Capitale Europea della Cultura 2019: 21 le candidate italiane, scelta ardua

Sono ventuno le città italiane in corsa come Capitale europea della Cultura per il 2019

Le magnifiche 21 hanno presentato al MiBac regolare “dossier di candidatura” ed ora attendono che la commissione ad hoc effettui la prima selezione, le “prescelte” avranno alcuni mesi di tempo per migliorare il proprio progetto, quindi il Consiglio dell’Unione nel 2014 effettuerà la propria scelta, su suggerimento del ministro della Cultura, e  sarà una scelta non facile

 

Il ruolo di Capitale Europea della Cultura (due città ogni anno, nel 2019 l’Italia dividerà l’onore e l’onere con la Bulgaria) è ambito, preziosa l’opportunità di rilanciare economia, risanare aree di degrado sociale e urbanistico, incrementare l’offerta culturale e costruirsi una reputazione internazionale che genera turismo e dunque occupazione.  In lizza: Aosta, Bergamo, Cagliari, Caserta, Città-diffusa Vallo di Diano e Cilento con la Regione Campania e il Mezzogiorno d’Italia, Erice, Grosseto e la Maremma, L’Aquila, Lecce, Mantova, Matera, Palermo, Perugia con i luoghi di Francesco d’Assisi e dell’Umbria, Pisa, Ravenna, Reggio Calabria, Siena, Siracusa ed il Sud Est, Taranto, Urbino, Venezia con il Nordest per una competizione che non dovrà essere – si spera – fratricida. Ciascuna delle località ha motivi ottimi per ambire al “titolo”, tesori d’arte straordinari, unicità da mostrare al mondo e tutelare, millenni di storia da mettere sul piatto. Tuttavia una città non viene scelta come capitale europea della cultura unicamente per quello che è, ma soprattutto per quello che intende fare per un anno che deve essere “eccezionale”. Il programma, vuole il regolamento UE, deve infatti soddisfare alcuni criteri specifici. Deve valorizzare la ricchezza e la diversità delle culture europee; deve celebrare i legami culturali che legano insieme gli europei (in questo è stata eccezionale Marsiglia, capitale in questo 2013, con la molteplicità d’iniziative dedicate al Mediterraneo), deve promuovere una cultura europea della reciprocità e favorire un sentimento di cittadinanza europea. Con quali fondi? A oggi lo Stato italiano non ha previsto risorse specifiche, ma iniezioni di denaro potrebbero arrivare dal nuovo ciclo di programmazione europea 2014-2020 (30 miliardi di euro).

 

Firenze, Bologna e Genova sono le città italiane che negli anni passati sono state Capitali Europee della Cultura, nel 2014 toccherà a Umeå, Svezia e Riga, Lettonia. Nel 2015 di scena Mons, Belgio e Plzeň, Repubblica Ceca; nel 2016 Donostia-San Sebastián, Spagna e Wrocław, Polonia; nel 2017 Aarhus, Danimarca e Paphos, Cipro; nel 2018 i Paesi Bassi e La Valletta, Malta. E per il 2019 vinca il migliore (il migliore programma). (a.d)

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag