Gustav Klimt, la famiglia cui apparteneva rivuole il Fregio di Beethoven

Una famiglia ebrea rivendica dal governo austriaco il capolavoro di Gustav Klimt

Gustav Klimt dipinse nel 1902 il cosiddetto Fregio di Beethoven in onore della Nona Sinfonia. Su grandi pannelli figure allegoriche raccontano ogni anno a centinaia di migliaia di persone quel desiderio di felicità che può essere colmato solo dal mondo ideale delle arti . Nel palazzo della Secessione, nel centro di Vienna , una stanza è stata adattata nel 1986 appositamente per ospitare questo dipinto unico che si trova sette metri di altezza, si estende su più di 34 metri e pesa quattro tonnellate, è così noto che un’immagine tratta dal fregio è stata usata come motivo di una moneta commemorativa da 100 euro. Insomma, per gli austriaci è un vanto nazionale, peccato che – stan446px-Klimt_-_Diesen_Kuss_der_ganzen_Weltdo a quanto riferisce il New York Times – sia frutto di una coercizione a discapito di una famiglia ebrea. E adesso è tempo di fare i conti, anche se negli ultimi dieci anni, l’Austria ha compiuto notevoli passi avanti nel processo di restituzione dei beni depredati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale e sino al maggio del 2013 sono stati 5880 i beni resi. L’ attuale controversia sul “Fregio di Beethoven”, tuttavia, non dipende direttamente dai saccheggi di guerra, ma piuttosto pone l’accento su come l’arte rubata sia stata gestita dopo la fine della guerra.

Il fregio era di proprietà della famiglia Lederer, ricchi ebrei austriaci che erano stati importanti mecenati di Klimt . Quando i nazisti invasero l’Austria nel 1938, la famiglia fuggì in Svizzera, ma la vasta collezione d’arte di proprietà fu sequestrata e molte delle opere di pregio che ospitava, tra cui 18 Klimt,  furono addirittura distrutte nei giorni finali del conflitto.

Il gigantesco fregio però sopravvisse e a guerra finita fu formalmente restituito ad Erich Lederer, l’erede della famiglia. Ma ci fu un intoppo. Il governo austriaco gli avrebbe concesso i titoli di esportazione per le altre sue opere solo se lui avesse venduto il ” Fregio di Beethoven ” allo Stato ad un prezzo ridotto. Così affermano gli eredi del signor Lederer.

In una lettera 1972 all’allora cancelliere austriaco Bruno Kreisky, il signor Lederer lamentava una sorta di estorsione da parte del governo, ma, nel 1973 finì con l’accettare di vendere il fregio al governo di Vienna per 750 mila dollari: la metà del suo valore stimato, al momento, in base a una valutazione di Christie’s.

Nel 2009, il governo austriaco ha modificato la legge sulle restituzioni rivedendo quelle vendite “scontate”. Su questa base la famiglia Lederer ha depositato la sua richiesta di resituzione all’ufficio governativo ad hoc e al ministro austriaco per l’istruzione, le arti e la cultura, Claudia Schmied, cui tocca la decisione finale. La famiglia Lederer è solo una delle tante famiglie ebree saccheggiate dei loro tesori d’arte durante la Guerra.
Nel 1999, sostengono gli avvocati, l’Austria ha restituito sei Egon Schiele agli eredi di Erich Lederer, così come un dipinto di Gentile Bellini che l’uomo era stato costretto a donare in cambio della revoca del divieto di esportazione di altre opere di sua proprietà. Ma il “Fregio di Beethoven” è di gran lunga l’opera più preziosa, e simbolica. “E’ il miglior esempio per vedere se la legga sta funzionando”  dice Marc Weber, l’avvocato dei Lederer.

(g.m)

Gustav_Klimt_014

Gossip

Uomini e Donne: Federico Gregucci regala una fedina a Clarissa Marchese

Da quando sono usciti dal programma di Maria De Filippi, subito dopo la scelta, sono inseparabili. Stiamo parlando dell’ex tronista Clarissa Marchese e di Federico […]

Gossip

Maddalena Corvaglia annuncia la separazione da Stef Burns

Maddalena Corvaglia e Stef Burns si sono lasciati. Ad annunciarlo, su Instagram è proprio lei, con un lungo e amaro post che mette la parola […]

TV

Amici 16: Alex Braga accusa Lo Strego di arroganza

Nel daytime di Amici, sotto accusa Nicolas Burioni, in arte Lo Strego, dal professore di canto Alex Braga. Mentre per Giada e Elisa si lancia […]

TV

la neomelodica Nancy Coppola tra i naufraghi de L’Isola dei Famosi 12

Annunciato il nuovo concorrente de L’Isola dei Famosi 12 che sostituirà le Marchi, si tratta della neomelodica Nancy Coppola.

TV

Uomini e Donne: Luca Onestini e Manuel Vallicella divisi per Carmen

Nelle prime puntate del trono classico, emerge già una corteggiatrice ambita da entrambi i tronisti: Carmen Rimauro, 20 anni, napoletana, iscritta al terzo anno della […]

TV

Anticipazioni Un passo dal Cielo 4: stasera 19 gennaio 2017

Secondo appuntamento con la fiction Un Passo dal Cielo, stasera su Rai1. Scopriamo le anticipazioni della puntata del giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag