La “povera” Rai perde i pezzi. Dimissioni dell’Annunziata e Santoro, senza “casa”, spiega com’è andata la vicenda con La 7

Telecom Italia Media,editore de La7, ha interrotto le trattative con Michele Santoro, questa la fresca notizia che si apprende da una nota in cui si […]

Telecom Italia Media,editore de La7, ha interrotto le trattative con Michele Santoro, questa la fresca notizia che si apprende da una nota in cui si parla di “inconciliabili posizioni riguardo alla gestione operativa dei rapporti fra autore ed editore. Perciò Michele Santoro non lavorerà, come ormai tutti si aspettavano e, forse auspicavano, a La7.

Anche Pier Silvio Berlusconi, alla presentazione dei palinsesti Mediaset – di cui tratteremo domani – si era espresso su Santoro: “In Mediaset non lo voglio, Giovanni Floris sì, mi sarebbe piaciuto averlo con noi. Ma Santoro no, proprio no. Il vice presidente del biscione ha detto di aver provato a strappare Floris alla Rai, per poi tornare su Santoro: “Lui per noi è troppo oltre. Ormai non fa più il conduttore televisivo, ormai è un politico. Devo riconoscere che televisivamente è un fenomeno, un vero talento, ma portarlo da noi no, proprio no“.

Altra notizia “shock” della giornata è quella delle dimissioni di Lucia Annunziatadalla Rai. La giornalista, che fu anche presidente della Rai, lascia così anche il suo programma In mezz’ora in polemica con il direttore di Rai3 Paolo Ruffini. Annunziata ha presentato le sue dimissioni questa stamattina al direttore generale Lorenza Lei che le ha chiesto se si potevano trovare altre strade, ma la risposta è stata un secco no.

Il direttore Paolo Ruffini – spiega Lucia Annunziata – lunedì 27 ha comunicato in comitato editoriale-aziendale di ritenere impossibile continuare a lavorare con me dopo la mia intervista al Messaggero ed ha chiesto alla Rai la possibilità di trasferirmi su altre reti. Ho preso atto – aggiunge – ed ho presentato questa mattina le mie dimissioni al direttore generale Lorenza Lei. Il dg mi ha chiesto se poteva trovare altre strade. Ho detto no, le mie dimissioni sono definitive.

Già nella serata di presentazione dei palinsesti c’era stato uno scontro tra Ruffini e la Annunziata, per l’assenza del suo programma dalla cartella stampa dei palinsesti autunnali che però il direttore aveva giustificato come un errore di stampa. La giornalista aveva lasciato comunque la serata.
Al momento non sembra che questo addio preveda un nuovo contratto con un’altra emittente.

 

In mezz’ora

 

 

SANTORO DOPO IL NO DI LA7 “SIAMO DI FRONTE A UN COLOSSALE CONFLITTO D’INTERESSE”

La reazione di Michele Santoro dopo l’interruzione delle trattative ormai avanzate con La7, annunciate con un comunicato da Telecom Italia Media non si è fatta attendere:
Siamo di fronte ad una nuova, eloquente ed inoppugnabile prova dell’esistenza nel nostro Paese di un colossale conflitto di interesse. Un accordo praticamente concluso annunciato dallo stesso telegiornale dell’editore coinvolto, apprezzato dal mercato con una crescita record del titolo, viene vanificato senza nessuna apprezzabile motivazione editoriale. Naturalmente non possiamo fornire le prove dell’esistenza di interventi esterni ma parla da solo l’interesse industriale che avrebbe avuto La7 ad ospitare un programma come il nostro nella sua offerta”.

 

Improvvisamente – continua Santoro – ci sono stati posti gli stessi problemi legali che la Rai pone a Milena Gabanelli e norme contrattuali che noi consideriamo lesive della libertà degli autori e dei giornalisti. Per non tradire le attese del pubblico, ci siamo impegnati a farci carico delle eventuali conseguenze legali delle nostre trasmissioni, ad autoprodurle e a procedere per gradi, senza un contratto quadro, con una prima serie di undici puntate. In questo modo, sia noi che l’editore, avremmo potuto liberamente valutare l’opportunità di continuare la collaborazione”. “Ricordiamo a tutti – ci tiene ad aggiungere il giornalista – che il dottor Stella, amministratore delegato di Telecom Italia Media aveva pubblicamente dichiarato che non c’erano divergenze economiche e che La7 non aveva nessun problema a mettere in onda un programma come Annozero. Un programma che, tra infinite difficoltà e attacchi di ogni tipo, è sempre stato realizzato in completa autonomia. Perché hanno cambiato idea? Chi ha interesse ad impedire che si formi nel nostro Paese un terzo polo televisivo che rompa la logica del duopolio? Per tornare a crescere l’Italia deve liberarsi del conflitto di interesse e di tutti coloro che non hanno avuto il coraggio di opporgli le ragioni della libertà di opinione e della libertà di mercato. Sulla scia del successo di Tuttiinpiedi, con l’aiuto fondamentale del pubblico, dimostreremo presto che un Paese semilibero non ci basta. Tutto cambia”.

Interessante trovare sul blog di Gad Lerner un post firmato da lui e da Enrico Mentana dal titolo Perché ora lo stop a Santoro? in cui si legge: “Siamo molto dispiaciuti dell’interruzione della trattativa per portare Michele Santoro a La7.
Non solo perché la sua è una voce importante nel panorama della libera informazione. Ma anche perché siamo convinti che una trattativa condotta più sobriamente avrebbe limitato le interferenze esterne, comunque inaccettabili, e favorito un accordo professionale, basato sui principi dell’autonomia e della lealtà reciproche, già vigenti a La7.
Ci chiediamo, inoltre: che bisogno c’era di decidere e annunciare con questa fretta lo stop alla trattativa con Santoro?
 Ci auguriamo che si possa riprendere più serenamente il filo della trattativa nell’interesse di tutti, come suggeriscono le ragioni del libero mercato”.

 

AGGIORNAMENTO ORE 20

 

Enrico Mentana nell’edizione del TgLa7 delle 20.00 ha parlato guardando dritto in camera ai suoi telespettatori, ma anche e soprattutto – evidentemente- alla sua rete e al suo editore affinché questi ultimi diano spiegazioni sul perché una trattativa così avviata si sia bruscamente interrotta: “non vorremmo fosse una censura di mercato” – il timore di Mentana.(Erika Brenna)

TV

Anticipazioni Una Vita: quale sarà il destino di German?

German e Manuela sono morti, eppure anticipazioni spagnole fanno sperare in un ritorno della Manzano, cosa ne sarà invece del suo amato Medico?

Gossip

L’ultima esterna di Claudio e Mario: video

Claudio e Mario “paparazzati” da una fan nell’ultima esterna insieme a Napoli. L’esterna è stata registrata tre giorni fa, i due ragazzi erano nel capoluogo campano […]

TV

Il Segreto Anticipazioni Spagnole: Francisca ha ucciso Salvador Castro

Anticipazioni provenienti dalla Spagna scagionano Soledad, non è lei ad aver ucciso Salvador Castro…

Gossip

Nove mila euro alla Arcuri per accendere un albero di Natale

Sarà Manuela Arcuri la madrina per l’accensione dell’Albero di Natale a Salerno. Un evento tradizione che da il via ai festeggiamenti pubblici organizzati nella città ogni […]

Musica

Tiziano Ferro raddoppia i concerti a Roma e Milano

Il 2017 segnerà l’atteso ritorno live di Tiziano Ferro. Dopo il grande tour negli stadi italiani e nei palazzetti europei del 2015, Tiziano torna finalmente […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta di Claudio Sona!

L’attesa è finita. Oggi, Venerdì 2 Dicembre, si concluderà il trono gay di Uomini e Donne con la scelta di Claudio.  Scelta che sarà tra […]

Un commento su “La “povera” Rai perde i pezzi. Dimissioni dell’Annunziata e Santoro, senza “casa”, spiega com’è andata la vicenda con La 7”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag