quello di una madre che allatta. (g.m)

 

TV

Uomini e Donne: Beatrice Valli in dolce attesa, la foto di Marco Fantini

La conferma è arrivata da Instagram: Beatrice Valli e Marco Fantini saranno presto genitori. Era da mesi che circolava la notizia della gravidanza dell’ex corteggiatrice […]

TV

Il Segreto Anticipazioni 24 febbraio 2017: Rosario si oppone alla relazione tra Ramiro e Rafaela

Ramiro è interessato a Rafaela ma Rosario lo avvisa: la ragazza è già impegnata!

Musica

Jamiroquai: è online il video del nuovo singolo CLOUD9

È da poco online il video di “CLOUD 9”, il primo singolo estratto dal nuovo, atteso album dei Jamiroquai “AUTOMATON” in uscita il 31 marzo […]

TV

Amici 16: Michele Perniola contro Mike Bird, Shady ascolta “Louboutin” in Radio

La scuola di Amici sta entrando nel vivo, in attesa del serale, previsto, secondo le ultime indiscrezioni, il prossimo 25 marzo. La tensione è palpabile […]

Musica

Alter Bridge al Postepay Sound Rock in Roma 2017

L’Italia ama gli Alter Bridge. Dopo aver registrato un “sold out” in occasione della data a Bologna lo scorso dicembre, la formazione guidata da Myles […]

Gossip

Uomini e Donne, anticipazioni trono over, Gemma lascia lo studio in lacrime dopo le verità di Michele

E’ stata registrata ieri una nuova puntata del trono over di Uomini e Donne. Cristina rivela le sconcertanti parole di Michele D’Ambra rivolte a Gemma […]

Un commento su “Inquisizione 2.0. Facebook censura il museo Jeu de Paume”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag