Banksy a New York per la gioia dei fan e il dispiacere della polizia

Cosa fareste se vi trovaste un Banksy sul muro di casa?

Non ci sarebbe sindaco di città italiana, appassionato d’arte o meno, che non vorrebbe avere come problema i graffiti di Banksy sui muri. Ma a New York, dove in questo mese l’artista di Bristol ha dato vita ad un personalissimo festival, colmando la città di opere e interventi (uno al giorno per 31 giorni), le opere del tagger devono essere protette da un servizio di vigilanza privata pagata dai fan. Colpa della polizia, che vorrebbe mettere le mani sul graffitaro e affibbiargli una bella accusa di “vandalismo“. Come se gli ultimi 20 anni fossero passati invano, e Banksy, intanto, non fosse diventato quel ricercatissimo (non dalla polizia o meglio, anche) artista dalle quotazioni straordinarie. Artista che sceglie, nell’occasione, di concedere gratuitamente la sua opera – piaccia o meno – alla visione comune o di venderla in strada, come accaduto pochi giorni orsono, alla strabiliante cifra di 60 dollari.

new-20york-20post-20white-20backing-private
Ma davanti al sacro principio dell’inviolabilità della proprietà privata, non c’è moto dello spirito che tenga e, per il primo cittadino newyorchese, Michael Bloomberg, gli stencil di Banksy sono né più né meno che “arte degradante”.  Ci rallegriamo che non abbia usato il termine “degenerata”, ma “penetrare sulla proprietà privata o pubblica non è la mia definizione arte“, ha detto senza mezzi termini il sindaco nel corso di una conferenza stampa. “O forse è arte  – s’è corretto – ma dovrebbe essere vietata . E penso che è esattamente ciò che le leggi dello Stato impongano“. Insomma, Michael Bloomberg non ha intenzione di difendere il lavoro di Banksy nel nome dell’arte, poiché  “tutti i graffiti che danneggiano la proprietà di qualcuno sono segno di decadenza e di perdita di controllo” e precisa che tutti i graffiti scoperti saranno rimossi. E i media si scatenano:
secondo il New York Post , la polizia starebbe sulle tracce del misterioso artista che potrebbe essere arrestato per atti di vandalismo qualora colto in flagranza di reato. E Banksy ha replicato suo sito web con la frase sibillina: “Io non leggo sui giornali ciò in cui credo“.

La polizia di New York, intanto, nega di cercare attivamente Banksy. Un portavoce ha detto che nessuna indagine è stata avviata in assenza di denunce da parte dei proprietari che hanno visto i loro muri anneriti da un colpo di spray . E ci mancherebbe pure. (a.d)

 

TV

Uomini e Donne: Sonia Lorenzini elimina Luca Rufini

Nemmeno il tempo di iniziare un percorso con Sonia e termina dopo due puntate la presenza di Luca Rufini come corteggiatore del trono classico. Sonia […]

TV

Anticipazioni Il Segreto: da lunedì 23 a sabato 28 gennaio 2017

Scopriamo le anticipazioni della soap Il Segreto per la quarta settimana del mese di Gennaio.

Musica

Laura Pausini firma i messaggi d’amore dei Baci Perugina per San Valentino

I fan di Laura Pausini e i golosi dei dolci più romantici della Nestlè, potranno festeggiare il connubio prossimo per la festa di San Valentino. […]

TV

Anticipazioni Una Vita: da lunedì 23 a venerdì 27 gennaio 2017

Scopri le trame della soap Una Vita per l’ultima settimana del mese di Gennaio.

TV

Amici 16, Anticipazioni sull’ottava puntata: polemiche tra Lo Strego, Riccardo, Alessio e Andreas

Come svelato dal Ilvicolodellenews, è stata registrata l’ottava puntata di Amici che andrà in onda il prossimo 4 Febbraio. La puntata si è concentrata sulle […]

TV

Anticipazioni Beautiful: da lunedì 23 a sabato 27 gennaio 2017

Tutte le novità sulle puntate di Beautiful in onda questa quarta settimana di gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag