Governo: così ti sburocratizzo la Cultura

Facilitare la raccolta fondi e i prestiti internazionali (remunerati), così il Governo tenta di raggranellare nuovi fondi per la Cutura

Anche i Beni culturali nel decreto del “Fare” varato dal governo Letta. Il Consiglio dei Ministri di ieri ha inserito nel disegno di legge sulle semplificazioni – decreto che va a completare il quadro degli interventi di sburocratizzazione avviati con il decreto-legge “Fare” –  tre norme relative ai Beni culturali che consentiranno di “affittare” opere italiane a musei stranieri, facilitare il “found raising” e la concessione dei contributi per le produzioni cinematografiche.

 

 

Tranquilli la Venere di Botticelli rimarrà al suo posto. Il decreto, infatti, consente l’uscita temporanea dall’Italia di beni culturali non esposti, ma richiesti da accordi culturali con istituzioni museali straniere. Si potrà ottenere “un corrispettivo per lo sfruttamento economico di tali beni per un periodo che non può essere superiore a dieci anni”. Se consideriamo che i depositi dei nostri musei straboccano letteralmente d’opere d’arte di valore assoluto ma non esposte al pubblico (vedi filmato), e fatte salve tutte le misure per la salvaguardia del patrimonio, la politica del prestito può portare qualche vantaggio economico.

 

 

Vantaggi economici al patrimonio possono sicuramente giungere dal facilitare il cosiddetto “found raising” sul territorio, anche di modico valore, da destinare a interventi di tutela dei beni culturali o paesaggistici, così come avviene in altri Paesi europei. In tal modo i fondi raccolti per un singolo progetto (un restauro, una miglioria, un servizio per i Beni culturali) saranno gestiti direttamente sul posto.  I funzionari delegati del ministero per i Beni e le attività culturali potranno infatti acquisire e utilizzare immediatamente le somme raccolte, mediante l’accensione di appositi conti correnti presso istituti bancari o altri soggetti autorizzati. Si elimina così il versamento delle somme in conto entrata dello Stato e la loro successiva riassegnazione allo stato di previsione della spesa del Ministero per i beni e le attività culturali. Operazione lunga e farraginosa che spesso disperdeva i fondi in mille rivoli.

Ed infine una norma per il cinema, ampliando la possibilità di depositare la copia del film presso la Cineteca nazionale per l’ottenimento dei contributi anche in versione digitale e non più soltanto mediante negativo della pellicola originale. Un evidente sgravio dei costi. Attendiamo i dettagli. (a.d)

 

Musica

Giò Sada al South by SouthWest di Austin in Texas

Grandi novità in vista per Giò Sada che, dopo un tour ricco di date in Italia e il coast to coast in USA con il […]

TV

Massimo Ceccherini lascia l’Isola dei Famosi, televoto annullato

Complice una settimana molto dura e l’ennesimo litigio con Raz Degan, il comico toscano Massimo Ceccherini ha deciso di lasciare l’Isola dei Famosi, annunciando oggi […]

Moda

Anna Calvi Live For Burberry

Lunedì sera Burberry ha presentato al Makers House di Londra la nuova collezione maschile e femminile ‘February 2017’. Anna Calvi ha accompagnato la sfilata esibendosi […]

Gossip

Uomini e Donne: le accuse di Luca Onestini sul discusso video di Soleil Sorge

Soleil Sorge non ha mai nascosto di aver avuto numerose esperienze televisive e artistiche sia in Italia che all’estero. Ieri oltre alle foto hot diffuse […]

Cucina

Anticipazioni Spagnole Il Segreto: il mistero dietro gli incubi di Beatriz

Un misterioso dramma del passato alimenta gli incubi della giovane Beatriz.

TV

Anticipazioni Americane Beautiful: Quinn racconta “Bill non voleva Wyatt”

La Fuller confessa a Ridge di quando Bill le ordinò di abortire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag