World press Photo, vince Paul Hansen con uno scatto da Gaza

Una immagine di Paul Hansen vince il prestigioso “World Press Photo”

Lo svedese Paul Hansen s’è aggiudicato la 56ma edizone del World Press Photo, il premio fotogiornalistico più importante del mondo. Con una immagine di Gaza che mostra la disperazione di due palestinesi con in braccio i cadaveri di bambini avvolti in un lenzuolo. Una foto dove c’è tutto: dolore, rabbia, la disperazione, la perdita, il contrasto terribile tra l’innocenza dell’infanzia e la brutalità della guerra. Hansen, che lavora per il quotidiano svedese Dagens Nyheter, ha raccontato che gli uomini portavano i bambini alla moschea; dietro,   il corpo del padre, portato su una barella . I bambini erano Suhaib Hijzi e suo fratello, Mohamed, avevano due o tre anni sono morti nel bombardamento che ha distrutto la sua casa. Il missile che ha fatto esplodere l’edificio arrivava da parte israeliana. (ad)

crediti: Paul Hansen, Sweden, Dagens Nyheter

crediti: Paul Hansen, Sweden, Dagens Nyheter

© Riproduzione riservata

Entertainment

Anticipazioni puntate americane Beautiful – Wyatt salva Liam

Ecco cosa accadrà a Liam e Wyatt nelle puntate che andranno in onda prossimamente

Entertainment

Anticipazioni Il segreto trama puntata di oggi 29 luglio

Ecco cosa accadrà nella puntata di oggi della telenovela di Canale 5 Il segreto, in cui Soledad e Juan scoprono che Olmo non ha intenzione di ostacolare i loro progetti

Entertainment

Streaming video replica puntata di oggi de Il segreto

Nella puntata di oggi della telenovela di Canale 5 Il segreto abbiamo visto Tristan arrabbiato con Olmo e Donna Francisca, colpevoli di aver avvelenato i terreni di El Jaral

Entertainment

Adriano tentato da un ritorno in Italia nella serie D

Possibile ritorno in Italia per Adriano contattato dal club laziale del Terracina militante nella serie D

Entertainment

Licia Colò polemica con Vianello: “Con i suoi programmi innovativi sta facendo il 3%”

Allontanata da Kilimangiaro non per demeriti, ma per via di un rapporto conflittuale con il direttore di rete

Tag