Impressionisti a Palazzo Pitti

Impressionisti a Palazzo Pitti. 12 capolavori del Museo d’Orsay esposti nel Salone da Ballo del Quartiere d’Inverno della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti. Firenze: 24 settembre 2013 – 5 gennaio 2014. Una mostra curata da Simonella Condemi e Rosanna Morozzi

Nei mesi scorsi, l’Orangerie di Parigi ha ospitato la mostra (attualmente allestita alla Fundacion Mapfre di Madrid) : “I macchiaioli des impressionistes italiens?” , ampia esposizione dedicata a un movimento che, pur con fortune decisamente inferiori, ha avuto molto in comune con l’Impressionismo francese oltre al primato d’aver preceduto di una decina d’anni almeno l’avvento sulla scena internazionale di Monet, Renoir, Cezanne & soci …

.

In quella occasione la Galleria d’arte moderna di Firenze, che detiene la maggiore collezione di macchiaoli, aveva imprestato alla Réunion national des musées diciannove opere (tra cui Album lo Zibaldone di Telemaco Signorini) nell’ambito di un accordo di scambi reciproci. Ed ora, gli impressionisti rendono la visita: “Si tratta (…) di una mostra selettiva e meditata che, nel prendere le distanze dall’inflazionata usanza di esporre una ‘manciata’ di quadri impressionisti per garantire agli organizzatori un sicuro successo ovunque nel mondo, si propone di rinnovare per i fiorentini e per il pubblico internazionale di Palazzo Pitti l’incontro con la pittura impressionista entro la cornice dei confronti, delle suggestioni, dei ritmi dei quali solo Palazzo Pitti è depositario” commenta la soprintendente Cristina Acidini. In breve i due Degas, i due Monet, i due Cézanne, i due Renoir, i due Pissarro, il Fantin Latour e l’opera di Paul Guigou in mostra, potrebbero suggerire ulteriori strade di ricerca su possibili contaminazioni tra le culture francese e toscana. D’altronde dal Caffè Michelangiolo in via Larga, il luogo di ritrovo per eccellenza dei macchiaioli, ad un certo punto passa Edgar Degas nel suo primo viaggio in Italia (1856-1860), e molti altri artisti francesi tra cui James Tissot, Gustave Moreau, Marcelin Desboutin.

 

Alle opere provenienti dal Museo d’Orsay, divise in due sezioni, una sulla pittura en plein air, l’altra dedicata agli interni; si aggiungono due Pissarro: Il taglio della siepe e l’Approssimarsi della bufera, e un piccolo olio di Alphonse Maureau Sulle rive della Senna, già nella collezione del critico d’arte Diego Martelli e da lui legati al museo. Martelli aveva del resto scritto più volte, di voler unire queste sue opere ad alcune tele di Fattori, di Gioli e di altri esponenti del movimento macchiaiolo per dimostrare, attraverso un confronto diretto, le somiglianze tra i due linguaggi.

La mostra è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti e Firenze Musei. www.polomuseale.firenze.it

(g.m)

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag