Biennale, in archivio con una collezione di record

L’hanno già battezzata la Biennale dei record, parliamo della 55/a Esposizione internazionale d’arte, il Palazzo Enciclopedico, edizione diretta da Massimiliano Gioni e andata in archivio ieri con una conferenza stampa e un convegno pomeridiano su “Biennale e musei”

I record collezionati sono diversi, su tutti quello del numero di visitatori, oltre 470mila, cifra che incrementa dell’8 per cento i pur lusinghieri 440mila biglietti “staccati” dall’edizione 2011 della Biennale d’arte, quella diretta da Bice Curiger, che a sua volta aveva sopravanzato del 18% l’edizione 2009. Ma c’è chi potrebbe obiettare che con un flusso potenziale di 30milioni di persone l’anno, tanti sono i turisti che passano in laguna, la più importante rassegna d’arte contemporanea del mondo potrebbe raccogliere – in sei mesi – anche di più. Esatto, ecco la misura del limite dell’arte d’oggi. Ma in compenso, sempre guardando alle cifre, il futuro s’annuncia migliore.

Chiudiamo avendo conseguito risultati molto positivi sia quantitativi che qualitativi“, ha detto il presidente della Biennale, Paolo Baratta. Sul piano quantitativo significativo il numero di visitatori tra ottobre e novembre. Nell’ultima settimana di ottobre ci sono state 28.386 presenze, superando i 2.424 visitatori dei giorni del vernice. “Ripartiti dopo i primi cinque giorni gli yacht – ha detto non senza ironia – si sono avuti sei mesi segnati dalla presenza di zainetti“. E infatti giovani e gli studenti sono stati il 31,75% dei visitatori totali.

 

I risultati quantitativi, pur “utili”, indicano “un’evoluzione qualitativa molto importante, che è la nostra prima preoccupazione”, ha sottolineato Baratta.

«Il Palazzo Enciclopedico è una mostra che racconta del desiderio impossibile di sapere e vedere tutto: è una mostra che raccoglie le avventure, le storie e i racconti di tanti personaggi che – spesso in solitudine – hanno cercato di creare una cifra, un’immagine del mondo, che ne catturasse la sua ricchezza. Il successo di pubblico di questa edizione dimostra che l’arte è qualcosa che facciamo insieme e che è parte della vita di moltissime persone», ha dichiarato Massimiliano Gioni, che al termine della rassegna si ritrova con un decimo posto conquistato  nell’elenco delle cento persone più influenti del mondo dell’arte. Non v’è dubbio che la Biennale di Gioni abbia segnato un successo anche dal punto di vita della critica. Pur con qualche dissenso per il Leone d’oro a Tino Sehgal, premiatoper l’eccellenza e la portata innovativa del suo lavoro che apre i confini delle discipline artistiche” (ma molti l’hanno liquidato come alquanto banale e fuori tempo) non vi sono state critiche particolarmente feroci. Lo stesso si può dire (parliamo di critiche feroci non di normali dissensi) del Padiglione Italia, il Vice-Versa messo in scena da Bartolomeo Pietromarchi. La francese Camille Henrot, ha vinto invece il Leone d’argento come migliore artista giovane e menzioni alla statunitense Sharon Hayes, all’italiano Roberto Cuoghi, e, il Leone d’oro al Padiglione dell’Angola, con la potente evocazione della città di Luanda e della sua travagliata storia compiuta da Edson Chagas, per la mostra forse più emozionante, l’eredità più toccante di questa Biennale.

 

Ma torniamo solo per un attimo ai numeri per rimarcare quelli, significativi, relativi alla diffusione mediatica della Biennale 2013: sono stati 3mila e 681 gli articoli della stampa scritta e dei principali siti web (+ 8,7 rispetto al 2011). E da domani, spazio al toto direttore per la Biennale 2015,  la 56ma, che si terrà dal 9 maggio al 22 novembre del 2015, durerà circa un mese in più delle edizioni precedenti. Altri record da battere. (a.d) 

 

Film

PETA contro “Qua la zampa!” Un video diffuso da TMZ diffonde immagini su maltrattamenti

Una vera e propria bufera quella ha travolto il film A Dog’s Purpose  – Qua la zampa! in seguito alla diffusione di un video da […]

TV

Hidden Singer Italia: 23 febbraio su Nove

Dal 23 febbario su Nove, il nuovo show condotto da Federico Russo che celebra 6 star della musica italiana.

TV

Il Collegio: Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

Attendiamo lunedì 23 gennaio, l’ultimo appuntamento con l’innovativo docu-reality di Rai2. Chi sarà ammesso all’esame di terza media del 1960?

TV

Uomini e Donne: scontro tra Sonia Lorenzini e Mario Serpa

Che i due ragazzi non si piacessero molto si già era intuito nel trono precendente. Mentre Sonia sosteneva il rivale di Mario, Francesco,  mentre l’ex […]

TV

Dance, Dance, Dance: fuori gli influencer Chiara Nasti e Roberto De Rosa

Nel Dance off della puntata andata in onda mercoledì sera, Chiara Nasti e Roberto De Rosa hanno sfidato Raniero Monaco di Lapio e Beatrice Olla, uscendone sconfitti.

TV

Amici 16: Sabrina Ferilli non sarà più tra i giudici, Morgan unico nome confermato

Un altro addio nel celebre talent. Dopo quelli di Emma ed Elisa, lascia il programma anche Sabrina Ferilli, presente nella giura di Amici nelle ultime […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag