Concerto 1 Maggio a Taranto: l’altra faccia del lavoro

1° Maggio di lotta: Sì ai diritti, No ai ricatti. Ecco il titolo del concerto di Taranto, quello che in tanti hanno chiamato controconcertone.

Michele Riondino ce l’ha fatta e il suo concerto a Taranto è stato un successone. La semplicità ha pagato, seppure i media si sono ben guardati di raccontare la bellezza di un evento importante. Michele Riondino nella sua Puglia e a Taranto è stato capace di mettere l’accento sul lavoro, su quel lavoro che in Puglia – e non soltanto lì -, è causa ogni giorno di sofferenza, di morte e di ferite che non vanno via. L’Ilva di Taranto è un argomento caldo, un argomento spesso dimenticato, un argomento che Michele Riondino ha voluto ancora una volta raccontare.

La musica è stato dunque il pretesto per non dimenticare, il concerto e il suo titolo sono un chiaro segnale: 1° Maggio di lotta: Sì ai diritti, No ai ricatti. Il concerto di Taranto è stato aperto da una band di salentini doc, i Sud Sound System che immediatamente hanno cominciato le danze con la famosa Le radici ca tieni.

Arrivano poi sul palco Chitarre e Tammorre, l’Orchestra Popolare Ionica, Tarentum Clan e Giovanni Truppi e infine Bonomo. Arrivano sul palco i Leitmotiv, che eseguono anche una canzone dedicata a Taranto: Napoli Minor.

Arriva il momento di un altro gruppo tra i più famosi della giornata musicale tarantina, gli Officina Zoè. Dopo di loro il sassofonista napoletano Daniele Sepe. Arriva anche Diodato che, oltre ai suoi brani, esegue anche una personalissima versione di Amore che vieni, amore che vai di Fabrizio De Andrè. Sul palco poi i Luminal e dopo di loro Michele Riondino in versione musicista con la sua band, i The Revolving Bridge. Per loro pezzi inediti e anche una cover di Svalutation di Adriano Celentano. Dopo di lui un altro attore che sveste i panni del teatrante e veste quelli del rapper: Elio Germano arriva sul palco del concerto con la sua band bestierare. Arrivano poi i Nadàr Solo e subito dopo il leader de e Il Teatro degli Orrori, Pierpaolo Capovilla, che assieme ai Nadàr Solo canta Il vento.

E ancora Sciamano & Mosca 58, la dj Lady Coco (che improvvisa un Harlem Shake) e ancora Krikka Reggae, Fido Guido e Roy Paci. Sul palco arriva anche Raf che esegue i suoi nuovi pezzi e dopo di lui Riccardo Senigallia, accompagnato dalla bassista Laura Arzilli. Sono ormai le 22.30 e arriva sul palco di Taranto il cantautore romano The Niro. Arriva poi Francesco Baccini, presentato da Andrea Rivera conduttore del concerto. E’ il turno di Luca Barbarossa che canterà, tra le altre, Oh, che sarà di Ivano Fossati. Assieme a lui anche Fiorella Mannoia che prosegue eseguendo Sally, Il cielo d’Irlanda e E’ la pioggia che va. A mezzanotte la cantante termina con Quello che le donne non dicono.

 

(b.p.)

 

TV

Anticipazioni Il Segreto: Francisca e Aurora si contendono Beltran

Dopo la morte di Bosco vedremo Francisca e Aurora combattere per la custodia di Beltran.

Gossip

Uomini e Donne: Luca Onestini è il nuovo tronista !

Ad appena due settimane dalla scelta di Clarissa Marchese e dopo la conclusione di tutti i troni in corso (Riccardo, Claudio D. e Claudio S.) […]

Gossip

Justin Bieber smentisce il matrimonio con Selena Gomez: “Sono single, non cerco nessuno”

Justin Bieber, ospite nel noto talk-show statunitense, The Ellen DeGeneres Show, smentisce seccamente le presunte nozze con la sua storica ex, Selena Gomez. I tabloid statunitensi avevano […]

TV

Caterina Balivo accende l’albero di Detto Fatto per beneficenza

Caterina Balivo porta lo sfavilante Buon Natale di Detto Fatto ai bambini ricoverati nella clinica pediatrica De Marchi.

Gossip

Ludovica Valli ha un nuovo fidanzato? Pioggia di critiche per l’ex tronista

Dopo aver dichiarato di voler voltare pagina e ammesso la fine della relazione con Fabio Ferrara, Ludovica Valli alimenta i sospetti su un nuovo, presunto fidanzato, […]

TV

Francesco – Il Papa della gente: 7 e 8 dicembre 2016 su Canale 5

Arriva su Mediaset la miniserie dedicata al pontefice Jorge Mario Bergoglio firmata dal regista Daniele Luchetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag