Conclave. Angelo Scola, il pensiero

Oggi, secondo giorno di Conclave, Angelo Scola, cardinale di Milano è ancora dato come favorito tra i favoriti per la successione di Benedetto XVI

Per approfondire il pensiero di Angelo Scola, già noto come il Cardinale del dialogo, niente di meglio che leggere i suoi libri. Nel 2007 per Marsilio è uscito Una nuova laicità, testo di straordinaria attualità, soprattutto nel nostro Paese dove il dibattito sulla laicità è sempre aperto e le ragioni dello Stato laico e quelle delle Chiesa nel suo ruolo pubblico sono sembrate negli ultimi anni lontanissime. Il nuovo Papa, chiunque sarà, se ne dovrà fare carico.

Nel libro Scola afferma che è necessario un ripensamento complessivo e una pratica rinnovata in riferimento sia alla società civile, sia allo Stato. A imporlo – scrive è la rapida transizione che stiamo vivendo nel passaggio epocale dalla modernità alla post-modernità che ha nella globalizzazione, nella civiltà delle reti, nell’imponenza delle scoperte biotecnologiche e nel processo, non privo di drammaticità, di «meticciato di civiltà e di culture», le espressioni più clamorose. Le questioni relative alla sfera affettiva, al bios, all’interculturalità, all’inter-religiosità hanno cambiato i termini delle discussioni nostrane sulla laicità. Senza annullare il peso delle problematiche classiche, che si lasciavano per lo più concentrare nel rapporto Stato-Chiesa, numerosi e più articolati sono oggi diventati i temi che confluiscono nell’ambito della laicità. A tal punto che si sente il bisogno non solo di ripensare questa delicata categoria, ma addirittura di tentarne nuove forme. Le proposte raccolte nel libro affrontano pertanto molti temi ardui e complessi nella prospettiva di raggiungere la strada di una pacifica convivenza in cui raccontarsi per riconoscersi possa diventare la prima regola per una vera democrazia.

Non meno interessante il testo che Angelo Scola ha scritto con il filosofo ateo Paolo Flores D’Arcais nel 2008 Dio? Ateismo della ragione e ragioni della fede (Marsilio), un confronto tra l’ateo e il credente svoltosi durante un incontro alla Normale di Pisa su temi fondamentali come la scienza, l’evoluzione, la fede, la libertà.

Più che le conclusioni ovviamente diverse alle quali i due approdano, il libro evidenzia come la necessità di ascoltare in profondità le ragioni altrui per proporre senza falso rispetto le proprie, siano le vie privilegiate per ridurre il tasso di conflittualità in una democrazia fondata su procedure e consenso. Più attuale di così…

(a.d)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Valerio Scanu e il caratteraccio: colpa della sincerità

Si definisce tranquillo, ma non riesce a stare zitto di fronte agli attacchi. Isola dei famosi in vista?

Entertainment

Heather Parisi fuggita in Cina? Calunnie che ancora oggi la rattristano

Cina scelta per esigenze del marito, e per il futuro dei suoi tre figli. Ricorda quando soffriva di bulimia

Lifestyle

Le fotografie di Harry McNally, tra favola e realtà

Quando le favole si uniscono alla vita reale – nasce la serie del fotografo newyorkese Harry McNally “Moments like these”

Moda e Beauty

Look di Capodanno: paillettes

Look di Capodanno: paillettes

Entertainment

The Interview – Interviene Obama “La Sony ha sbagliato”

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è voluto intervenire in merito alla questione Sony-Corea del Nord

Lifestyle

Belen “Natale con Stefano e Santiago”, altro che crisi

Nessuna crisi tra Belen Rodriguez e Stefano De Martino che programmano il Natale e una fuga al caldo insieme

Tag

-->