Il Grande Gatsby: un classico film di Baz Luhrmann

Fredda accoglienza a Cannes per quello che non è altro un perfetto film in stile Luhrmann. Leonardo DiCaprio è strepitoso!

Basta che un film venga accolto non benignamente dalla critica di Cannes che immediatamente tutto il pubblico diventa critico d’eccezione. Normale, ovvio, scontato. Certo è che quando si parla di un film di Baz Luhrmann, si dovrebbe avere l’accortezza di non dimenticare le caratteristiche del regista e sceneggiatore australiano.

Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann, altro non è che un film di Baz Luhrmann, non manca assolutamente niente. Il suo stile è in ogni singola scena, in ogni singolo dettaglio delle scene, nella caratterizzazione dei personaggi, nei colori del cielo, nei costumi e in quelle feste tanto barocche da risultare pacchiane agli occhi dello spettatore.

Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann, altro non è che qualcosa di scontato e nonostante questo bello e perfetto, perché se qualcuno ha immaginato di sedersi al cinema e di trovarsi di fronte a una classica trasposizione cinematografica del libro di Francis Scott Fitzgerald, c’è da dire che probabilmente è rimasto totalmente deluso. Baz Luhrmann è altro da questo. Baz Luhrmann non è trasposizione cinematografica, è cinema autocelebrativo e imponente.

 

 

Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann, altro non è che una bellissima storia d’amore, un continuo ritorno al passato e un sogno del protagonista da perseguire. Amore e niente di più. L’amore che permea tutto il film dall’inizio alla fine: l’amore del giovane e sprovveduto Nick Carraway, narratore interno che racconta le vicende servendosi della macchina da scrivere e della parole, della memoria: vi ricorda qualcuno? Ovviamente Christian di Moulin Rouge che iniziava così le sue memorie:

“Sono arrivato a Parigi un anno fa. Era il 1899, l’ estate dell’ amore. Io non sapevo niente del Moulin Rouge, ne di Harold Zidler o di Satine; il mondo era stato travolto dalla rivoluzione bohemien, e io ero arrivato da Londra per prendervi parte. Su una collina di Parigi c’ era il quartiere di Montmartre, non era come diceva mio padre ” il quartiere del peccato!”, ma il cuore del mondo bohemien, musicisti, pittori, scrittori, i cosiddetti figli della rivoluzione. Sì, ero venuto a fare una vita da spiantato, ero venuto a scrivere di verità, bellezza, libertà e la cosa a cui credevo di più in assoluto: L’ amore”.

L’amore. L’amore, quello Tom Buchanan per le donne, tutte le donne, o forse solo per se stesso e per il suo ego.

L’amore è quello che Daisy Bunchanan ha provato e forse non proverà mai più. Un amore che avrebbe voluto provare e forse non ha mai provato. Un amore che ha paura d’essere e dunque resta immobile e addirittura accantonato, dimenticato, forzatamente – e neanche troppo – lasciato morire.

E poi c’è l’amore di Jay Gatsby, quello puro, incondizionato. Gatsby ama la sua donna, o meglio ama la donna che ha deciso di voler sposare a tutti i costi. Ama talmente tanto il suo desiderio che promette a se stesso di realizzarlo a tutti i costi e poco importa come. Non importa come si raggiunge un obiettivo, l’importante è arrivarci. Fino alla fine delle pellicola Gatbsy ci crede e sorride impaurito e spavaldo. Il passato si può replicare, lo crede fermamente. Il passato non si può cancellare. Del resto:

“Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgastico che anno per anno indietreggia davanti a noi. C’è sfuggito allora, ma non importa: domani andremo più in fretta, allungheremo di più le braccia … e una bella mattina… Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato”.

 

 

L’amore permea tutto il film, dall’inizio alla fine: la morte è l’ennesimo coronamento scenografico e cinematografico che Luhrmann sceglie di mettere in scena in maniera teatrale, velocizzando e allo stesso tempo dilatando i tempi. Se si pensa che questa pellicola è un film d’amore scritto da Baz Luhrmann, non si potrà certamente dire di trovarsi di fronte a un brutto film, tutt’altro. Le feste sfarzose, i costumi di Prada e Miu Miu, la colonna sonora perfetta per ogni singolo minuto della pellicola, Leonardo DiCaprio serio e urlante, Leonardo DiCaprio che piange e ancora e piscine, la macchine, i gioielli, la ricostruzione di New York, i colori e ogni piccolo dettaglio, altro non sono che caratteristiche inconfondibili di Baz Luhrmann.

Conclusione: se siete fan del romanzo di Francis Scott Fitzgerald e fan del film del 1974 di Jack Clayton con Robert Radford e Mia Farrow, questo film non fa per voi. Se siete fan di Baz Luhrmann e di tutto quello che il suo cinema è capace di regalare, non potete perdere il suo Il Grande Gatsby.

 

(b.p.)

© Riproduzione riservata

Entertainment

50 sfumature di nero, il regista di Twilight al posto di S. T. Johnson

David Slade sembra essersi candidato per il ruolo di regista nel film 50 sfumature di nero, dopo il successo del terzo film della saga Twilight, “Eclipse”

Entertainment

Squadra Mobile Video Mediaset: streaming seconda puntata 27 aprile

Ecco come rivedere in streaming su Video Mediaset la seconda puntata di Squadra Mobile

Moda e Beauty

Un anello per salvare i bambini

Bulgari rinnova il suo impegno sociale per la raccolta di fondi a favore dei bambini coinvolti in disastri naturali e guerre

Entertainment

Il Segreto Video Mediaset, puntata intera di oggi 27 aprile – Anticipazioni e info streaming

Ecco le ultime anticipazioni della puntata di oggi de Il Segreto e il link per rivederla in streaming online

Moda e Beauty

Renzo Piano crea e firma una borsa che sembra un edificio

L’architetto ha realizzato l’accessorio per Max Mara in soli 250 esemplari, per il party di inaugurazione del Whitney Museum di New York

Entertainment

Video Mediaset Il Segreto: streaming puntata 27 aprile

Ecco come rivedere in streaming la puntata di Il Segreto di oggi 27 aprile

Tag

-->