Grandi mostre: il Mezzogiorno tra forma e colore, in Provenza

Il Grand Atelier du Midi fino al 13 ottobre al Museo Granet a Aix-en-Provence e al Museo di Belle Arti di Marsiglia Palais Longchamp, l’esposzione è curata da Bruno Ely (direttore del Museo Granet) e Marie-Paule Vial (direttrice del museo dell’Orangerie)

Una doppia mostra come momento culminante del programma di Marsiglia e Provenza capitale europea della Cultura 2013, un racconto fatto dei colori abbacinanti del Mediterraneo e di duecento opere per attraversare il mito di un Sud ambito, agognato, benedetto dagli artisti a cavallo tra ‘800 e ‘800: impressionisti e post-impressionisti, fauve, cubisti, neoclassici, surrealisti e astrattisti che alla luce del Mezzogiorno cercarono la loro Arcadia, talvolta senza trovarla. Come capitò a van Gogh e al suo progetto di realizzare ad Arles un collettivo d’artisti col suo amico Gauguin, l’esperimento non andò proprio bene, ma questa è un’altra storia.

Vincent Van Gogh è infatti uno dei due numi tutelari della doppia mostra, l’altro è Paul Cézanne, entrambi immersi con tutto il loro essere nella luce di un Sud che per loro significa essenzialmente Provenza (per altri significherà Italia, Spagna, Nord Africa) un Sud che ovunque si localizzi è stato un grande laboratorio per l’elaborazione della modernità nella pittura. Il Sud, quello provenzale, poco costoso per gli artisti e accessibile in treno (collegato al mercato di Parigi), il Sud dove la luce è costante, ed è abbagliante o contrastante. Il “Midì” costellato di piccoli villaggi, porti, mercati intrisi di una tradizione vivente fatta apposta per essere raccontata…

 

.

DA CÉZANNE A MATISSE

.

Da Cézanne a Matisse” è il percorso che si offre al Museo Granet di Aix , un’indagine che si concentra sull’espressione della forma, inesorabilmente perseguita da Cézanne, il “padre dell’arte moderna” e sperimentata soprattutto con i cubisti Braque e Picasso e con Matisse. Dai primi viaggi a sud di Renoir e Signac con la scoperta di un piccolo e semi sconosciuto porto di pescatori, Saint-Tropez, questa è la storia di ciò che farà del “Midì”, un crocevia di idee, una terra di scambi al sorgere della modernità e dello sviluppo. Il piccolo villaggio di L’Estaque, affacciato sul golfo di Marsiglia, riceve Renoir e Cézanne, Matisse  invece sceglie Nizza e Picasso installa le sue botteghe ad Antibes, Cannes, Mougins. Per Picabia, Masson e in qualche misura Picasso, il Sud è una terra di elezione. E la loro grande produzione rivela anche un’altra dimensione del paesaggio, quella tragica, funerea. Perché il Sud a volte è scuro, a volte solare. Di fronte al sole e alle ombre del Mezzogiorno, che incide le forme e le ordina in un equilibrio armonioso, gli artisti s’incamminano verso l’invenzione di una scrittura astratta, geometrica o lirica, sublimata dalla luce di Nicolas de Staël.

. DA VAN GOGH A BONNARD

. E arriviamo all’esposizione di palazzo Longchamp a Marsiglia. Punto di partenza sono i dipinti di Van Gogh ad Arles (fine 1880), d’altronde lo stesso titolo “Gran Atelier du Midi” si trova negli scritti del pittore olandese quando voleva realizzare il sogno di una comunità artistica nel tripudio di luce e colore. Con Renoir a Cagnes, i soggiorni di Matisse a Collioure, la presenza di Cezanne a Aix, il Sud diventa anche un grande laboratorio di fantasia . Nella cornice ideale di un felice stile di vita pastorale, di cui il Sud sembra detenere il segreto, si materializza quella che Picasso chiamerà “gioia di vivere“.  L’impressionismo di Monet tra Costa Azzurra e Liguria; il post impressionismo di Signac, il fauvismo Matisse, Braque, Derain e Dufy alimenteranno questo fascino di luce e colore. Il Sud come sogno moderno perseguito dagli artisti, un Sud lontano dalla città e dal mondo industriale dove cercare l’oro di un mondo dove tutto è “lusso, calma e voluttà“, come disse Matisse facendo propri i versi di Baudelaire, un Sud abbagliante, come i paesaggi e le figure di Bonnard a Le Cannet. “Penso che dopo tutto la nuova arte è nel Sud“, scrisse Van Gogh. E aveva ragione. (www.grandpalais.fr/fr/evenement/le-grand-atelier-du-midi ) (a.d)

Les peintres de l’Estaque di Rmn-Grand_Palais

Paysages du Midi di Rmn-Grand_Palais

Le Grand Atelier du Midi : la bande-annonce di Rmn-Grand_Palais

© Riproduzione riservata

Lifestyle

Ian Somerhalder fa piangere Nina Dobrev, la colpa è della storia con Nikki Reed

A quanto pare Nina Dobrev ha finalmente dimostrato i suoi sentimenti in relazione alla storia d’amore tra il suo ex Ian Somerhalder e la sua nuova fiamma Nikki Reed

Entertainment

Tavecchio, il pregiudicato, 71enne, razzista che voleva diventare presidente FIGC

Carlo Tavecchio parla di ringiovamento del calcio italiano ma con la sua età e la sua mentalità lo rimanda ai tempi della pietra, e a breve potrebbe diventare presidente FIGC, grazie all’appoggio dei presidenti delle squadre di Seria A

Entertainment

Oggi a Uomini e Donne Cristian e Tara a Settembre il matrimonio

Uomini e Donne oggi andrà in onda su canale 5 con una nuova puntata di “Uomini e Donne e poi” ma, i gossip sono incentrati su Cristian e Tara la coppia che ha abbandonato Temptation Island e che ad oggi progetta il proprio matrimonio

Entertainment

Anticipazioni americane Beautiful – Ridge ferma il matrimonio di Brooke

Ecco le anticipazioni americane che andranno in onda a settembre dove vedremo Ridge contro Bill

Entertainment

Anticipazioni Un posto al sole trame settimanali dal 28 luglio al 3 agosto

Palazzo Palladini ed il Caffè Vulcano saranno i luoghi principali in cui si svilupperanno le vicende di Un posto al sole. La soap opera partenopea che va in onda su Rai 3 alle ore 20.35 regalerà sicuramente suspense ed emozioni, diamo uno sguardo alle anticipazioni settimanali relative alle trame che vanno dal 28 luglio al 3 agosto

Entertainment

Squadra Antimafia 6 anticipazioni – Giulia Michelini lascia la serie, addio a Rosy Abate

Dopo questa stagione, l’attrice romana ha deciso di dire addio al suo personaggio e l’annuncio è arrivato direttamente al Giffoni Film Festival

Tag