Ciro Vitale espone a Milano. Opere in cui la memoria è elemento fondante

La “prima” di Ciro Vitale, da venerdì prossimo, alla “Galleria Arte Borgogna” di Gianni Shubert, in via Visconti di Modrone, 20, a Milano (MM San […]

La “prima” di Ciro Vitale, da venerdì prossimo, alla “Galleria Arte Borgogna” di Gianni Shubert, in via Visconti di Modrone, 20, a Milano (MM San Babila). L’artista presenta “Ti dico degli assenti“, una personale del giovane artista campano che si avvale del patrocinio dell’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Amato Perretta” di Como. E’ una riflessione, come si legge nella presentazione dell’evento, su come la società in cui viviamo sia “naturalmente” predisposta a dimenticare. Da qui la necessità  di riaffermare alcuni valori fondanti della nostra storia. La memoria è in filo conduttore delle opere di Vitale che prendono avvio dalle recenti vicende legate al “ventennio” relazionandosi con l’oggi. L”artista, in breve, mette in pratica quel collegamento che esiste tra il passato e il presente sia a livello temporale sia a livello empatico tra persone, luoghi, fatti. L’esposizione è curata da Francesca Guerisoli. I lavori di Ciro Vitale sono intrisi di umanità: il calore di una voce, lo sguardo di un personaggio ritratto, la forza di un dettaglio entrano in relazione e in contrasto con il minimalismo dei mezzi impiegati. L’allestimento prevede dieci disegni tratti da fotografie di famiglia degli anni Trenta e Quaranta. Ma ai personaggi è sottratta l’identità individuale così da favorire la rievocazione della memoria collettiva. Un video costruito sulla base di stralci di filmati d’archivio, rappresenta poi un intreccio di episodi della storia italiana contemporanea e racconta di un periodo in cui la reazione popolare è riuscita a riappropriarsi  della democrazia. Attraverso tecniche studiate minuziosamente l’artista riflette sulla scomparsa di quanti hanno vissuto in prima persona la Resistenza partigiana e con essa della memoria da loro custodita. I ritratti di ex partigiani, realizzati da Vitale nel 2009, sono posizionati accanto a fotografie di luoghi-simbolo, le montagne del lecchese, costituendo una sintesi emozionale, narrativa e visiva. Un elemento dominante dell’installazione è  il suono: su un tavolo luminoso sono posizionati quindici box luminosi con i ritratti fotografici sbiaditi dei “Martiri di Piazzale Loreto”;  l’elemento sonoro è costituito da una registrazione audio “raccolta” lo scorso anno nello stesso luogo e giorno in cui, nel ’44, furono giustiziati ed esposti al pubblico i corpi di quindici partigiani.

Musica

Giò Sada al South by SouthWest di Austin in Texas

Grandi novità in vista per Giò Sada che, dopo un tour ricco di date in Italia e il coast to coast in USA con il […]

TV

Massimo Ceccherini lascia l’Isola dei Famosi, televoto annullato

Complice una settimana molto dura e l’ennesimo litigio con Raz Degan, il comico toscano Massimo Ceccherini ha deciso di lasciare l’Isola dei Famosi, annunciando oggi […]

Moda

Anna Calvi Live For Burberry

Lunedì sera Burberry ha presentato al Makers House di Londra la nuova collezione maschile e femminile ‘February 2017’. Anna Calvi ha accompagnato la sfilata esibendosi […]

Gossip

Uomini e Donne: le accuse di Luca Onestini sul discusso video di Soleil Sorge

Soleil Sorge non ha mai nascosto di aver avuto numerose esperienze televisive e artistiche sia in Italia che all’estero. Ieri oltre alle foto hot diffuse […]

Cucina

Anticipazioni Spagnole Il Segreto: il mistero dietro gli incubi di Beatriz

Un misterioso dramma del passato alimenta gli incubi della giovane Beatriz.

TV

Anticipazioni Americane Beautiful: Quinn racconta “Bill non voleva Wyatt”

La Fuller confessa a Ridge di quando Bill le ordinò di abortire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag