Incantevole Benigni

Roberto Benigni e la Costituzione, un monumento è tornato

Appurato che il 21 dicembre, data della fine del mondo, non è la notizia peggiore del mese (parola sua); la migliore è stata certo il ritorno di Roberto Benigni su RaiUno. Quanti italiani sarà riuscito a tenere davanti allo schermo attraversando gli articoli fondamentali della Costituzione italiana lo sapremo tra qualche ora (vi aggiorneremo), al momento sappiamo che “La più bella del mondo” dovrebbe essere vista obbligatoriamente nelle scuole d’ogni ordine e grado, se solo gli obblighi non fossero naturalmente invisi agli studenti.  Insomma, Benigni come al solito, ha incantato, ha fatto ridere e sorridere, ha commosso, ci ha persino inorgoglito. Ecco dunque il solito Benigni, il solito giullare dai modi un po’ antichi, il Benigni come un fiume in piena e sempre, ancora in grado di parlare a tutti, anche a coloro –  tanti – che non hanno strumenti a sufficienza per emozionarsi davanti alla Storia, davanti alla grandezza di quei padri costituenti (e di quelle madri, come ha sottolineato) che nel ’47 dimenticarono le loro diversità mettendo assieme “la più bella Costituzione del mondo”.

 

Lo spettacolo doveva cominciare con la satira. E così è stato. E il ritorno di Berlusconi non poteva che essere il punto centrale della prima parte “è tornato per la sesta volta, la settima, almeno, si riposerà”. E così oggi ci sono anche gli scontenti, i giornalisti con l’obbligo del contrattacco, come Maurizio Caverzan, che su Il Giornale parla di un Benigni “che maramaldeggia sfiorando l’insulto“, accenna ai soldi che entreranno nelle casse della Melampo (1.8 milioni per la serata, 4 per TuttoDante su radice in primavera); si attacca alla mancata controprogrammazione della Rai per “assicurare” a Benigni il boom degli ascolti. Come se per far piacere a Mediaset la tv di stato avesse l’obbligo di scelte suicide; come se i “prodotti” televisivi non avessero un prezzo; come se il ritorno di Berlusconi fosse cosa seria. Insomma, i soliti argomenti di chi non ha argomenti.

Ma grazie alla nostra Costituzione, la libertà d’opinione è ancora tutelata. E non c’è neppure l’obbligo di amare Benigni, sui giornali però ci piacerebbe leggere critiche vere, i commenti da bar li ascoltiamo prendendo il cappuccino.

E terminata la grande serata, con la certezza che da oggi ci saranno molti più italiani di ieri, ci chiediamo se è fortunato quel Paese che per tornare ad amare la propria Costituzione ha bisogno di un comico che gliela racconti. In tutta franchezza non lo sappiamo, ma sappiamo che è un paese fortunato quello che può vantare Roberto Benigni tra i suoi monumenti, l’articolo 9 dovrebbe tutelare anche lui. (a.d)

Gossip

Uomini e donne: Sonia Lorenzini è la nuova tronista

L’ex corteggiatrice di Claudio D’Angelo, sale sul trono: è Sonia Lorenzini la nuova tronista ! La bella 27 anni di Mantova, chiuso definitivamente il capitolo Claudio, è […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta finale di Claudio D’Angelo: il tronista ritorna in trasmissione.

Colpo di scena a Uomini e Donne, il tronista Claudio D’Angelo che nell’ultima puntata aveva annunciato di voler abbandonare il programma, è tornato nella trasmissione con […]

Gossip

Bufera su Jennifer Lawrence: “Mi sono grattata il sedere su alcune rocce sacre”, video

L’attrice Jennifer Lawrence,  ospite nel programma britannico al “The Graham Norton Show”, racconta di un prurito inarrestabile al sedere, placato da una grattata su alcune rocce […]

Film

Riccardo e la dedica a Camilla su Instagram: “Questo cielo è per te”

“…Ti dedico il cielo sopra Roma…” Questa la dedica dell’ex tronista Riccardo Gismondi a Camilla Mangiapelo sul profilo ufficiale Instagram dell’ex tronista. Al momento i due ragazzi […]

TV

Bake Off Italia presenta una Celebrity Edition

Stasera, 9 dicembre 2016, Real Time presenta una speciale puntata con tanti protagonisti Vip.

Film

Gli attori pagati troppo del 2016: in testa per il secondo anno consecutivo Johnny Depp

Come ogni anno, il magazine Forbes ha stilato la lista degli attori meno redditizi del cinema. Al primo posto, ancora una volta, Johnny Depp. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag