Cartier: lo stile e la storia, la mostra è al Grand Palais

Apre oggi, si protrae sino al 16 febbraio 2014 al Grand Palais di Parigi , la più grande mostra mai dedicata alla maison Cartier . Come suggerisce il titolo “Cartier, lo stile e la storia ” racconta attraverso le creazioni della casa l’evoluzione dei gusti e dei codici sociali ma anche il suo ruolo nella storia delle arti decorative

Curata da Laure Dalon e Laurent Salomé  la mostra, inaugurata l’altra sera alla presenza di una corposa rappresentativa del jet set internazionale, propone  l’abbagliante visione di 600 oggetti tra monili, parti di gioielli, orologi realizzati tra il 1847, anno di fondazione della casa, e gli anni ’70 del secolo trascorso. Dovenuta subito famosa come fornitrice di reali e gente del bel mondo, in questi 160 anni di storia Cartier ha esplorato innumerevoli strade, tutte rapprestnate al Grand Palais. Dai raffinatissimi diademi ai gioielli cerimoniali passando attraverso very e propri emblem del nascere delle modernità, come il rossetto rosso compatto o i portasigarette. Straordinario l’insieme degli orologi da tavolo, una quindicina tra i quali spicca il Grande Pendule Mystérieuse Portique, risalente al 1923. Fu realizzato con oro, platino , smalto nero e un onice cabochon, è decorato con corallo e l’asse di trasmissione è una barra di cristallo di rocca .

I pezzi in mostra provengono in gran parte dagli archivi di Cartier (dal 1983 , la Collezione Cartier è stata presentata in 25 mostre in numerose istituzioni culturali di tutto il mondo, tra cui il Metropolitan Museum di New York , il British Museum di Londra , la Fondazione Calouste Gulbenkian di Lisbona e il Museo del Palazzo di Città Proibita di Pechino), ma oltre cinquanta sono i prestiti dai musei o da prestigiose collezioni private, come la raccolta dei principi di Monaco: una ventina di oggetti, molti dei quali personali, altri indossati in occasioni ufficiali la maggior parte dei quali furono scelti da Grace di Monaco. D’altronde personalità, ereditiere, attrici sono parte integrante della storia Cartier. Da Liz Taylor a Marlene Dietrich, dalla Duchessa di Windsor alla leggendaria Maria Felix cui apparteneva la collana Coccodrilli ornata con oltre mille tra diamanti e smeraldi e con gli occhi di rubino. E sono questi gioielli straordinari ed eccessivi, capolavori d’artigianato e sfarzo, l’immagine più emblematica di cosa significhi divismo, coronato o meno che sia.

Materiale d’archivio e un’abbondante documentazione accompagna la mostra. Progettata per posizionare le creazioni Cartier nella prospettiva più ampia delle evoluzioni nel gusto, nelle arti decorative e nell’arte in generale , questa mostra offre anche una lettura dello stile Cartier nel contesto degli sviluppi sociali che di oltre un secolo.

TV

Anticipazioni Il Segreto19 febbraio: Matias smaschera Raimundo

Matias rinviene una valigetta con del materiale compromettente nelle mani di Raimundo.

TV

Anticipazioni Il Segreto 18 febbraio 2017: Hernando dice a Camila di non amarla

Hernando rivela alla sua giovane moglie la verità riguardo al loro matrimonio e i motivi che l’hanno spinto a sposarla.

TV

Anticipazioni Il Segreto 17 febbraio: Hernando respige Camila

Hernando rifiuterà di condividere il talamo nuziale con la giovane moglie e lei troverà conforto scrivendo ad una misteriosa amica…

TV

Uomini e Donne: Manuel lascia il trono, Marco Cartasegna è il nuovo tronista

Come già si sospettava, Manuel Vallicella non ha cambiato la sua decisione e nella registrazione di ieri di Uomini e Donne, ha comunicato la scelta […]

TV

Uomini e Donne: Sonia Lorenzini sceglie Emanuele Muati

La registrazione di ieri del trono classico di Uomini e Donne, ha regalato, come prevedibile, colpi di scena. Dopo le polemiche che hanno contraddistinto il […]

TV

Uomini e Donne: Asia Nuccetelli voleva il trono, la confessione di Raffaella Mennoia

In questi giorni i post su Instagram della redattrice e autrice di Uomini e Donne, Raffaella Mennoia, sono decisamente provocatori e spassosi. All’ennesima critica al […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag