Ligabue, in Mondovisione è meglio

Diciannove album, 4 libri, 2 lungometraggi, e poi 2milioni e 600mila “like” su Facebook, un milione di seguaci su Twitter e un canale YouTube che conta oltre 16 milioni di visualizzazioni. I numeri (parziali) del Liga, cifre di un successo lungo più di un quarto di secolo (mezza vita)

E’ stato presentato ieri a Milano, Mondovisione, album numero 19 di Luciano Ligabue, il decimo d’inediti che giunge a quattro anni da Arrivederci Mostro.  Prodotto da Luciano Luisi e anticipato da “Il sale della terra”, da due mesi ai vertici della classifica dei brani più trasmessi in radio, e dopo il secondo singolo “Tu sei lei”, che troveremo in rotazione radiofonica da lunedì, l’album sarà disponibile da martedì 25. Anticipazioni le potremo ascoltare anche  domani, domenica 24 novembre, quando Ligabue sarà ospite di Fabio Fazio a “Che Tempo Che Fa” (esclusiva televisiva, in diretta su Rai 3 dalle ore 20.10)

LIGABUE_Mondovisione_cover_bCosì il Liga racconta l’album, un no concept che finisce in qualche misura per esserlo perché, inevitabilmente, coglie l’aria di questi tempi: “Da Fuori come va? in poi, ho smesso di cercare un concept per ogni album che unisse le canzoni che ne avrebbero fatto parte. La scelta si basa su altre sensazioni, non più su un unico concetto unificatore. Poi, ad album finito, siccome – come dicevo – mi viene inevitabilmente chiesto che cosa tiene insieme le canzoni, provo a chiedermelo anch’io. A volte questo mi fa trovare il titolo all’album. È successo così anche in questo caso. Perché, cercando di tirare le fila del disco – sempre considerando che le dodici canzoni sono così diverse fra di loro –, la cosa che sembra emergere è la mia visione del mondo. Visione che passa attraverso le convinzioni (Sono sempre i sogni a dare forma al mondo), l’identità (Siamo chi siamo), la vitalità (Con la scusa del rock’n’roll; Nati per vivere), il superamento del dolore (La terra trema, amore mio; Ciò che rimane di noi), l’amore (Tu sei lei; La neve se ne frega) o la negazione dell’amore (Il volume delle tue bugie), la memoria (Per sempre) e l’indignazione (Il muro del suono; Il sale della terra)” […] Tempo è una delle parole che più rientra nelle mie canzoni da sempre, perché contempla troppe possibilità per non usarla. A volte mi sembra addirittura un sinonimo (imperfetto, certo) di vita, ma è anche qualcosa che ha a che fare con la musica stessa (il bpm, il ritmo, il tipo di tempo). […] Ma soprattutto tempo è in qualche modo sinonimo di memoria (anche qui non un sinonimo perfetto, siamo intesi). A causa della mia natura malinconica, ho uno sguardo spesso puntato sul passato. Però cercando non tanto di fare confronti, quanto di andare a prendermi l’emozione che mi produce il ricordo di un periodo, di una situazione. Mi piacerebbe che le canzoni e il suono di questo album dessero una sensazione di verità. Io sicuramente ho ricercato il suono più vero possibile. Ma, come sempre, ognuno ne ricaverà le proprie sensazioni”. (Fonte: La vita non è in rima (per quello che ne so) a cura di Giuseppe Antonelli, Editori Laterza)

Spiega il produttore Luciano Luisi: “All’inizio di questo “viaggio” io e Luciano siamo stati subito d’accordo sul fatto che l’album dovesse avere un suono per così dire “classico” ma in un contesto moderno. Le parole chiave che ci hanno guidato sono: verità e schiettezza, far passare attraverso la sincerità che abita i racconti le pulsioni emotive che li hanno generati. In questo lavoro convivono molti colori e sfumature, molte passioni ed umori ed anche qualche inusuale approccio negli arrangiamenti, dal minimalismo musicale (Steve Reich, Philip Glass) in certe parti percussive di piano, ad ipnotici elementi di musica elettronica a qualche sapore Morriconiano sparso qua e là”.

Quattordici brani, tutti scritti da Ligabue e registrati dello studio “di casa” a Correggio con la band dove emergono nomi di sempre: Luciano Luisi (tastiere, sintetizzatori, programmazione, chitarra acustica ed elettrica, cori); Niccolò Bossini (chitarre elettriche, cori); Federico Poggipollini (chitarre elettriche, cori); Kaveh Rastegar (basso) e Michael Urbano (batteria, percussioni).

 

I 14 BRANI

 

IL MURO DEL SUONO. È un mix di chitarre e synth ad aprire il brano e l’album: una dichiarazione d’intenti, mischiare la tradizione e l’attualità. Mentre il testo recita: Sotto gli occhi da sempre/distratti del mondo/sotto i colpi di spugna/di una democrazia/c’è chi visse sperando/e chi disperando/e c’è chi visse comunque morendo/

SIAMO CHI SIAMO. La piacevole intrusione del suono di un bouzouki, per un invito a fare i conti con ciò che non si è fatto e non prendersela più di tanto, anzi accettare con serenità ciò che siamo.

IL VOLUME DELLE TUE BUGIE. E arriva la prima canzone d’amore, o di “negazione dell’amore” tra riff di chitarra, sintetizzatore, cassa e accompagnamento serrato di chitarra acustica e bouzouki, elementi dance e sonorità folk.

LA NEVE SE NE FREGA è invece una ballata dove la chitarra acustica evoca la dimensione intima del racconto (ma tanto la neve, lei se ne frega/copre i coppi e le piazze/le altalene e i bidoni/i sorrisi dei pazzi/e le bestemmie di qualche barbone/tutti quanti costretti/ad un tempo diverso)

IL SALE DELLA TERRA, la quinta traccia che ormai non ha più bisgno di presentazioni, seguita dal breve strumentale CAPO SPARTIVENTO, costruito su un “soundscape” di tastiere per stemperare l’aria, fare da transizione tra un brano ed il successivo

TU SEI LEI,una carezza all’amata”, la definisce Luisi, dichiarazione “definitiva” che precede NATI PER VIVERE (ADESSSO E QUI), brano muscoloso e saltellante pensato per suscitare gioia, energia, positività. “La terra trema, amore mio/i figli van tenuti in braccio/ognuno con le sue domande da fare a Dio/che sembra un impeto d’inferno/che non vuol stare più coperto/venuto su a mangiarsi tutto/a bocca aperta”.

C’è il racconto dell’Emilia devastata nel toccante LA TERRA TREMA, AMORE MIO , brano d’alta emozione, “di dignità e di amore”. Si cambia registro, ma l’emozione resta alta in PER SEMPRE dove Ligabue dipinge scene di vita familiare in un susseguirsi di immagini evocative “mia madre che prepara la cena cantando Sanremo…” e serpeggia la nostalgia.

CIÒ CHE RIMANE DI NOI, brano numero undici della track list, “però alla fine di questo dolore/sarà per sempre alla luce del sole/ciò che rimane di noi”, un brano dalla struttura complessa per un tema che ritorna, quello della reazione agli eventi.  Una pausa emozionale con IL SUONO, IL BRUTTO E IL CATTIVO, brano strumentale che ripropone la frase di chitarra “western” desunta dal chorus de “Il Muro Del Suono”.

Tra evocazioni punk arriva CON LA SCUSA DEL ROCK ‘N’ ROLL, un brano ad alta energia “ho detto cose che potevo non dire/e fatto cose che potevo non fare/e visto gente che ha voluto vedere

A chiudere l’album una ballata dal suono avvolgente SONO SEMPRE I SOGNI A DARE FORMA AL MONDO dove, nelle primissime battute si avvertono in sottofondo dei suoni inarmonici, sono una “citazione” dell’attività cerebrale (il generatore dei sogni). “sono sempre i sogni a dare forma al mondo/ e sogna chi ti dice/che non è così/e sogna chi non crede/che sia tutto qui”.

(g.m)

 

Gossip

Uomini e donne: Sonia Lorenzini è la nuova tronista

L’ex corteggiatrice di Claudio D’Angelo, sale sul trono: è Sonia Lorenzini la nuova tronista ! La bella 27 anni di Mantova, chiuso definitivamente il capitolo Claudio, è […]

Gossip

Uomini e donne, oggi la scelta finale di Claudio D’Angelo: il tronista ritorna in trasmissione.

Colpo di scena a Uomini e Donne, il tronista Claudio D’Angelo che nell’ultima puntata aveva annunciato di voler abbandonare il programma, è tornato nella trasmissione con […]

Gossip

Bufera su Jennifer Lawrence: “Mi sono grattata il sedere su alcune rocce sacre”, video

L’attrice Jennifer Lawrence,  ospite nel programma britannico al “The Graham Norton Show”, racconta di un prurito inarrestabile al sedere, placato da una grattata su alcune rocce […]

Film

Riccardo e la dedica a Camilla su Instagram: “Questo cielo è per te”

“…Ti dedico il cielo sopra Roma…” Questa la dedica dell’ex tronista Riccardo Gismondi a Camilla Mangiapelo sul profilo ufficiale Instagram dell’ex tronista. Al momento i due ragazzi […]

TV

Bake Off Italia presenta una Celebrity Edition

Stasera, 9 dicembre 2016, Real Time presenta una speciale puntata con tanti protagonisti Vip.

Film

Gli attori pagati troppo del 2016: in testa per il secondo anno consecutivo Johnny Depp

Come ogni anno, il magazine Forbes ha stilato la lista degli attori meno redditizi del cinema. Al primo posto, ancora una volta, Johnny Depp. La […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tag