Federico Fellini, la mostra più grande è ad Amsterdam

Federico Fellini – la mostra. Il Museo del Cinema di Amsterdam ospita, a 20 anni dalla scomparsa, la più grande retrospettiva sul regista italiano. Pellicole, fotografie, ritagli di giornale e brani tratti dal suo “Libro dei sogni” ne ricostruiscono la carriera

Federico Fellini era solito dire che i suoi film erano fatti “per essere visti e non per essere capiti” e “ho lasciato che accadesse“, aggiungeva. Sono queste parole la traccia lungo la la_dolce_vita_campagnebeeldquale la retrospettiva allestita al museo di Amsterdam (e corredata di tanto di rassegna cinematografica) si muove in un percorso dove, annullata ogni cronologia, il lavoro dell’ autore più riconosciuto del cinema italiano viene presentato come una sarabanda d’immagini: tra centinaia di foto personali e di scena, spezzoni di quasi tutti i suoi film e frammenti del famoso libro dei sogni, quel volumetto nel quale, su consiglio dello psicanalista, il regista cominciò ad appuntare ogni giorno i suoi sogni e a corredarli di schizzi variopinti.

 

Un racconto di Fellini attraverso le sue immagini, quelle che lo ispirarono, quelle che sognava, quelle che fabbricava in un dialogo tra fotografia e film, tra immagini fisse ed immagini animate, immagini reali e immagini sognate. E non è solo Fellini che si ritrova in mostra, non solo le letture della sua opera ma anche del tempo al quale è appartenuto. Il secolo del cinema certamente, ma anche quello della stampa, dei media, della televisione, della pubblicità. Dunque il secolo della fabbrica delle immagini.

Tuttavia al centro del viaggio resta il Fellini uomo libero, l’artista che al di fuori dalle correnti riesce a costruire il proprio universo, il proprio marchio. L’esplorazione del misterioso, il subconscio, il sogno, le memorie d’infanzia, tutti quegli elementi che diventano parte integrante del mito felliniano. A completare la mostra una vera chicca: la performance di Fellini ne Il Miracolo di Roberto Rossellini, dove vediamo un Federico ventottenne nei panni del personaggio del vagabondo che la protagonista, Anna Magnani, scambia per San Giuseppe.

La mostra, curata da Sam Stourdzé  è organizzata in partnership con la fondazione Fellini di Rimini e la Fondation Fellini pour le cinéma di Sion. (www.eyefilm.nl ) (a.d)

Federico Fellini, marzo 1955 Courtesy Collection particulière, Paris

Film

Ritrovato filmato inedito di Marilyn sul set di Quando la moglie è in vacanza

È una scena indimenticabile della storia del cinema, quella in cui Marilyn Monroe si fa alzare le gonne dall’aria che proviene dalla grata della metropolitana. […]

Film

Dwayne Johnson interpreterà anche un film su Black Adam

Dwayne Johnson aggiunge al suo carnet un supervillain da fumetto. Sarà infatti Black Adam per la Warner, la nemesi di Shazam. Lo studio sta infatti […]

Film

Johnny Depp premiato ai People Choice Awards, ringrazia commosso i fan

Johnny Depp è tornato a parlare in pubblico dopo gli scandali del divorzio con Amber Heard e le numerose polemiche che lo hanno coinvolto di […]

Gossip

Bella Thorne difende Tyler Posey e Gregg Sulkin dagli scandali

Bella Thorne ha commentato su Twitter l’attacco hacker subito dalle due star della tv, nonché due suoi noti ex: Tyler Posey e Gregg Sulkin. Le […]

Film

Celine Dion canterà una canzone del nuovo La Bella e la Bestia

Nella versione animata della Disney del 1991, La Bella e la Bestia aveva, fra le sue meraviglie, la canzone di Céline Dion, diventata subito molto celebre. […]

Gossip

Uomini e Donne: Federico Gregucci regala una fedina a Clarissa Marchese

Da quando sono usciti dal programma di Maria De Filippi, subito dopo la scelta, sono inseparabili. Stiamo parlando dell’ex tronista Clarissa Marchese e di Federico […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag