Cremona, aperto il Museo del Violino

E’ stato inaugurato ieri, a Cremona, il Museo del Violino. Sulle note dei due Stradivari suonati dalla solista Arabella Steinbacher e dal violino concertante Daniel Dodds con l’orchestra d’archi Lucerne Festival Strings, la straordinaria scuola di liuteria cremonese ha aperto le porte al pubblico di quello che è diventato vetrina, racconto, diffusione di una storia fatta di sapienze e lavoro, creatività e perizia ineguagliate

Recentemente entrato nel patrimonio immateriale dell’Umanità tutelato dall’Unesco, il “saper fare” accumulatosi nei cinque secoli di storia della liuteria cremonese trova  narrazione nel palazzo di Piazza Marconi appena restaurato, dove accanto ad uno straordinario percorso in dieci sale costellato dai capolavori di Stradivari, Guarneri del Gesù, degli Amati è stato realizzato anche un auditorium dall’acustica perfetta. Lo ha disegnato l’ingegner Toyota ed è qui, che per dare il via all’avventura del museo, per un mese intero si svolgerà lo STRADIVARIfestival, un doveroso omaggio al più grande dei liutai, l’uomo che la tecnologia non è ancora riuscito a superare, e forse mai riuscirà.

bottega-980x360

Strad_1715Il percorso museale è un viaggio nella storia degli strumenti ad arco più rari, attraverso documenti, suoni e immagini rimandati da installazioni multimediali.  Si comincia con la sezione dedicata alla nascita del violino, dove sono esposti, in riproduzione, quegli strumenti medievali che ne hanno precorso la nascita; si attraversa una vera propria bottega del liutaio, si percorre la storia delle diffusione dello strumento, e ci s’imbatte nell’emozione di ritrovarsi innanzi ai pezzi più preziosi delle liuteria di ogni tempo. L’hanno chiamata “scrigno dei gioielli”, la sala che ospita  i più importanti strumenti dei grandi maestri classici cremonesi appartenenti alla collezione del Comune di Cremona e della Fondazione “Walter Stauffer”. Ne fanno parte celebri strumenti di Antonio Stradivari, tra cui il celebre violino Il Cremonese (1715) – foto a lato- , e poi opere di vari esponenti della famiglia Amati e alcuni Guarneri.

Una sezione è interamente dedicata al lavoro di Stradivari, alla scoperta delle sue tecniche di costruzione e degli attrezzi che adoperava. Il racconto si dipana attraverso oltre settecento reperti, tra cui disegni, forme e attrezzi, tramandati direttamente dalla bottega di Antonio Stradivari e per la maggior parte donati al Comune di Cremona, nel 1930, dal liutaio Giuseppe Fiorini.  A chiudere il percorso una sala del tutto particolare. Un podio racconta le biografie dei liutai professionisti italiani, mentre sulle pareti è presente un omaggio a quelli attivi in città. Un video di montaggio passa quegli spezzoni di film in cui protagonista è ancora e sempre il violino. Questa stessa sala, in vari momenti dell’anno, ospiterà incontri pubblici ed esibizioni con gli strumenti della collezione.

 

museo-violinoLA MOSTRA TEMPORANEA

 

Dal 2009 la Fondazione Stradivari promuove il network friends of Stradivari, rete mondiale tra quanti suonano, collezionano, studiano o semplicemente amano gli antichi strumenti ad arco cremonesi. All’interno di questo progetto culturale, violini di Stradivari, Amati, Guarneri e Storioni, appartenenti a raccolte pubbliche e private, sono temporaneamente esposti nel museo, per essere ammirati e soprattutto ascoltati.

 

 

La Fondazione Arvedi Buschini e il Comune di Cremona sono stati gli artefici del restauro di uno dei palazzi più belli della moderna architettura razionalista dei primi anni ’40. L’intervento di riqualificazione, iniziato nel 2009, dopo diversi anni di abbandono, ha  riportato a vivere lo storico palazzo dell’Arte, che all’ingresso ospita le sculture di Jaume Plensa e Helidon Xhixha come simbolo di dialogo tra passato e presente, tra musica e arte. www.museodelviolino.org (g.m)

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

50 Sfumature di Nero diventa 50 sfumature Oscure!

Il titolo italiano del film si trasforma da 50 sfumature di Nero a 50 sfumature Oscure per avvicinarsi di più al romanzo originale di E .L. James

Entertainment

Il Segreto: puntata pomeridiana giovedì 2 aprile

Scopri tutto quello che accadrà nella puntata pomeridiana di giovedì de “Il Segreto”

Entertainment

50 sfumature di nero; Nancy Brilli è maliziosa al punto giusto!

La Universal trova che Nancy Brilli sia maliziosa e finemente perversa per interpretare il personaggio ambiguo di Mrs Robinson in 50 sfumature di nero

Entertainment

Jamie Dornan e la regista S. T. Johnson, nuove foto!

La regista del film 50 sfumature di grigio pubblica una foto di lei insieme a Jamie Dornan; occhiali da sole, salopette e camicia

Entertainment

50 sfumature di nero; Nancy Brilli nel cast del film!

Ecco il nome della nuova attrice del cast del sequel di 50 sfumature di grigio; si tratta dell’italiana Nancy Brilli

Entertainment

Video Mediaset Le tre rose di Eva 3 streaming video puntata 1 aprile replica

Ecco come rivedere in streaming su Video Mediaset la terza puntata de Le tre rose di Eva 3 andata in onda il 1 aprile

Tag

-->