Mostre. Patrizia Lottini, “La fattoria degli animali meccanici”

“La fattoria degli animali meccanici”, sculture di Patrizia Lottini. Roma, sala santa Rita |6 febbraio -2 marzo 2013. A cura di Norberto Vezzoli

Vecchi attrezzi, ferri rugginosi, tubi e falcetti dimenticati in cantine, parti di macchine in disuso: sono gli oggetti preziosi reinventati dalla scultrice grossetana Patrizia Lottini. Dall’assemblaggio riconoscibile di questa ferraglia arrugginita l’artista fa nascere nuove forme di vita meccanica, gli animali astratti e fantasiosi.

Il percorso creativo che conduce a questa sorprendente Fattoria degli animali meccanici nasce dallo stretto rapporto dell’artista con la natura, in particolare con l’ambiente della Maremma, suo specifico luogo d’origine e di vita. Il contatto costante con l’esperienza di fattoria, la conoscenza della funzione degli attrezzi e la dimestichezza con la vita degli animali si unisce allo studio delle antiche saghe e leggende locali, costituendo il filo di collegamento coerente di tutto il lavoro della scultrice.

Il disco della frizione di una vecchia millecento che diventa il guscio di una chiocciola o un vecchio forcone che forma la coda di un gallo sono i materiali che, incontrandosi e sovrapponendosi, creano nuove forme e figure dando origine alla fattoria con diversi tipi di vita animale e sconosciuti abitanti dei boschi  maremmani, in bilico tra saghe, fantasia ed estro creativo. Sono attrezzi e macchine che raccontano del lavoro nei campi e che l’artista destruttura e recupera a nuova vita, dando nuova dimensione alle forme, nuove vite plasmate dall’arte e dalla fantasia.

Nel lavoro di Patrizia Lottini prevale la manualità, la costruzione procede con tempi lunghi e la scultura prende forma lentamente, in linea con i ritmi delle stagioni per dare poi vita all’arte. L’artista descrive così le proprie sculture ed il percorso per realizzarle:

I vecchi attrezzi, i pezzi di ferro rugginosi e le nuvole, hanno una poesia comune: spetta alla nostra fantasia scoprirla! Materiali legati l’uno all’altro che, incontrandosi, sovrapponendosi, come le nuvole, creano nuove forme e figure; innovative forme di vita pur se meccanica, una sinfonia colorata dalla ruggine che ne ha segnato il tempo ma non la fine! Forse è una bizzarra evoluzione della specie e forse Darwin era un fabbro…” (a.d)

© Riproduzione riservata

Entertainment

Le Iene – L’intervista a Carolina Kostner “Non sapevo del doping”

Tornano Le Iene con un’intervista esclusiva alla pattinatrice Carolina Kostner, squalificata per aver aiutato l’ex compagno Alex Schwazer

Entertainment

Allergia alle arachidi? Gli scienziati potrebbero aver trovato la soluzione

I ricercatori del Murdoch Childrens Research Institute di Melbourne in Australia potrebbero aver trovato definitiva soluzione al problema. Cerchiamo di capirne di più.

Entertainment

Alessia Marcuzzi e la lite con Mara Venier all’Isola dei famosi 10

Ecco cosa è accaduto prima della diretta di lunedì scorso dell’Isola dei famosi 10, Alessia Marcuzzi e Mara Veneir ai ferri corti

Entertainment

Grey’s Anatomy 11×09 streaming video e anticipazioni, finalmente

Il grande giorno del ritorno è arrivato, ecco tutto quello che c’è da sapere sul nuovo appuntamento con Grey’s Anatomy 11

Lifestyle

Galaxy S6, addio allo Snapdragon 810: la conferma di Qualcomm

Samsung ripiegherà su un SoC proprietario della famiglia Exynos, molto probabilmente l’Exynos 7420

Lifestyle

Apple Watch, prezzo, data di uscita, caratteristiche

Tutte le info che vuoi sapere su data di uscite, prezzo e caratteristiche tecniche del nuovo Apple Watch, ultima novità della Casa di Cupertino

Tag

-->