Damien Hirst, 25 anni di Young British Art e una mostra a Milano

La Young British Art in questo 2013 ha raggiunto il quarto di secolo. Il fondatore, Damien Hirst non è più giovane ma è diventato importante… purtroppo o menomale?

Sono passati esattamente 25 anni da quando Damien Hirst s’impose all’attenzione pubblica realizzando in un magazzino in disuso di Londra la mostra del suo lavoro e di quello dei suoi amici e compagni del Goldsmiths College. La mostra si chiamava Freeze ed impose al mondo Hirst come uno degli artisti più influenti della sua generazione e con lui la famosa YBA, Young British Art, scuola che piaccia o meno, dagli anni ’90 ha fortemente influenzato la scena artistica internazionale (tra i nomi di freeze troviamo Sarah Lucas, Marc Quinn, Mat Collishaw, Rachel Whiteread ecc…).

 

E se gli stessi inglesi tante volte storcono il naso davanti alle opere dell’ormai ex enfant prodige (che intanto ha sostituito l’etichetta di giovane con quella dell’artista più ricco), è vero che a lui hanno affidato, nel 2012, anno olimpico, una delle mostre più significative che potevano vedersi a Londra durante i Giochi. Perché, per dirla con Jonathan Jones “Hirst modella ancora il panorama culturale britannico”, e poco importa se il più autorevole critico, l’australiano Robert Hughes, recentemente scomparso, si sia sempre fieramente dichiarato avverso a Hirst, ritenendolo un fenomeno di marketing furbescamente concepito; la questione vera, quella che dà fastidio a tanti è proprio la popolarità di Hirst, ovvero la sua capacità d’essere pop in maniera viscerale, e dunque riconoscibile, riconosciuto, e vendibile. E anche kitsch, enormemente, spudoratamente, ostentatamente kitsch. Tanto kitsch che neppure gli si può contestare, anzi al massimo lo si può collegare in quanto a carica provocatoria a quelle stampe satiriche della vecchia tradizione britannica. E magari è vero quello che diceva Hughes: “Lo squalo sotto formaldeide di Hirst è l’esemplare di organismo marino più sopravvalutato al mondo” ma l’idea degli YBA che l’arte dovrebbe essere cosa giovane e parte integrante della cultura popolare, nella sua semplicità, è ancora fortissima e forse insuperata.

 

Ci asteniamo dai giudizi (di Hirst abbiamo scritto molte volte, v’invitiamo a fare una ricerca in Daring per approfondire), ma li rimandiamo al lettore segnalando che giovedì 16 maggio alla Galleria Il Castello di Milano inaugura la mostra Go Through con diciannove opere di Damien Hirst, facenti parte della collezione privata di Adriano e Marcello Conte, titolari della galleria.

I due galleristi hanno chiesto al regista e light designer Francesco Vitali di interpretare con la sua sensibilità il loro desiderio di creare un percorso espositivo inedito e che coinvolga il visitatore in prima persona, così come l’artista ha coinvolto loro nella passione per le sue opere.

Go Through indica i passaggi (tra i teschi evocativi) le soste (tra gli spot paintings) le seduzioni (le finiture in polvere di diamanti) le illusioni (gli armadietti di medicinali) e le trasformazioni (le farfalle) che nella mostra troviamo installati nel buio, ad accogliere i momenti di introspezione, e nella luce, a permeare l’azione vitale, richiamando così l’esistenza di ognuno di noi.

Elisa Ajelli, art director e curatrice della galleria Il Castello, ha collaborato per rendere fruibile al pubblico i passaggi e le trasformazioni esposte, sottolineando la teatralità insita nella poetica dell’artista (ancor più evidente nelle sue ultime personali) e facilitando la sintesi sapiente dell’incontro tra l’artista e la passione per le sue opere di Adriano e Marcello Conte. www.ilcastelloarte.it

(a.d)

Gossip

Uomini e Donne: polemiche per una domanda indiscreta a Claudio Sona

Si è scatenata una polemica dopo una delle tante ospitate di Claudio Sona in una discoteca. Come è noto, l’ex tronista e Mario Serpa, dopo […]

Film

Robert De Niro e Michelle Pfeiffer in un film HBO su Bernie Madoff: guarda il trailer

È targato HBO, la rete via cavo che è sinonimo di produzioni televisive e cinematografiche di alta qualità, il film biografico The Wizard of Lies, […]

TV

Il Segreto: le trame di sabato 14 e domenica 15 gennaio 2017

Scopriamo cosa accadrà negli appuntamenti di sabato 14 e domenica 15 gennaio 2017.

Gossip

Checco Zalone di nuovo papà

Checco Zalone annuncia su Facebook la nascita di Greta, la secondogenita, dopo la piccola Gaia nata nel 2013,  avuta dalla compagna Mariangela Eboli, sua compagna da […]

TV

Amici 16 Anticipazioni: il cast per il serale

Scopriamo insieme le anticipazioni riguardanti il cast del serale della sedicesima edizione di Amici.

Gossip

Amy Adams conquista la stella sulla Walk of Fame di Hollywood: foto

Un anno che si preannuncia già meraviglioso quello per la star di vicentina Amy Adams, protagonista di recente in Animali Notturni di Denis Villeneuve accanto […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag