Mostre imperdibili. Emilio Isgrò alla Gam di Roma

Emilio Isgrò: Modello Italia (2013 – 1964). Una mostra a cura di Angelandreina Rorro, 20 giugno – 6 ottobre 2013 alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma

Quelle di Emilio Isgrò non sono mostre, sono irruzioni nel presente, ingressi provocatori e poetici in un’attualità che di artisti ha sempre avuto bisogno, ed oggi più che mai. E lui, che attraverso le iconiche cancellazioni è arrivato a cancellare persino la Costituzione italiana, per non parlare delle località geografiche, torna in scena con altre affermazioni dove passato e presente non si cancellano con una linea nera, ma attraverso questo segno grafico si arricchiscono di nuovi significati, c’impegnano a considerarne il senso in positivo, si trasformano. E l’Italia ha bisogno di trasformazioni, se non addirittura di gesti patriottici, come spiega lo stesso artista “ Il mio Modello Italia – afferma  – è un modello identitario che, partendo dall’arte, vuol recuperare quella unicità culturale che dal Rinascimento al Futurismo ha imposto l’Italia al rispetto del mondo. Perché sì, è vero, siamo economicamente e politicamente in crisi, una piccola potenza ormai. E tuttavia restiamo pur sempre una grande potenza culturale in grado di competere sui mercati globali. È da questa consapevolezza che dobbiamo ripartire noi artisti se vogliamo segnare le vie del coraggio anche all’economia e alla politica. Direi che il nostro è un dovere patriottico: per il nostro sistema Paese e per la stessa Europa”.

SP, Isgrò illustra la mostra (ph. Pitrone), LGT

La mostra della Gam propone in una sorta di percorso a ritroso, l’attualità dell’arte di Isgrò sottolineando quegli elementi di continuità con le opere degli anni Sessanta e Settanta. Si comincia quindi con i lavori degli ultimi cinque anni: con l’opera Dichiaro di essere Emilio Isgrò, realizzata nel 2008 per il Cetro pecci di Prato, e nella quale l’affermazione era un’assunzione di responsabilità rispetto al suo stesso passato d’artista; c’è Modello Italia (2012), e Fratelli d’Italia (2009) che fa da contrappunto allo Sbarco a Marsala (2010) in cui la statua di Garibaldi viene travolta dalle formiche sulle note di Casta Diva eseguite da un carillon.

isgro_oraitaliana

Dal panorama italiano (La Costituzione cancellata, 2010; L’Italia che dorme, 2010; Cancellazione del debito pubblico, 2011) l’orizzonte si allarga a una visione globale con Weltanschauung, (2007),  Var ve yok e Codici ottomani (2010). A questa compagine di lavori si aggiunge un gruppo di opere inedite: giornali italiani cancellati secondo una logica costruttiva che intende indicare la necessità di un nuovo inizio per il nostro Paese e per l’Europa.

Al piano superiore una selezione di lavori celebri come Volkswagen (1964), Jacqueline (1965), Enciclopedia Treccani (1970), nonché i primi Libri cancellati, i Telex, i Semi d’arancia e il Particolare ingrandito di Gianni Agnelli,  fino alla struggente Ora italiana (1985 vedi foto) ispirata alla strage di Bologna. www.gnam.beniculturali.it (a.d)

 

GUARDA UNA SERIA DI OPERE DI EMILIO ISGRO’

 

© Riproduzione riservata

Entertainment

C’è posta per te streaming Video Mediaset, puntata di oggi 31 gennaio

Ecco come rivedere in streaming online la puntata di questa sera sabato 31 gennaio di C’è posta per te, con tanti incredibili ospiti

Entertainment

Super Bowl – Katy Perry si esibirà con Missy Elliott

La cantante dovrebbe esibirsi con Missy Elliott nell’intervallo dell’evento sportivo in programma domenica

Entertainment

Emma Marrone carica in vista di Sanremo

La cantante si dice carica in vista dell’esordio sul palco dell’Ariston al fianco di Carlo Conti

Attualità

Domenica musei gratis per tutti

Aperture gratuite a tutti i musei d’Italia ogni prima domenica del mese

Entertainment

Irina Shayk hot, gli scatti mai visti della ex di Ronaldo

Irina Shayk come non l’avete mai vista – le foto hot della top model

Moda e Beauty

Tendenze make up: le nuove collezioni

Chanel, Dior, Armani, e non solo, hanno lanciato le loro collezioni make up per la primavera.

Tag

-->