Arrow, Stephen Amell parla della morte di Tommy

Le dichiarazioni dell’attore sul finale della prima stagione

E’ stato trasmesso ieri 27 maggio su Italia 1 l’ultimo episodio della prima stagione della fortunatissima serie Tv Arrow, tratta dai fumetti della DC Comics e incentrata sulle avventure del supereroe Freccia Verde.

 

“Sacrificio” è stata una puntata ricca di colpi di scena e si è conclusa in un modo che i fan non si aspettavano. Oliver (Stephen Amell) e Diggle (David Ramsay) sono stati impegnati nel tentativo di fermare il piano di Malcolm (John Barrowman) per distruggere il quartiere Glades di Starling CityTramite un dispositivo in grado di provocare un terremoto. Tuttavia, i due si sono imbattuti in un posto di blocco dopo che il detective Lance ha fermato Felicity (Emily Bett Rickards) per un interrogatorio. Oliver non riesce a bloccare Malcolm e il dispositivo viene azionato. Tommy (Colin Donnel) si precipita nel quartiere per salvare Laurel (Katie Cassidy), nonostante lei abbia avuto un ritorno di fiamma con Oliver. Laurel viene tratta in salvo ma Tommy rimane intrappolato tra le macerie. Oliver va da lui per cercare di liberarlo ma le ferite del ragazzo sono troppo gravi. I due amici hanno appena il tempo per dirsi addio.

 

In questi giorni, Stephen Amell ha rilasciato alcune dichiarazioni circa la scena finale dell’episodio. Lo scorso febbraio, la produzione della serie ha comunicato al cast la decisione di far morire il personaggio di Tommy a fine stagione. Amell ha affermato che apprendere questa scelta è stato davvero uno shock e che girare l’ultima scena è stato davvero molto triste e toccante. L’attore ha dichiarato che voleva fare una brillante performance in modo da onorare Tommy come personaggio e come amico. Colin, dal suo canto, è stato un attore straordinario nel corso di tutta la stagione, secondo Amell. Il celebre attore canadese ha poi aggiunto che questo evento ha segnato molto profondamente Oliver, il quale non avrà più intenzione né motivazione a continuare ad essere il Vigilante. Amell spera, inoltre, che nella seconda stagione i fan possano ritrovare i personaggi in situazioni diverse da quelle in cui li hanno lasciati.

 

Infine, il produttore esecutivo Marc Guggenheim ha rivelato che la morte di Tommy era necessaria per poter impostare la prossima stagione di Arrow. Si era deciso, infatti, di far subire una perdita ad Oliver nell’episodio finale in modo che questa potesse servire da ponte per i nuovi episodi. La scelta è ricaduta sul personaggio di Tommy poiché doveva trattarsi di qualcuno la cui morte avrebbe avuto un forte impatto non solo su Oliver ma sull’intero cast:

“La morte di Tommy ha un forte impatto praticamente su tutti i membri del nostro cast. Ovviamente su Oliver e Laurel, ma, nello show avevano anche stabilito la presenza di un legame tra Thea e Tommy, poi, ovviamente, Lance a causa del legame che Laurel ha con Tommy, e Moira a causa della sua responsabilità che ha in quanto accaduto. E’ il personaggio la cui morte avrebbe avuto l’impatto maggiore”. (e.s.)

 

 

© Riproduzione riservata

TV

Anticipazioni Beautiful: Katie contro Brooke e Bill

Katie, ormai allo sbando a causa dell’abuso di alcol, accusa Brooke E Bil di tradimento…

TV

Uomini e donne: Aldo e Alessia si sono lasciati

Aldo Palmeri confessa: “Ho tradito Alessia”

TV

Il Segreto: svelata la verità sulla morte di Natalia

Cosa c’entra Francisca con la morte di Natalia, moglie di Raimundo? Severo svelerà ad Emilia tutta la verità sul tragico evento…

TV

Anticipazioni Il Segreto: Mariana allontana Nicolas

L’inganno di Mariana le si ritorcerà contro. Presto la ragazza si troverà a fronteggiare da sola una notizia inaspettata…

TV

Anticipazioni Cherry Season: Seyma trova un’alleata

Duro il cammino per la dolce Oyku, che ora ha un’altra nuova cospiratrice da affrontare…

TV

Anticipazioni Il Segreto: dal 25 al 30 luglio

Tutte le anticipazioni della soap più amata di Canale 5 per la quarta settimana di luglio.

Un commento su “Arrow, Stephen Amell parla della morte di Tommy”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag