Archeologia dell’Amazzonia

Antiche culture nella foresta
 

Ai piedi delle Ande, in una porzione dell’Amazzonia peruviana, vittima della deforestazione selvaggia e dove imperversano bande di terroristi e narcotrafficanti, stanno emergendo tracce di ben tre culture che si sono succedute, senza soluzione di continuità, nei millenni.

I reperti più antichi ed interessanti, recuperati dallo scavo eseguito sotto la direzione dell’archeologo peruviano Quirino Olivera Nú ñ ez, risalgono ad una cultura antichissima che prende avvio nel II millennio a.C. Si tratta di pitture sulle pareti di un tempio che rappresentano divinità, rituali e soprattutto mappe del territorio, in cui è indicato il tracciato dei fiumi.

Questa cultura è stata denominata “di Balsapuerto”, e gli uomini dell’epoca non erano solo cacciatori e raccoglitori, ma praticavano anche l’agricoltura, e i loro terreni si trovavano su terrapieni sopraelevati in maniera artificiale, circondati dalle acque.

I resti di questo tempio appena scoperto si trovano a Las Juntas, a nord di Bagua (stato di Amazonas), alla confluenza tra il fiume La Peca e l’Utcubamba.

La prima cultura “di Balsapuerto”, che ha lasciato queste preziose testimonianze nell’arte rupestre, scompare nella prima metà del I millennio d.C., e partire dal VI secolo compare il popolo degli Wari, il cui impero (il primo del continente sudamericano), tra il 500 e il 1000 si estendeva verso est, in direzione della foresta, tra Perù, Bolivia, Ecuador e parte di Cile e Brasile.

Dopo la loro disgregazione (avvenuta tra il 1000 e il 1100), una nuova popolazione occupò la regione fino al XV secolo, i cui resti materiali consistono in pezzi di vasellame di buona qualità ad uso alimentare, dipinto o inciso con temi di natura religiosa o rituale, che trovano confronti anche in America centrale, soprattutto in Honduras.

Ma l’elemento più straordinario degli scavi a Las Juntas sono proprio le grandi pareti argillose del tempio a cielo aperto, decorate con graffiti a temi religiosi, come le divinità che tengono in mano macabri trofei di teste umane a rappresentare sacrifici umani rituali.

Particolarmente interessante è il motivo a rete, che richiama altre culture peruviane come quella dei Moche, che fiorirà circa un millennio più tardi.

Attualmente la regione è abitata dagli Shawi, giunti fin dal XVI secolo, esponenti di una cultura pacifica dedita principalmente all’agricoltura. (m.t.)

 

Amazonia peruviana

Gossip

Michele Bravi: “Mi sono innamorato, di un ragazzo” La canzone a Sanremo dedicata alla sua storia d’amore

Il giovane cantante umbro, vincitore di X Factor 2013, Michele Bravi, ha scelto di raccontare il suo amore per un altro ragazzo a Vanity Fair, […]

Cucina

Il primo Avocado Bar d’Europa apre ad Amsterdam

Dopo New York, spunta anche in Europa il primo Avocado Bar, dedicato completamente al gustoso frutto verde…

Attualità

Parata di star contro il bullismo: #NonStiamoZitti

Francesco Totti, apre la campagna contro il bullismo del Telefono Azzurro, al grido: #NonStiamoZitti

TV

Anticipazioni Spagnole Una Vita: Maria Luisa grida il suo disprezzo alla madre morta

Maria Luisa testimone dell’ultima crudele confessione di Lourdes, esprime tutto il suo disprezzo di fronte alla bara della madre defunta.

TV

Amici 16: Michele Perniola perde la sfida ma viene ammesso nella scuola di Amici

Michele Perniola è entrato ufficialmente nel cast della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi. Nonostante abbia perso la sfida con il beniamino del […]

Film

50 Sfumature di nero, Dakota Johnson su Vogue: “L’orgasmo è un dono di Dio”

Vogue US decide di celebrare l’arrivo al cinema di 50 Sfumature di nero regalando la copertina alla sua bellissima protagonista: Dakota Johnson  è di nuovo la […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag