Carciofi ripieni di riso

Un antipasto di verdura dal sapore delicato

Per preparare dei carciofi ripieni di riso, da servire a tavola come antipasto per un menù di Capodanno vegetariano, ecco tutti i passaggi e gli ingredienti che occorrono elencati qui sotto:

 

200 gr di riso basmati

8 carciofi

olio di extravergine d’oliva qb

limone qb

prezzemolo qb

formaggio filante qb

 

Iniziare a preparare i carciofi, togliendone le punte, eliminando l’interno, lavandoli con cura e facendoli scottare in acqua bollente per circa 5 minuti di tempo. Dopodiché far lessare il riso basmati in una pentola di acqua bollente per circa un quarto d’ora, scolarlo, condirlo con un filo d’olio extravergine d’oliva, un goccio di succo di  limone e dei cubetti di formaggio filante.

Mescolare il riso con il condimento e versarlo poi all’interno dei carciofi da disporre sulla teglia da forno ricoperta della carta apposita.

Infornare l’antipasto di verdura nel forno preriscaldato a 180 gradi per una decina di minuti ed ecco che i carciofi ripieni di riso per il menù di capodanno vegetariano sono pronti per essere serviti in tavola.

 

Clicca qui per vedere le altre ricette del menù di capodanno vegetariano

 

(v.c.)

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

Inter – Lazio, orari diretta tv e streaming, probabili formazioni del posticipo di Serie A

Gli orari della diretta tv e streaming del posticipo di Serie A, Inter-Lazio, con le probabili formazioni

Entertainment

Il Segreto anticipazioni puntata serale di oggi 21 dicembre: Fernando ha violentato Maria!

Questa sera ci attende una nuova, entusiasmante puntata serale de Il Segreto, la telenovela di Canale 5: scopriremo con orrore che Fernando è l’uomo mascherato che ha abusato della povera Maria

Entertainment

I 10 uomini più sexy del 2014

I 10 uomini più sexy del 2014

Entertainment

Le 10 donne più belle del 2014

Le 10 donne più belle del 2014

Lifestyle

“Non accetto che Babbo Natale non esista”, donna tenta il suicidio ogni anno

Lynn Cassidy, 54enne inglese, soffre di “depressione stagionale”. Leggiamo la sua (bizzarra) storia

Tag

-->