Google Glass – Ecco perchè non valgono l’acquisto, non ancora

Google è alla ricerca di nuovi explorer che testino i loro Glass alla modica cifra di 1500 euro, ma vale la pena comprarli oggi o è meglio aspettare ancora un po’, mentre il mondo si abitua ad essi?

Ieri, martedì 15 aprile, è stato un giorno storico per molti appassionati di tecnologia. Per sole 24 ore infatti, è stato possibile acquistare un paio di Google Glass alla modica cifra di 1500 euro. L’iniziativa è stata lanciata da Google su suolo americano, per trovare nuovi explorer, ovvero dei beta tester paganti. Inutile dirvi che sono andati a ruba centinaia di modelli, in barba alla crisi (per ora al mondo ci sono 30 mila esemplari). Ma questi Google Glass, oggi come oggi, meritano davvero l’acquisto oggi? Ecco alcuni motivi, secondo il New York Magazine che sostengono la tesi negativa, ovvero”no, non lo meritano, per il momento”.

Occhio alle multe. Una delle cose più “affascinanti” che si possono fare con i Google Glass è filmare il proprio tragitto quotidiano in macchina al lavoro o i propri viaggi in moto durante il weekend. Molti lo fanno già oggi con le varie GoPro o telecamerine all’ultimo grido. Con i Google Glass diventerà tutto più semplice, a meno che non vi becchiate una multa. Infatti non esiste ancora una sezione del codice stradale che comprenda l’uso di questa tecnologia durante la guida. D’altronde possono essere pericolosi, perchè possono distrarre il guidatore dalla strada con pop up di mail o messaggi dai social network che appaiono davanti agli occhi. In America una explorer è stata multata perchè “beccata” alla guida con indosso gli occhiali. La cosa è finita in tribunale dove, non riuscendo a constatare se erano accesi o no durante la guida, l’accusa è stata lasciata cadere. Prima che venga creata una norma che comprenda i Glass di Google in Italia, dovremmo passare attraverso mille multe. Meglio aspettare o non usarli alla guida.

L’invidia altrui. Un giornalista di Business Insider, Kyle Russell, ha recentemente vissuto una nottata da incubo a San Francisco, in una zona della periferia. Stava indossando i suoi Google Glass quando un ragazzo glieli ha tolti da sopra il naso e glieli ha frantumati a terra violentemente. Il gesto è causato dalla gentrificazione che sta erodendo sempre più il centro della città. Anche se questo è un caso legato più agli Stati Uniti e a San Francisco nello specifico, e non dovrebbe avere similitudini in Italia, occhio lo stesso. Perchè un occhiale così costoso e vagamente inutile, crea dislivello sociale e potrebbe aizzare la rabbia del vostro vicino in metro, soprattutto in questo periodo di crisi.

Vietato l’ingresso agli occhialuti. Sono sempre di più i casi in cui i portatori di Google Glass vengono esclusi da alcuni negozi, che sia di vendita animali, un bar o uno strip club. I gestori non sono molto a proprio agio con una nuova tecnologia che ti può filmare, a tua insaputa, in continuazione. Inoltre lo fanno per mantenere la privacy dei propri clienti, soprattutto in un locale per adulti come uno strip club. Insomma, o ve li togliete, o andate a farvi una birra altrove.

E niente cinema. Chiaramente l’ingresso è vietato anche al cinema. La rete è zeppa di siti che propongono gli ultimi film del momento in streaming, filmati al cinema di nascosto e con audio pessimo. Figuriamoci quanti sostituirebbero il treppiedi, la telecamera e il cappotto a mo di camuffamento con degli occhialetti così discreti. In Ohio un uomo è stato fermato dai federali dopo la proiezione del film Jack Ryan e accusato di pirateria.

Le app sono poche e mediocri. Il maggior vanto di Google è stato quello di sostenere che con i Glass si possa fare qualsiasi cosa, dal leggere le mail, scattare foto, giocare con gli amici, fare ricerche online etc. La verità però è che al momento ci sono davvero pochissime app (leggere la mail, i messaggi di whatsapp, giocare a blackjack). Lo sviluppo è lento, perciò meglio attendere ancora qualche mese. Esiste anche una app per il sesso, ma non è certo un super traguardo.

Tutti ti fissano. Sarai lo zimbello del paese. Immerso in conversazioni da solo, con gli occhi sempre per aria e questi occhialetti da nerd. Ovviamente all’inizio, quando sarai l’unico a portarli e chiaramente non sarà un problema per gli estroversi e gli esibizionisti ma per gli altri?

In definitiva, i Google Glass sono il futuro o no? Si e no. No perchè servono ancora tantissimi miglioramenti, non a caso esistono questi explorer che li testeranno in mezzo alla vita reale. Si perchè esponenzialmente non hanno limiti e potrebbero cancellare addirittura i nostri smartphone. Il rischio che però si rivelino un grosso buco nell’acqua c’è.

E in fondo c’è anche un motivo per comprarli ora, quello di sensibilizzare la gente a questa nuova tecnologia, di accelerare i tempi e evitare quindi i mille problemi raccolti qua sopra. E intanto in Italia, i Glass approdano in una sala chirurgica.

Arte e Cultura

Ve.NICE STUFF 2016: il Design è di casa a Venezia

Quattro giorni per conoscere le nuove produzioni Made in Laguna. Perché Venezia è una città contemporanea

Gossip

Mario e Claudio avvistati insieme dopo la scelta

Tra Claudio e Mario è amore. I due ragazzi sono stati avvistati nella periferia di Roma e nei pressi della stazione Termini e insieme ai fan […]

TV

Solo: da aprile le riprese della seconda stagione

Partiranno in primavera le riprese della seconda apprezzata stagione di Solo, la fiction di Canale 5 con Marco Bocci.

Gossip

Brad Pitt invita l’ex moglie Jennifer Aniston a cena ma lei rifiuta

Stando a quanto riportano i magazine di gossip, e in particolare la rivista britannica Heat, Brad Pitt sarebbe stato “friendzonato” dalla sua ex moglie, Jennifer […]

TV

Anticipazioni Americane Beautiful: Caroline torna da Thomas

Anticipazioni Americane della soap Beautiful, rivelano che presto assisteremo ad un ritorno di fiamma tra Caroline e Thomas.

TV

Stasera Casa Mika ultima puntata: martedì 6 dicembre 2016

Stasera, l’ultima puntata del One man show condotto da Mika, ospiterà un grande nome della musica internazionale: Kylie Minogue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag